Archive for the 'The Universe' Category

Settimana 100: 07/05 – 13/05

Serie TV
Game Of Thrones. Stagione 2. Episodio 6.
6. Il più noioso fin’ora pur essendoci tanti morti ammazzati. Le situazioni più interessante si vedono a Winterfell e oltre la Barriera, dove si muove qualcosa e si prospetta un futuro interessante. A King’s Landing si rischia di vedere nuda Sansa, cosa che purtroppo non accade. A Qhart (o come si scrive) Emilia Clarke è sempre gnocca, ma senza draghi ispira meno zozzerie. In poche parole il solito Game Of Thrones. (7/10)
Don’t Trust The B In Apartment 23. Stagione 1. Episodi 4, 5.
4. Dissacrante come al solito e questo è un bene. Tiferò JVTB a ballando con le stelle. Episodio ricco come al solito di ambientazioni, situazioni e trame incastrate tra loro. L’aspetto comico non è il massimo, ma il senso di soddisfazione alla fine dice tutto. Poi c’è Hercules. (8/10)
5. Bello! Trama scombinata, veloce e sensata, con un finale straordinario e un JVDB in ottima forma. Meatballs! Non stanno sbagliando un colpo. (8/10)
Community. Stagione 3. Episodi 18, 19.
18. Si torna a salire. L’elaborazione del lutto non è proprio il massimo, ma il tanto spazio lasciato al dean, lo sviluppo della storia e il richiamo al rollio dei dadi mi hanno convinto. Si prospetta il solito finale bomba. (8/10)
19. Ancora un episodio “remember” pieno zeppo di stupidissime scene inedite. Viene anche dato un definitivo spazio alla continuity, scherzando con generi, situazioni, scrittura e caratteri. Ennesimo ottimo livello creativo. (8/10)
Desperate Housewives. Stagione 8. Episodio 21.
21. Che ansia il lascia e prendi tra Tom e Lynette! Che ansia la situazione di GIULY, che ansia Bree! Niente di nuovo da segnalare, se non il probabile arresto di Bree che fa redimere Gaby. Spiffererà tutto? Lo scopriremo alla fine di tutto, nell’attesa penso ad altro. (5/10)
Luck. Stagione 1. Episodio 9.
9. Finale chiuso che consolida una stagione pressoché prefetta. Le ultime due corse sono da capogiro, lo sviluppo della trama preciso e puntuale come sempre. Tecnica sopraffina, buona scrittura e un potenziale che purtroppo rimarrà inespresso. Un tremendo peccato. (8/10)
Mad Men. Stagione 5. Episodi 7, 8.
7. Ennesima perla televisiva. Il centro dell’attenzione lo prendono Megan e la sua famiglia (che in ogni caso continua a non convincermi). La campagna dei fagioli non convince ma è efficace. Peggy deve convivere con un’epoca che le sta stretta e il galà del premio fa interagire una coppia che fa faville: Roger e Sally. Un amore. Tecnicamente perfetto. (9/10)
8. Scoprire che il pezzo dei Beatles è il primo che suona in una serie tv è notevole. Scoprire che l’hanno pagato 250000 dollari è decisamente notevole. Ennesima perla di una stagione che non perde colpi. L’addio di Megan è un punto vitale della storia, peccato che il contorno sia su Pete, sempre più insopportabile. La guestata del mio amore adolescenziale Alexis Bledel non aumenta l’hype dell’episodio. Sotto al precedente. (8/10)
Fringe. Stagione 4. Episodi 21, 22.
21. Imbarazzante. Un’accozzaglia di situazioni ed eventi improbabili. Poteri Jedi, attacchi con piede di porco e fughe al rallentatore con tanto di cattivi dalla pessima mira. Prima parte di finale di stagione bocciata. (5/10)
22. Seconda metà che mette in chiaro l’obiettivo del cattivone di turno. A parte altre scelte discutibili (la runa, il colpo di pistola in testa, la campana), funziona meglio del precedente, anche se non riesce a smuovere il sentimentalismo per via della prevedibilità. (5/10)
Friends. Stagione 7. Episodi 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9.
1. Ritrovo i vecchi amici. Si prosegue da dove c’eravamo lasciati. La Aniston e la Cox in forma strepitosa, tutto funziona come al solito. Phoebe fastidiosa e un non troppo fastidioso limone tra Ross e Rachel. (7/10)
2. A parte Ross, ridicolo, tutto il resto è divertente e puccioso. La Aniston è un po’ porcella, ma a me va bene così. Spero non la tirino troppo per le lunghe con la storia dei preparativi per il matrimonio. (7/10)
3. Messo da parte il matrimonio, l’episodio sale di intensità. Belle battute e storyline tanto assurde tanto divertenti. Phebe sopportabile. (8/10)
4. Trovo che tirare fuori eventi del passato e riderci sopra sia una soluzione facile da adottare per riempire una storyline. Come lo fa Friends però è arte. Carina la vicenda di Rachel, anche se troppo in personaggio. Ps: se Joey torna in Days of our life smetto di mangiare formaggio. (8/10)
5. Chandler vs. le foto è abbastanza ridicolo, mentre la storia dell’assistente figo ha già rotto. C’è da dire che quando Friends cala è sempre bello. (7/10)
6. La storia del riposino mi ha fatto scompisciare così come l’audizione per diventare damigella d’onore. Neo la storia di Monica e Chandler a che fare con il solito passato ciccione di Monica. (8/10)
7. Simpatica la gag della biblioteca, niente di storicamente rilevante nel contesto. Torna Janice e le pisciate addosso si moltiplicano a dismisura. (8/10)
8. Mhh, episodio carino ma nulla più. Rachel vs. Tag è una palla, mentre Ross diverte con la storia degli stati. Il cane è carino. (7/10)
9. Fillerone tremendo. Monica fa caramelle, a Phoebe viene regalata la prima bicicletta e Rachel spacca i maroni con la storia di Tag. Mi sto già annoiando. (7/10)

Documentari
The Universe. Stagione 1. Episodio 6.
6. Tutto l’episodio incentrato sulle teorie di formazione della Luna. Non male, anche se alla lunga ha un po’ stancato. Un solo accenno alle missioni lunari e nessun esempio escluso il Bungee Jumping. (6/10)

Reality
Survivor. Stagione 24 (One World). Episodio 13.
13. Che noia. A parte Chelsea che si fa la doccia, il resto è di una noia pazzesca. Le prove fanno pena e il risultato del tribal council è di una banalità sconcertante. Prevedo una vittoria facile di Kim, anche se spero di sbagliarmi (significherebbe un terremoto di alleanze). (5/10)
Extreme Couponing. Stagione 1. Episodi 1, 2, 3, 4, 5.
1. Tizia orribile che si trucca e si mette gli stivali da vacca per andare a fare la spesa da pezzente. E si becca pure gli applausi dopo 94% di risparmio. La seconda archivia roba in tutta casa con un sistema di distribuzione barattoli si sugo. Deve mantenere SETTE FIGLI. Ok. (6/10)
2. Famiglia di cicciobbombi fa la spesa da pezzente per dare una cena. Però ha bisogno di gente per uno sconto e rimane nel negozio per CINQUE ore. La seconda è una tizia bionda cheerleader sposata col tipico boscaiolo con i baffi. Splitta la spesa in otto e risparmia il 99%. (7/10)
3. Le gemelle con 400 pannolini sono fastidiosissime, loro e il loro compleanno. L’altro è un super nerdone con madre al seguito che compra roba per le truppe in Afghanistan. Va beh, risparmia il 97%. (6/10)
4. La prima tizia è la migliore in assoluto, alla fine ci ha quasi guadagnato. La seconda vive il dramma della doppia transazione, ma alla fine se la cava. Poche emozioni. (6/10)
5. Idola la prima che raccatta i coupon nel cassonetto. Fa una spesa da SETTE CARRELLI e risparmia il 98%. La seconda ruba i giornali ai vicini e ha il garage pieno. Questa però è una dilettante, ha speso troppo. (6/10)

Alla prossima settimana,
Boss.

Settimana 98: 23/04 – 29/04

Serie TV
Game Of Thrones. Stagione 2. Episodio 4.
4. Ennesimo eccellente episodio, nel quale mi trovo persino con nomi e città. Solo alcune piccole note di demerito per qualche deus ex machina (quello di Arya su tutti) ma il cliffangherone fantay finale non mi è dispiaciuto per nulla. Avanti così, ottimi effetti speciali. (7/10)
Desperate Housewives. Stagione 8. Episodi 18, 19.
18. Davvero, il mistero è interessante e non si vede via d’uscita. Peccato per il resto dei trentacinque minuti, nei quali succede poco o nulla. Ah no, Susan insegna ad MJ a tirare marmellata contro al muro e Lynette CI VUOLE PROVARE CON TOM. BASTAAAA. (6/10)
19. Arresto, non arresto, arresto, non arresto. Solo che non vada avanti all’infinito questa tiritera. Il resto è prevdibilissimo ma non fastidioso: l’avvocato squalo, TOM E LYNETTE, Susan e la sorella ritardata di Mike per farci vedere che era un santo, Gaby e la gelosia di Carlos. Niente di nuovo. (5/10)
Fringe. Stagione 4. Episodi 19, 20.
19. Desmond. Eccoci al consueto episodio che segna il cambio di rotta nel corso del racconto. Ambientato nel futuro, in un mondo dominato dagli osservatori, molti misteri vengono aggiunti assieme a personaggi (Desmond? ENRICHETTA?) che faticano a trovare una vera e propria dimensione. Paga l’assenza di Peter e Olivia, ma il materiale è così buono e così promettente che non si può proprio denigrare. (7/10)
20. Ottimo. L’ho trovato decisamente pretestuoso, visti i quaranta minuti ricchi di parole e utili a generare un calderone che porta a separare i due universi. Ma è tutto così emotivamente fatto bene e ricco di continuity che risulta decisamente affascinante. (8/10)
Luck. Stagione 1. Episodio 7.
7. Lo riprendo in mano dopo mesi dalla notizia della cancellazione. Ritrovo le vecchie sensazioni, un prodotto tecnicamente perfetto anche se in questa puntata qualche difettuccio spunta fuori. La trombata in macchina “split the pot” è agghiacciante mentre tutta la parabola di Ace resta sempre da comprendere. Il passato duro di Turo è un cliché pericoloso. (7/10)
Community. Stagione 3. Episodio 17.
17. Questo è il Community che amo io. Rivede gli schemi, con intelligenza e genialità sbrodola ironia e sarcasmo. Preciso, puntuale, sensato, non sbaglia un colpo. Ottima storyline e colpo di scena finale che non mi aspettavo. Complimenti. (9/10)
Don’t Trust The B In Apartment 23. Stagione 1. Episodio 3.
3. Meno intenso degli altri, ma ancora decisamente gradevole. Mi ci mettono la Shipka ed è subito amore. Plot ancora una volta caotico e ben strutturato, con risvolti neanche troppo prevedibili. Poco James. (7/10)
Mad Men. Stagione 5. Episodio 6.
6. Ennesimo piccolo capolavoro. Tre punti di vista della stessa giornata, raccontati in maniera lancinante e dettagliata, sviluppando situazioni e personaggi in un turbinio di paure ed introspezioni. Uno degli episodi più cupi di sempre, caratterizzato da una tempistica precisione. (8/10)

Documentari
The Universe
. Stagione 1. Episodio 4.
4. I pianeti mi annoiano, ma Giove è una figata paurosa. Composto di gas (?), il suo campo magnetico ruba il primato al sole di “cosa” più grande del sistema solare. Voglio vivere su Europa. (8/10)

Reality
Survivor. Stagione 24 (One World). Episodio 11.
11. Errore fotonico dei soliti concorrenti senza spina dorsale, non in grado di capire il momento di girare la banderuola. Kim sbaglia nella scelta delle compari della reward, ma non paga le conseguenze. Spero che paghi in futuro. Non riesco ad esprimere, però, un parere completo e serio dopo aver visto CHELSEA INSAPONATA. Meriterebbe un venti come voto, in una scala che va da uno a uno. (6/10)
Survivor. Stagione 17 (Gabon). Episodi 1, 2, 3.
1. Doppio episodio, doppio tribal council, doppia noia? Inizio standard, a parte le ambientazioni straordinarie non spiccano personaggi interessanti a parte il Professional Gamer e la pin un model. Davvero, il nulla assoluto da segnalare. (6/10)
2. Sugar personaggio definitivo della stagione, insieme a Bob. La tribù rossa fa davvero schifo, ma riesce a vincere due challenge in fila, grazie al campione mondiale di videogiochi. Inizia a diventare interessante, vedremo dopo il merge se la strategia inizia a farla da padrone. (6/10)
3. Lo switch delle tribe fa schifo lo stesso, ma mette in luce la lucidità strategica di Ken. Sugar la vedo in crisi nell’Exile e il resto è di una noia mortale. Prova orribile. (5/10)

Musica
Orpo! – ProvoCanti (2011)
Bellissimi i titoli delle canzoni, per un disco cupo ma ascoltabile. Niente di maestoso, ma il sound grezzo e confuso, misto a precisione sonora, alla fine convince.

Alla prossima settimana,
Boss. 

Settimana 89: 20/02 – 26/02

Serie TV
Friends. Stagione 4. Episodi 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22, 23, 24.
15. Chandler in Yemen, Monica la mia copia definitiva e in questo episodio anche Ross fa ridere nella sua banalità. Serie mastodontica che non perde pezzi e colpi. (8/10)
16. Il momento della bottiglia è un momento di televisione altissimo. Il resto è un ottimo episodio, anche se fatica ad andare avanti sulle questioni sentimentali senza qualche coppia fissa. Phoebe incinta è anche quasi simpatica. (8/10)
17. Situazione sentimentale di Ross che non esalta con una Monica sotto tono. La storia del porno gratis non convince anche se le battute a tema risultano buone. Regge la baracca Phoebe e sì, mi vergogno a scriverlo. (7/10)
18. Decisamente nulla di entusiasmante. Tutte le storyline non colpiscono per innovazione e giocano sui soliti classici cliché legati alle personalità dei personaggi. Può fare di meglio. (7/10)
19. Episodio epico. Scambio di appartamento, proposte di matrimonio, limoni e una chiusura cantata geniale. Quando riescono a combinare continuity e dettagli, tutto diventa esplosivo. (9/10)
20. Anche se Monica raggiunge il livello minimo di comprensione, l’episodio resta gradevole e godibile. Chandler è in ombra, ma un ombra che splende. Tremo per il futuro matrimonio. (8/10)
21. Episodio che sbrodola vecchie scene, con un collage sentimental/amoroso. Quello che si vede è già visto, fa piacere rivedere il tutto ma la poca inventiva, unita ad un dramma emotivo, rendono l’episodio poco godibile. (5/10)
22. Episodio davvero gradevole. Il sestetto si divide in due, regalando alcune delle migliori dinamiche separate. Le storyline preparano al finale di stagione che si annuncia pirotecnico. Meno male che l’anatra è ancora viva. (8/10)
23-24. Finale di stagione col botto. Si parte bene, con il duo Joey e Chandler in gran forma. Monica trattata malissimo da tutti e dai suoi, finalmente si avvicina a Chandler. Vomito arcobaleni per il futuro, ma il loro congiungimento non mi è piaciuto. Troppo veloce e troppo scontato. La tiritera di Ross e Rachel va ancora avanti e il colpo di scena finale serve solo ad aumentare l’hype per la quinta stagione. (7/10)
The Walking Dead. Stagione 2. Episodio 9.
9. Inizia bene e prosegue meglio per tutto il tempo in cui si narrano le vicende di coloro che sono FUORI dalla fattoria: ansia, sparatorie, zombie. Le dinamiche interne sono agghiaccianti, messe in atto da personaggi che dovrebbero morire TUTTI. Il problema di questa stagione è proprio la staticità delle ambientazioni e delle situazioni: troppo tempo perso tra quei quattro recinti a cucinare aria fritta. (6/10)
How I Met Your Mother. Stagione 7. Episodio 17.
17. Chiaro esempio di come l’unica cosa che può mandare avanti una carcassa per conto proprio è la continuity. Il richiamo al passato e i segnali al futuro fanno restare alta l’attenzione in un episodio che comunque sì, è divertente, ma che resta troppo lontano dai fasti di qualche anno fa. (7/10)
Once Upon A Time. Stagione 1. Episodio 13.
13. Che barba questo episodio. Niente di nuovo sul fronte Charming-Snow sia dal lato fiaba sia dal lato reale che raggiunge, in questo caso, il minimo storico. Se escludo il mistero dello scrittore e quello della sparizione della figlia di Re Mida, il resto è TUTTO FUMO. Noia. (5/10)
The Good Wife. Stagione 1. Episodio 8, 9, 10, 11.
8. Che paura! Chi è quello spione? Ennesimo caso vinto per il rotto della cuffia, del quale non frega niente a nessuno perché c’è l’appello di Noth che è molto più importante. La parte sui figli non è solidissima anche se ha del potenziale, punto debole. Il resto è maestoso. (8/10)
9. Altro ottimo episodio. Tralasciando la nonna di Jen e le difficoltà adolescenziali dei figli, tutto funziona alla grande. Arriva il terzo socio che più interessante non poteva essere. Terzo socio = Threesome di Peter, che assume importanza e prende in mano una situazione difficile facendo ricadere Alicia tra le sue braccia. Interessante anche la storia del complotto, vedremo. (8/10)
10. Carina la storia del giudice, attenzione che si sposta su altri personaggi e non sul duo Alicia-Peter. Le vicende della figlia non mi convincono, mentre la candidatura della madre di Sheldon unita alla fermezza di Will (che gioca a basket!) sono uno spettacolo. La solidità di questa serie è sconcertante. (8/10)
11. Trama orizzontale che avanza un po’? La lotta tra Peter e il fumo nero viene gestita con cura ed attenzione, creando un certo hype. Approfondito a questo giro Will, che sembra essere un vecchio marpione senza scrupoli con una spruzzata di cuore d’oro. Il resto mostra la solita solidità. (8/10)
Luck. Stagione 1. Episodio 4.
4. Rimango sempre colpito da come questa serie possa risultare interessante pur trattando un argomento del quale non me ne può fregare di meno. Oramai quasi tutti i personaggi hanno preso forma: gli intrighi (anche sentimentali) prendono corpo e ci vengono mostrati in maniera decisamente sobria. Tutti hanno qualcosa da dire e l’interesse con cade mai. Unico neo: il poker, mai verosimile. (8/10)
Fringe. Stagione 4. Episodio 14.
14. Episodio eccelso che mette la giusta carica di hype per il finale di stagione. Intenso sotto tutti i punti di vista, pecca di prevedibilità in alcune scelte di sceneggiatura e sfrutta troppo il “dico non dico”. Tocca le corde emotive al punto giusto e il momento con l’observer soddisfa, a metà, le aspettative. (8/10)

Documentari
The Universe
. Stagione 1. Episodio 3.
3. Dopo la rottura di palle del precedente episodio su Marte, ecco che si parla DELLA FINE DELLA TERRA. BELLISSIMO. Tra asteroidi con la possibilità di 1/45000 di colpire la Terra tra vent’anni, tra GAMMA BURST e THE BIG RIP io mi sono sciolto. (9/10)

Reality
Survivor. Stagione 24 (One World). Episodio 2.
2. Niente di esaltante, vengono mostrati alcuni drammi interiori col chiaro tentativo di creare ansia che non c’è. Però tornano le due prove (viste e riviste) e nella seconda le tette la fanno da padrone. Già alla seconda eliminazione non si riescono a sconvolgere gli equilibri: la vedo grigia. (6/10)

Musica
Maria Antonietta – Maria Antonietta (2012)

Preso da una fotta che ancora non capisco da dove sia venuta, scopro che questa qua mi ha dedicato una canzone (Quanto Eri Bello): è amore. Ottimo disco che perde solidità nella seconda parte. Non ho ascoltato il debutto precedente, ma la mano di Brunori si sente. Mezz’ora spensierata.
Frankie Rose – Interstellar (2012)
Tipico disco pitchforkiano. Passa completamente inosservato, non rimane nulla da canticchiare in testa. Probabilmente la cosa più anonima che abbia mai ascoltato.

Alla prossima settimana,
Boss.

Settimana 87: 06/02 – 12/02

Serie TV
Fringe
. Stagione 4. Episodio 11, 12.
11. Non male, finalmente viene dato spazio ad Asrid e alla sua copia. Tutto trova spazio in un episodio che fa dire qualcosa anche agli osservatori, lasciando domande che lasciano presagire a prossime risposte. Il resto del cast fa da ombra al solito Noble. Leggera risalita. (7/10)
12. Darei un voto altissimo solo per l’emozione provata nel finale. L’episodio è compatto, solido, interessante e dall’ampio respiro. Combinazioni tra vecchi universi e nuovi, nuove sfaccettature di trama con uno spruzzo di continuity. L’idea che Walter non voglia far partire Peter mi manda in brodo di giuggiole. (8/10)
Friends. Stagione 4. Episodi 8, 9, 10, 11.
8. Chandler espia le sue colpe in un modo straordinario e tutto si risolve con un cuore grande così. Il resto passa in secondo piano, compreso Vaughn di Alias che si limona il mio amore Monica. La storia della scatola mi ha fatto pisciare addosso: è la seconda volta e sono preoccupato. (8/10)
9. Ancora i lavori al centro di tutto. Dopo aver lasciato Rachel da parte per un po’, le si dedica un po’ di tempo con una storyline lavorativa interessante. Monica e Phoebe si dividono (per fortuna), poco, pochissimo Chandler. (7/10)
10. Bah, Ross inutile e trama principale nelle mani di Monica e Joey che mi hanno piacevolmente colpito. Per il resto è stata un’attesa per la canzone finale di Phoebe: decente. (7/10)
11. C’era Phoebe nel titolo ed io ero molto preoccupato. L’episodio regge bene pur avendo un cambio di trama decisamente sconvolgente. Ottima la parte di Chandler e il sesso, buono il duo Joey-Ross, appena sufficiente il resto. (7/10)
How I Met Your Mother. Stagione 7. Episodio 15.
15. Non ho riso neanche un secondo. L’unica cosa interessante è l’esperimento di scrittura e regia fatto. Niente cresce e si evolve, con un calo qualitativo della parte comedy deciso. Un plauso al lavoro, niente plauso alla sostanza. (5/10)
The Good Wife. Stagione 1. Episodi 1, 2, 3.
1. Hype a mille per una delle due serie che rimpiango di aver lasciato indietro. Pilota decisamente ben fatto, pulito, ben scritto e soprattutto ben interpretato. La base procedurale non mi convince a prescindere (anni fa brutta esperienza con Ally McBeal), ma l’ottima fattura mi caricano per il proseguio. Avanti così. (8/10)
2. Episodio raffinatissimo. Soffice e deciso, segue una linea di precisione davvero interessante e ben riuscita. L’ottimo cast mostra una particolare delicatezza nell’interpretare una buona scrittura, dando profondità ad ambienti e luoghi chiusi. Spero continui così, con più Kalinda e meno storie legate a sex-tape. (8/10)
3. Altro eccellente episodio, frutto di un cast che esalta le qualità di un apparato tecnico ottimo. La storia prende ed appassiona, l’unico neo che si può trovare è l’eccessiva fortuna di Alicia nel voltare i casi a proprio vantaggio. Se prosegue così, ho paura di assistere ad un capolavoro. (8/10)
Luck. Stagione 1. Episodio 2.
2. Strabiliante da guardare, ottimamente fatto ma difficile da comprendere. Sembra di essere stati catapultati nel bel mezzo di una vicenda senza avere i mezzi per comprenderla. Si segue bene, ma ha qualche piccola lacuna esplicativa che complica la visione. Dustin Hoffman un po’ spento. (7/10)

Documentari
The Universe
. Stagione 1. Episodio 2.
2. Cheppalle. Marte nn mi ha esaltato per niente, anche se la storia delle missioni era davvero interessante. C’è vita su Marte? Dopo un’ora non l’ho capito, facciamo che opto per il sì. (6/10)

Musica
Émilie Simon – Franky Knight (2011)
Continua il mio recupero “delle francesi”. Non male il quarto album in studio, anche se nei precedenti mi diceva qualcosa in più. Un buon pop non eccessivamente complesso, una produzione semplice senza pretese.

Alla prossima settimana,
Boss.


Rubriche

Comandamenti
Mai più senza:
- Armadio
Opere d'Arte:
- Scultura alle Selz Soda

TV

Classificone Televisivo 2012/2013
Classificone Televisivo 2013/2014
Classificone Televisivo 2014/2015
Classificone Televisivo 2015/2016

Al momento seguo:
Better Call Saul, Stagione 3
Fargo, Stagione 3
Girls, Stagione 6
Ink Master: Redemption, Stagione 3
Last Week Tonight With John Oliver, Stagione 4
Seinfeld, Stagione 5
Son Of Zorn, Stagione 1
Survivor, Stagione 34 (Game Changers)
The Handsmaid Tale, Stagione 1
The Last Man On Earth, Stagione 3
The Middle, Stagione 8
Z Nation, Stagione 3

Sul Kindle


Douglas Adams - Mostly Harmless


David Simon - Homicide: A Year On The Killing Streets

Musica

Ora sono in fissa con:

Frank Ocean - Blonde (2016)

Best of 2009
Best of 2010
Best of 2011

Visite