Archive for the 'The XX' Category

Settimana 145: 18/03 – 24/03

Serie TV
Girls. Stagione 2. Episodio 10.
10. L’episodio in sé non è drammatico, nel senso che ad un primo sguardo non fa così schifo. Riflettendoci bene, la situazione è questa: Marnie e ciccio tornano ufficialmente insieme dopo una serie di tiramolla imbarazzanti, Soshanna e ciccio si lasciano con buone motivazioni da parte di lei e un grosso BOH da parte di lui, Hannah ci sbrodola addosso tutti i suoi problemi mentali (come tutta la stagione) e Adam compie il gesto che non doveva fare. Risultato noioso. (6/10)
Arrested Development. Stagione 3. Episodi 8, 9, 10, 11, 12, 13.
8. Uno dei migliori episodi di sempre. La lotta tra i fratelli, il divorzio, la madre dopo il lifting, Maeby, e le tre lezioni dietro fila in un finale sempre più in crescendo. Il desiderio di leggere The Bob Loblaw Law Blog porta l’episodio direttamente nella storia della televisione. (10/10)
9. Episodio mastodontico. Non so se fosse già chiara all’epoca la notizia della cancellazione, ma guardando l’episodio sembra palese l’ironizzare sul futuro della serie. Tutto è incentrato sul tentativo di “salvare i Bluth”, di renderli appetibili ad un pubblico non troppo generoso e di salvare la faccia. Operazione riuscita, soprattutto per la spruzzata di live. (9/10)
10. Buon episodio, non eccelso. Per me domina la scena la storyline di George-Michael, mentre la questione del finto processo non mi convince. Bene il ritorno di Franklyn, ma il comparto comico l’ho trovato leggermente indolenzito. Siamo vicini al finale. (7/10)
11. Ci si avvicina al series finale a piccoli passi. Ancora nulla di straordinario in confronto al potenziale della serie, ma il mood è resta la classica assurdità dei Bluth. Bene GM, benissimo Gob ma non convince la storyline della prostituta-sorella. Speriamo in un crescendo. (7/10)
12. No va beh, GM che riesce a concludere e poi si scopre che è sua cugina davvero. Episodio geniale per la satira sull’Iraq, trova anche spazio la conclusione della causa contro George in un turbinio di continuity. Per una volta un Buster protagonista serio. (8/10)
13. Conclusione di serie GE-NIA-LE. Mai avevo assistito, in un prodotto televisivo, ad un uso così maestoso e imponente del fattore continuity. Al di là della genialità di ogni singolo personaggio, la storia non fa mai una grinza e niente fa storcere il naso. Storia della TV. Per fortuna mi dovrò disperare per la sua cancellazione solo per un paio di mesi. (10/10)
The Walking Dead. Stagione 3. Episodio 14.
14. Lannoia. L’inseguimento che ruba gran parte dell’episodio è di una banalità e di una pochezza indescrivibili. Due personaggi con bassissimo carisma occupano troppo tempo nelle dinamiche di un episodio in cui succede poco o nulla. La visione di Rick per trenta secondi risveglia dalla sonnolenza ma il tutto ricade nell’oblio più totale. Bene Tyreese, anche se ne abbiamo ancora troppo poco. (5/10)
How I Met Your Mother. Stagione 8. Episodio 19.
19. Nop, lo ammetto: le genialate di Barney sono fenomenali, ma non si ride una volta che sia una. Il Captain ha già rotto le balle, così come la parodia di Downton Abbey stanca alla seconda battuta. Davvero scarso. (4/10)
The Following. Stagione 1. Episodio 9.
9. Qui la trama inizia ad essere di un’assurdità senza precedenti. Il piano di Carroll è folle e senza senso, i dialoghi sono imbarazzanti e le scene d’azione fanno scappare da ridere. Salvo comunque due cose: Jacob che ammazza il tizio e la prova recitativa di Bacon, comunque bravo con un pessimo materiale. (4/10)
The Neighbors. Stagione 1. Episodio 21.
21. Episodio leggermente prevedibile e dalla trama banalotta, ma oramai il marchio di fabbrica è collaudato e il prodotto funziona alla perfezione. Dick domina la scena con le proprie comparsate, Amber spaventa e il rapporto Debby-JK va oltre la sintonia. Siamo ad un passo dalla fine. (8/10)
Go On. Stagione 1. Episodio 19.
19. Mhh. Non sarebbe neanche male se non fosse che il plot è sempre lo stesso: drammino, pucciosità, gruppo di weirdo. Mr. K. È uno dei personaggi migliori e scoprire un po’ del suo passato fa bene al morale. Ora attendiamo Courtney Cox. E un miglioramento. (6/10)
Community. Stagione 4. Episodio 7.
7. Il plot non è dei più originali, ma tante piccole trovate mi hanno divertito. In primis i Delta Cube, poi tutta la parentesi su Grendale che si vende. Il finale è prevedibile, così com’è inverosimile il rapporto Jeff-Pirce, ma ci accontentiamo. (7/10)
Archer. Stagione 1. Episodi 1, 2.
1. Visivamente è originalissimo, spesso mi perdo a guardare i dettagli grafici e mi perdo i dialoghi. L’impatto con la comicità di Archer mi ha lasciato infreddolito: servirà del tempo per prendere confidenza con le battute, crescerà l’aspetto più puramente comico e semplicemente non sarà il mio genere? Ai posteri l’ardua sentenza. (6/10)
2. Meglio del precedente. La trama è semplice e alcune trovate sono divertenti, grazie anche ad una scrittura che dà più respiro ai personaggi. Qualche personaggio ancora non ha ingranato, ma un leggero potenziale c’è, magari con una trama orizzontale. (7/10)
The Good Wife. Stagione 4. Episodi 1, 2, 3.
1. Recuperai le prime tre stagioni in modo da poter seguire la quarta in diretta. Destino (leggasi scemenza) ha voluto che l’accantonassi per fare spazio a più novità possibili. Mai errore fu più fatale. In questo ritorno ritrovo tutto ciò che amavo dello show, niente di meno, niente di più. Bei personaggi, bella trama, gran ritorno. Stona un po’ la storyline di Kalinda, ma lei spacca i culi quindi ok. (8/10)
2. Ancora un eccellente episodio seppur si muove sui soliti schemi della causa goodwifiana: vittoria in pugno, rischio sconfitta, idea di Kalinda, vittoria. Kalinda viene messa a dura prova dal marito e la sua ambiguità viene messa a dura prova. Bene il resto. (7/10)
3. Ancora un episodio di grande livello. Le cause internettiane dominano sempre la scena, rendendo TGW non solo al passo con i tempi, ma anche specchio di una società. Il dramma di Alicia è analizzato alla perfezione, con un Eli sempre in forma. Bene lo studio. Stona ancora una volta Kalinda nel suo matrimonio morboso. (8/10)

Reality
The Amazing Race. Stagione 22. Episodio 5.
5. Episodio decisamente gradevole, vuoi per l’autoeliminazione dei piagneroni, vuoi per la ritardataggine di Chick e Wynona, vuoi per lo stradominio delle chinas. Prove carine e tutti si salvano, non si poteva chiedere di meglio, pur avendo sprecato due U-turn. (8/10)
The Amazing Race. Stagione 3. Episodi 8, 9, 10, 11, 12, 13.
8. Incredibili i vecchi che riescono a non arrivare ultimi. Sono rimaste le coppie migliori o, meglio, quelle che hanno qualcosa da dire. Bene le prove anche se la Svizzera ha rotto i coglioni. (7/10)
9-10. Prima parte del doppio episodio vede i vecchi resistere incredibilmente. La vecchia rischia di ammazzarsi ma sopravvive inspiegabilmente e si fa trascinare al quarto posto. Ancora in Svizzera, che due coglioni. Flo si arrende in maniera miserabile e non basteranno le sue tetteh ballerine a farmi tifare per lei. Seconda parte dell’episodio con i vecchi che si salvano sprecando un buon vantaggio. Ci si sposta in Malaysia e i panorami non convincono. Niente road-block e una detour non molto particolare. Episodi corposi e di sostanza. (7/10)
11. L’episodio migliore della stagione. I vecchi sono incredibilmente saldi i testa, Flo è di un fastidioso mai visto e non so come faccia Zack a resistere dal tirarle un cartone in faccia. I fratelli si salvano per culo mentre i gemelli si suicidano, ripetendo gli errori del primo episodio. A questo punto tifo i vecchi per il finale. (9/10)
12-13. Bel finale di stagione. Tifavo per i vecchi o per i fratelli i quali, ovviamente, non vincono a discapito di una Flo stracciamaroni da cazzotto in bocca e di un santissimo Zack. Emozionanti colpi di scena, recuperi ed errori, per un finale di stagione e un arrivo memorabile. (9/10)
Survivor. Stagione 26 (Caramoan). Episodio 6.
6. Penso di aver visto mille episodi come questo e la mia rabbia, oltre al fatto di veder eliminato uno dei miei preferiti, è vedere come gli outsider non provino in tutti i modi di restare in vita. Ahh, quanto vorrei giocare io. Bene comunque lo switchamento di tribe. Addio Matt, spero di rivederti. (5/10)

Musica
Mogwai – Les Revenants (2013)
Oramai conoscono tutti la mia avversione per il post-rock ma, grazie alla complicità della serie, il disco risulta più digeribile del previsto. Si rivivono le atmosfere di angoscia, questa volta non supportate dalle immagini.
The XX – Coexist (2012)
Macinato su spotify, la versione internet-free mi consente una libertà investigativa maggiore. Meno d’impatto rispetto al debutto, il prodotto dimostra una maturità e una compattezza oramai marchio di fabbrica. Try piace a tutti, compresa nipote 2.
Worm Is Green – The Darkness [EP] (2010)
Ennesimo regalo ben accetto della band. Ancora una volta esploriamo un brano della perla “Glow”, remixato nelle più svariate forme. Meno incisivo degli EP suoi fratelli, ma orecchiabilissimo. Grazie.

Alla prossima settimana,
Boss.

Annunci

Un anno di musica: 2009

Dopo un dicembre di ascolti forsennati di album degni di un minimo interesse usciti nel 2009, ho provato a stilare la classifica dei 10 migliori lavori da me ascoltati. Bando alle ciancie, ecco la classifica in ordine crescente.

Continua a leggere ‘Un anno di musica: 2009’


Rubriche

Comandamenti
Mai più senza:
- Armadio
Opere d'Arte:
- Scultura alle Selz Soda

TV

Classificone Televisivo 2012/2013
Classificone Televisivo 2013/2014
Classificone Televisivo 2014/2015
Classificone Televisivo 2015/2016

Al momento seguo:
Better Call Saul, Stagione 3
Fargo, Stagione 3
Girls, Stagione 6
Ink Master: Redemption, Stagione 3
Last Week Tonight With John Oliver, Stagione 4
Seinfeld, Stagione 5
Son Of Zorn, Stagione 1
Survivor, Stagione 34 (Game Changers)
The Handsmaid Tale, Stagione 1
The Last Man On Earth, Stagione 3
The Middle, Stagione 8
Z Nation, Stagione 3

Sul Kindle


Douglas Adams - Mostly Harmless


David Simon - Homicide: A Year On The Killing Streets

Musica

Ora sono in fissa con:

Frank Ocean - Blonde (2016)

Best of 2009
Best of 2010
Best of 2011

Visite