Archive for the 'Spoon' Category

Settimana 276: 23/09 – 27/09

Serie TV
Fear The Walking Dead. Stagione 1. Episodio 4.
4. Episodio che coglie alla sprovvista per via della collocazione temporale. FTWD si torna ad assestare, ma qualche personaggio sospetto, la gita fuori porta, e il finale GASANO. Nel senso che senza zombie, gli umani sono peggio? (8/10)
Review. Stagione 2. Episodio 9.
9. Che stagione: Forrest finisce a fare tre recensioni in carcere nell’assurdità più totale, soprattutto quella dell’amico immaginario. I continui abbandoni fan crepare dal ridere, chissà cosa può uscire da un uomo folle rimasto da solo. (8/10)
Seinfeld. Stagione 1. Episodio 1, 3, 4, 2, 5. Stagione 2. Episodio 1, 2, 5, 7, 8, 10, 12, 11, 13, 4.
1. Pilota banalotto, ma molto carino. La voce di Jerry è odiosa, ma i suoi tempi comici sono perfetti. Buone le spalle, buona la scrittura, banalotti gli sviluppi, ma grazie agli stand-up è amore. (8/10)
3. Bene, ecco finalmente Julia Louis-Dreyfus! Episodio carino, nulla di particolare a parte che fa ridere anche se deve ancora collaudare i tempi comici. Inizio a dare i sette. (7/10)
4. Molto buono, grazie al pretesto che fa scatenare gli eventi. Divertente la disputa e la gestione del dopo. Qualche buon momento. (8/10)
2. Carino anche questo, la fola delle scuse, il piano per la pizza e la partita da saltare divertono bene. Stand-up meno infuocate. (7/10)
5. Bene, anche se questa volta arriviamo al prevedibile. Diciamo che come prima stagione di introduzione ci può stare, ci vorrebbe qualcosa di orizzontale. (7/10)
1. Carino, anche grazie all’interazione con un nuovo personaggio. La storia va avanti bene, scritta bene e con senso, anche se prevedibile. (7/10)
2. Simpatica la vecchia morta per il pony, bene l’orizzontalità della scelta dell’appartamento e i genitori danno una ventata di freschezza. (8/10)
5. Episodio molto divertente, forse il migliore fin’ora, grazie anche al padre di Elaine e al suo cantichiare. Basare venti minuti su una giacca nuova non deve essere stato facilissimo. (8/10)
7. Al di là delle situazioni iperassurde, questo episodio è solidissimo. Battute rapide, divertenti, sciorinate a puntino nei momenti folli. Questo è uno degli episodi che convince. (8/10)
8. Buona l’idea e la gestione del plot, anche se il finale è prevedibilissimo. Si ride benino, soprattutto grazie al Costanza con la fede tarocca. (7/10)
10. Ahhh, peccato per il finale che più prevedibile di quello non ce n’era. Divertente però il vicino in versione poliziotto, e la costruzione dell’episodio su una statua. (7/10)
12. Bello, originale, buon plot e divertente anche il vicino di casa stupido. I soldi prevedibilissimi. (8/10)
11. Questo non mi ha entusiasmato, la gag dell’ospedale dura troppo e quella del santone ancora di più. Bene solo Elaine. (6/10)
13. Questo è buono. In teoria sarebbe dovuto essere il finale di stagione, ma i dialoghi sono scritti ottimamente, le situazioni gestite alla perfezione e si ride bene. Per la prima volta, forse, stonano gli stand-up, che rovinano il ritmo. (8/10)
4. Ihihih George da leone a zerbino in un attimo mi ha gasato. La fola del cable non era proprio il massimo, quindi episodio mezza via, non particolarmente azzeccato. (6/10)
The Middle. Stagione 7. Episodio 1.
1. Bella ripartenza in pieno stile The Middle: caos, caos, personaggi caratterizzati come al solito, Sue che si taglia i capelli, momenti pucciosità e cuori a valanga. Bello. (8/10)
You’re The Worst. Stagione 2. Episodio 3.
3. Il mood è il solito ma c’è una cosa che trasa: la prevedibilità del tutto. Paul e la “gelosia”, Gretchen e le amiche con la testa a posto… Potevano inventarsi qualcos’altro. (7/10)
Z Nation. Stagione 2. Episodio 3.
3. Brutto. Han fatto un episodio on the road, con zombie e ciurma sopra una carovana senza senso. Tra l’altro i super zombie velocissimi non si buttano dal camion quando gli altri scappano… Ancora Murphy per i cazzi suoi, verso la marjuana. Han perso il filo. (5/10)

Reality
Ink Master. Stagione 6. Episodio 13.
13. Che pochezza ‘sta stagione. La flash e la prova non sono per nulla esaltanti, con tatuaggi orribili e senza vincitori. L’unica nota buona è la cacciata di Tyler, che bamboz. (5/10)
Ink Master: Redemption. Stagione 1. Episodio 3.
3. Fatico a capire il senso del format messo giù così. Barbuto rinuncia e se agli altri non andavano i disegni? Bionda odiosa ma buoni risultati. (5/10)
Survivor: Cambodia. Stagione 31. Episodio 1.
1. A prescindere dal cast, un po’ a caso lo sappiamo, première che mi è piaciuta tanto. Rapida, con una partenza quasi originale, una prova remeber e il cast dei vecchi che la butta sul lavoro. Il montaggio aiuta, così come la sigla lunga. Si rivivono certe sensazioni e i due twist, idol nella prova e tribal immediato, aiutano alla sorpresa. Vytas era partito malissimo. (9/10)

Musica
Metric – Pagans In Vegas (2015)
No, pochissimi pezzi degni di nota e ancora meno episodi con il vecchio stile o il vecchio sound. La Haynes sembra essersi persa in una commercialata senza sperana.
Real Estate – Agent (2014)
Beh, delicato ed accogliente mi piace molto. Un ascolto che non appesantisce le orecchie e riesce anche a svariare su più fronti in fatto di ritmo e composizione. Molto bene.
Spoon – They Want My Soul (2014)
Disco che ho scoperto aver ascoltato tanto, ricorda un po’ il classico indie-rock senza pretese, orecchiabile ma scontato. Molte le melodie catchy, gradevole.
Tom Waits – Closing Time (1973)
Da vero ignorantone non mi sarei aspettato Tommaso Aspetta con una voce così poco consumata dall’alcool. Il disco è molto più melodico e facilmente ascoltabile di qualche sperimentazione futura, con un pezzo che devo ancora capire se è iper-famoso o è la versione di Emiliana Torrini che me lo fa sembrare tale.

Alla prossima settimana,
Boss.

Settimana 10: 16/08 – 22/08

Serie TV
Desperate Housewives. Stagione 6. Episodi 20, 21, 22, 23.
20. Mi verrebbe da esclamare “bello!”, ma sono perplesso. È una puntata che svela il mistero base delle aggressioni, però è tristissima. Ti fanno piacere un personaggio decisamente negativo e io ora tifo per lui, nella speranza che li AMMAZZI TUTTI! La storyline non è convincente ma fila.
21. Nei tre minuti iniziali succede quello che ci si aspettava da dieci episodi. Puntata interessante a parte il parallelo Susan-Gabrielle. Il resto mette in campo una piccola dose di tensione… Vediamo come va a finire.
22. Bella. La puntata prima del finale è ben diretta e prepara perfettamente il terreno per la conclusione. La tensione non è ancora tangibile (e dubito che lo diventi), ma le situazioni sembrano più complicate del previsto. Corro a vedere il season finale.
23. Partendo da un inizio banale, la situazione di Lynette è completamente fuori luogo ed esagerata, anche un po’ banale in realtà… Il resto scorre senza alti né bassi. Dale Cooper ha uno scatto d’orgoglio (finalmente), il mistero si risolve in maniera furba e ovviamente ho pianto. Il colpo di scena finale è da drizzare i capelli!
Family Guy. Stagione 5. Episodio 10.
10. Il vero padre di Peter?! Questa non la sapevo… Da vomito la scena della sciarpa.
FlashForward. Stagione 1. Episodi 14, 15, 16, 17, 18.
14. Riprendo in mano questa serie per vari motivi: vedere se migliora, farmi due risate, incazzarmi per come una buona idea sia stata buttata nel cesso. Questo episodio è forse il più brutto che io abbia mai visto. Intanto le scene in Somalia sono ridicole: c’è un nigga che spara a tutti, così, perché gli va, ovviamente colpendo solo comparse, c’è una connessione internet wireless in mezzo al deserto, casualmente vengono trovate le cose che servono cercando a caso e, soprattutto, in una fossa comune ci sono cento corpi perfettamente decomposti, senza un insetto in giro e senza un vestito (a parte la collana della madre del nigga spara-a-tutti). BLAH.
15. Questa l’ho guardata ieri sera e manco me la ricordo. Ho in mente solo una giapponese che finisce per lavorare in una officina meccanica in nero e che viene arrestata dalla finanza e una IMPOSSIBILE deduzione investigativa che porta ad un numero di cellulare. Ah, il resto è ambientato all’interno dell’FBI per cercare una talpa. Ecco, forse l’unica cosa figa sono i colpi di scena finali. Non c’è un episodio che non ne abbia uno da WTF.
16. Seh vabbé: alla ricerca della pistola perduta! La scena del bacio è una delle cose più imbarazzanti che abbia mai visto.
17. Beh, questo episodio non è stato male. Resta il rammarico per il prodotto precedente: un’ottima idea buttata nel cesso, sono episodi come questo che te lo fanno capire.
18. Sono arrabbiatissimo. Un altro buon episodio che fa salire il nervoso per quello che sarebbe potuto essere e non è stato. Girato bene, senza tempi morti, senza errori evidenti (a parte la solita riproposizione stucchevole dei flashforward). La parte di
Olivia non è mai stata interessante fino ad ora.

Musica
Brooke Waggoner – Heal Fot The Honey (2008)
Buon debutto di questa cantautrice. Mi è stata suggerita da esperti di pazze musiciste, ma non è al loro livello. Potrebbe essere molto più pazza.
Brooke Waggoner – Go Easy Little Doves (2009)
Secondo lavoro di questa artista, la produzione si fa più attenta e le canzoni assumono ulteriori livelli di sonora profondità. Non male.
Modest Mouse – The Moon & Antarctica (2000)
Questo disco è stato classificato da molte parti come uno dei migliori lavori del decennio 00’s. Un rock alternativo con spruzzate indie veramente orecchiabile e niente male.
Someone Still Loves You Boris Yeltsin – Let It Sway (2010)
Gruppo dal nome idolo, ascoltato a caso. Non male, non è un disco che pretende di dimostrare chissà cosa e, forse per questo, riesce nell’intento di essere ascoltato e non fastidioso.
Spoon – Kill The Moonlight (2002)
Altro album che a detta di molti merita di essere uno dei migliori degli 00’s. A parte la canzone che compariva nella colonna sonora di “The O.C.”, il suono indie non stupisce e non colpisce. Era poi anche il 2002.
bitron – Electroshit (2010)
8-bit puro, niente di esaltante.
Cat Power – The Greatest (2006)
Altra cantautrice che, con questo disco, dovrebbe aver raggiunto l’apice. Purtroppo ha un tono vocale che non mi piace, accompagnato da melodie un po’ moscie che non mi hanno preso.
Fleet Foxes – Fleet Foxes [EP] (2006)
Beh, ascoltando questo EP autoprodotto, capisco come abbiano potuto far successo. Capolavoro di indiesità.
The Beach Boys – Pet Sounds (1966)
Secondo nella classifica di Rolling Stones dei migliori 500 album di sempre. Beh: è un sound che non mi appartiene, che non capisco e che non ho vissuto. Però non mi dispiace, rilassa e certi motivetti rimangono in testa.

Film
Il secondo tragico Fantozzi, Luciano Salce – 1976
Molto meglio del primo, le scene memorabili entrate nella quotidianità di ogniuno non stanno nelle dita di due mani. Dal casinò al pomodorino, dal sexy bar alle apparizioni dell’arcangelo Gabriele. A guardarlo mi sono sentito un puccettone!

Alla prossima settimana,
Boss.


Rubriche

Comandamenti
Mai più senza:
- Armadio
Opere d'Arte:
- Scultura alle Selz Soda

TV

Classificone Televisivo 2012/2013
Classificone Televisivo 2013/2014
Classificone Televisivo 2014/2015
Classificone Televisivo 2015/2016

Al momento seguo:
Better Call Saul, Stagione 3
Fargo, Stagione 3
Girls, Stagione 6
Ink Master: Redemption, Stagione 3
Last Week Tonight With John Oliver, Stagione 4
Seinfeld, Stagione 5
Son Of Zorn, Stagione 1
Survivor, Stagione 34 (Game Changers)
The Handsmaid Tale, Stagione 1
The Last Man On Earth, Stagione 3
The Middle, Stagione 8
Z Nation, Stagione 3

Sul Kindle


Douglas Adams - Mostly Harmless


David Simon - Homicide: A Year On The Killing Streets

Musica

Ora sono in fissa con:

Frank Ocean - Blonde (2016)

Best of 2009
Best of 2010
Best of 2011

Visite