Archive for the 'James Blake' Category

Settimana 39: 07/03 – 13/03

Serie TV
The Wire
. Stagione 3. Episodi 3, 4, 5.
3. Episodio che tocca le tematiche della morte, inquadrando la stagione come più “politica” e meno di azione (anche se di azione ce n’è). Il realismo in questa assume alti livelli, penso che sarà questo il vero inizio di stagione dopo l’introduzione durata due episodi. (9/10)
4. Entriamo nel vivo dell’indagine con un confronto d’orgoglio tra i protagonisti, quindi puntata incentrata su diverse indagini che portano allo stesso risultato. La zona franca inizia ad essere messa in piedi. Leggermente sotto tono, sempre di alto livello. (8/10)
5. Che dire. Non succede niente di particolarmente rilevante, ma la normalità è descritta col solito magico tocco. Parte il movimento che cambierà Baltimora? Un plauso a Stringer Bell per l’impero che ha messo su. (8/10)
Misfits. Stagione 2. Episodio 2, 3, 4, 5, 6, 7.
2. Beh, Robert Sheehan oltre ad interpretare un personaggio fantastico è davvero un bravo attore. Episodio incentrato sul suo difficile rapporto col padre, l’azione è generata da una casualità di poteri più pasticche. Un po’ debole come trovata ma sviluppata davvero bene. La rivelazione finale era insaspettata, che gli inglesi sappiano anche sceneggiare e scrivere bene? Ottima fotografia. (8/10)
3. Episodio quasi orribile. Trama divisa in due tronconi, uno peggio dell’altro. La storia del tatuaggio è carina nella sua assurdità, ma il confronto con il villian è patetico… “Barry” non poteva diventare invisibile durante l’attacco? Poi la nocciolina che finisce in bocca… Bleah. Si scopre anche chi è il tizio mascherato. Ok, bel colpo di scena, ma storyline dell’innamorato che viaggia nel tempo è pessima e soprattutto a rischio paradosso. E io con i viaggi nel tempo non vado d’accordo. (5/10)
4. Decisa risalita e un discreto ritorno al Misfits che era. Solito villian di turno e solita sceneggiatura ben fotografata e interpretata. Il paradosso temporale mi fa ancora storcere il naso ma cercherò di abituarmici, nella speranza che chiariscano i vari buchi. Ottima resa anche musicale. (7/10)
5. Episodio ottimo, preparatorio al finale. Manca un cattivone di peso ed ogni vicenda riguarda la crescita interiore dei vari personaggi. Si vede il Simon che si prepara ad essere il Simon del futuro, si vedono le esigenze di Kelly, la sofferenza di Alisha e la fine dell’egoismo spocchioso di Nathan. Curtis non ha un ruolo importante e questo fa salire il livello dell’episodio. (8/10)
6. Ecco il finale di serie che non mi aspettavo. Brutto brutto. Troppo semplice incasinare la trama e creare sconvolgimenti per poi tornare indietro e resettare tutto (tra l’altro in maniera palese). Niente viene dato alla crescita dei personaggi e allo sviluppo della trama. Buon voto comunque per gli avvenimenti, pessimo per la scelta della sceneggiatura. (6/10)
7. Forse anche peggio del precedente. Troppo comodo il salto di tre mesi che evita il dover dare delle spiegazioni sugli sviluppi dei personaggi. Il colpo di scena finale invece ci può stare, anche se non comprendo il senso di fare acquisti per poi dover tornare indietro per salvare la ceffa morta… Gli acquisti non andrebbero a puttane? Mah, speriamo nella terza stagione di vedere un ritorno alle origini (6/10)
Desperate Housewives. Stagione 7. Episodio 16.
16. Ok qui urge una riflessione. O sono io che non capisco nulla dello studio e dello sviluppo interiore dei personaggi o questa serie fa letteralmente schifo. Si salvano solo gli ultimi due minuti di ogni episodio, dove capita qualcosa di sconvolgente (?) che dà nuovi impulsi alla trama. Nel resto dell’episodio non accade NULLA di rilevante. Tempo sprecato ma oramai la finisco (4/10)
Pretty Little Liars. Stagione 1. Episodio 20.
20. Quanto è inquietante Jenna senza occhiali!! Puntata non eccezionale, neanche tanto trash (e questo è un male). Storia trita e ritrita con ogni singola scena prevedibile, pecca di inventiva e soprattutto di WTF. Sembra preparatorio per il finale, spero che dal prossimo torni ad accelerare, almeno con qualche boiata che esuli dalle facce a forma di becco di Emily. (6*/10)
*trash
Glee. Stagione 2. Episodio 15.
15. Episodio sconclusionato come al solito. Ennesimo tema importante affrontato in maniera bizzarra. Momenti di serietà alternati a scene assurde, con un filo conduttore sottilissimo. Ottima la dichiarazione di Santana (la scena migliore) pessima la parte musicale dove si salva solo in parte Gwyneth Paltrow. Rovinata Emma a cui viene messa addosso una parte da sciocca che non le si addiceva dato il suo lavoro. Unica parte fuori luogo, come sempre, i merdfringuelli. Osceni più del solito. (6/10)
The Chicago Code. Stagione 1. Episodio 5.
5. Ennesimo episodio di introduzione su quelle che sono le trame tese dall’Aldermanno. Intrigante le indagini e le prime situazioni personali di Teresa, alle prese con C-Note di Prison Break e interessante l’approdo dell’ex dottor Chang di Lost. Un po’ moscia a livello di azione. (7/10)

Musica
James Blake – James Blake (2011)
Ok, questo è un genere che io ascoltavo quando gli indieminkia ancora non esistevano. Non mi è sembrato il capolavoro che tutti dicono, anzi, ho sentito molto di meglio. Non è rivoluzionario e non è innovativo, l’unica cosa è la buona presenza di guest che ravvivano un concetto decisamente debole. Sufficiente.
Joan As Police Woman – The Deep Field (2011)
Sembra che le abbiano lasciato la possibilità di esprimersi liberamente. Il risultato è un lavoro maturo, a tratti pretenzioso e difficile da digerire. Però le capacità dell’artista si rivelano adatte al contesto: non ci sono pecche evidenti ma ci sono picchi evidenti. Da approfondire.

Alla prossima settimana,
Boss.

Settimana 27: 13/12 – 19/12

Serie TV
30 Rock
. Stagione 2. Episodi 2, 3, 4, 5.
2. Episodio sotto al livello di gradimento, mi aspetto di più, anche se la parte di Kenneth merita.
3. Uno che assume un investigatore per investigare su se stesso devo dire che la trovo una genialata.
4. Episodio leggermente sotto-tono a parte il solito segmento su Kenneth che è il numero uno!
5. Beh, questa sembra essere stata una puntata a tema ambientale. Buone le guest-star (Ross di Friends e Al Gore), buono la trama del party di Kenneth e buono il finale.
Desperate Housewives. Stagione 7. Episodio 10.
10. Beh, mi aspettavo molto di più dall’episodio “catastrofe” di ogni stagione. Il piano di Paul resta intrigante a patto che l’obbiettivo non sia morire ma far uccidere tra loro tutti gli altri. Hanno messo in atto una delle mie fobie (essere schiacciato dalla ressa) e, tra trovate discutibili o meno, mi danno la speranza che Susan possa morire. So che non accadrà MA LO SPERO.
How I Met Your Mother. Stagione 6. Episodio 12.
12. Ok, la sesta serie si può dire che sia tornata ad un buonissimo livello. Per fortuna si sono ricordati dell’esistenza di Barney, che infatti regala meraviglie con un finale da favola. Avanti così!
The Big Bang Theory. Stagione 4. Episodio 11.
11. A parte la Cuoco in costume da superwoman e lo splendido finale, la stupidità accentuata del ceffo mi ha quasi turbato. Un po’ sotto al livello come accade da tempo.

Musica
Deerhunter – Halcyon Digest (2010)

Recensito in giro come un ottimo album indie rock, io di indie vedo nulla. Sonorità dream a tratti quasi oscure, l’ascolto porta in un turbinio non definito, dando l’idea di confusione. Sufficiente, non esaltante.
James Blake – The Bells Sketch [EP] (2010)
L’ho definito un Bibio tarocco: Bibio mi piace assai quindi questo è un punto a favore del tennista (chi la capisce è bravo).
James Blake – Klaviewerker [EP] (2010)
Si discosta dal precedente ed assume vene più alla Murcof. Elettronica di base che dà buone suggestioni.

Film
Harry Potter And The Chamber Of Secrets
, Chris Columbus – 2002
Come ho letto non so dove, “riempie gli occhi ma non scalda il cuore”. Se nel primo ho pianto come un’aquila tutto il film, questo non mi ha colpito particolarmente. A parte il finale, con un tentativo palese di far scendere la lacrima (e per questo non riuscito), il resto scorre con buoni effetti speciali ed un recitato che non fa ridere come il primo (forse è già la leggera abitudine). Tra i due, meglio il primo.

Alla prossima settimana,
Boss.

Settimana 4: 05/07 – 11/07

Serie Tv
How I Met Your Mother. Stagione 5. Episodi 10, 11, 12, 13, 14, 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22, 23, 24.
Che dire. La rapidità con cui ho divorato la quinta stagione lascia ben immaginare il mio livello di gradimento. Emozione per il tallone della madre e per la “Suit Song” al centesimo episodio. Ora si freme nell’attesa della sesta stagione.
Twin Peaks
.
Stagione 2. Episodi 20, 21, 22, 23.
Chiusa la visione di questo capolavoro. Ora capisco il perché è stata una serie basilare per le opere seguenti. Mai un calo di tensione, mai una puntata errore. Peccato per il finale aperto, ma per quello che si è visto non lascia l’amaro in bocca.
Persons Unknown
. Stagione 1. Episodio 5.
Oh, a me questa serie non dispiace per niente. Ha dei grossi limiti oggettivi nel recitato e qualche buchino nella trama, ma si guarda agevolmente. Soprattutto sembra ben congeniata nei colpi di scena, simbolo di una base pensata.
Pretty Little Liars
. Stagione 1. Episodio 5.
Sta calando il livello di trashaggine e lo sviluppo si è un po’ piantato. Tremo per il futuro, altri 17 episodi possono essere TANTI.
The L Word
. Stagione 5. Episodi 1, 2, 3, 4.
Ahhhh, The L Word. Dopo anni dalla visione della quarta stagione, non ricordavo più nulla delle vicende raccontate. Il primo episodio mi ha lasciato perplesso, ma poi ho capito il perché mi piaceva: ora come ora le scene di sesso lesbo durano più del 50% del totale…
Family Guy
. Stagione 4. Episodio 17.
Sempre magnifici. Scena del dottore storica.

Musica
Broken Social Scene – You Forgot It In People (2002)
Questo album, il secondo della band, ma ha lasciato perplesso. Un po’ acerbo, meno male che sono migliorati.
Emeralds – Does It Look Like I’m Here? (2010)
Recensito bene dalla critica, l’ho ascoltato poco. Sembra essere davvero un buon album, molto sperimentale e odorante di post-qualcosa.
I Wonder What’s For Dinner – Quest For Zateria [EP] (2010)
Genere: Progressive Hyrulian Ambient Electronica. Mica male, ma si sente troppo il tocco Hyruliano… Troppo Link e Zelda nella grotta.
James Blake – CMYK [EP] (2010)
Buona elettronica. Si aspetta al varco di un album.
Love Through Cannibalism – Energy Drink Dream (2010)
Era da un po’ che non ascoltavo roba 8-bit. Si ascolta ma non fa la differenza e non rimane in testa.
M.I.A. – /\/\ /\ Y /| (2010)
Procurato e ascoltato per via del titolo strambo, è un album cantato al femminile che sì propone qualcosa di alternativo, ma che dopo un po’ fiacca.
Sufjan Stevens – The Avalanche: Outtakes And Extras From The Illinois Album (2006)
Questo si sente che è post-“Illinois”. Sonorità quasi allo stesso livello, le versioni acustico alternative di “Chicago” mi fanno andare giù di testa.
Sufjan Stevens – Song For Christmas;
Noel: Songs For Christmas, Vol. I [EP] (2006)
Primo (e ultimo?) Ep di Natale che ascolto di questa super compilation natalizia. MAH.

Alla prossima settimana,
Boss.


Rubriche

Comandamenti
Mai più senza:
- Armadio
Opere d'Arte:
- Scultura alle Selz Soda

TV

Classificone Televisivo 2012/2013
Classificone Televisivo 2013/2014
Classificone Televisivo 2014/2015
Classificone Televisivo 2015/2016

Al momento seguo:
Better Call Saul, Stagione 3
Fargo, Stagione 3
Girls, Stagione 6
Ink Master: Redemption, Stagione 3
Last Week Tonight With John Oliver, Stagione 4
Seinfeld, Stagione 5
Son Of Zorn, Stagione 1
Survivor, Stagione 34 (Game Changers)
The Handsmaid Tale, Stagione 1
The Last Man On Earth, Stagione 3
The Middle, Stagione 8
Z Nation, Stagione 3

Sul Kindle


Douglas Adams - Mostly Harmless


David Simon - Homicide: A Year On The Killing Streets

Musica

Ora sono in fissa con:

Frank Ocean - Blonde (2016)

Best of 2009
Best of 2010
Best of 2011

Visite