Archive for the 'Survivor 03: Africa' Category

Settimana 61: 08/08 – 14/08

Serie TV
Breaking Bad
. Stagione 4. Episodio 4.
4. Ottimo ritorno alla sostanza e ai ritmi serrati. L’episodio mi è piaciuto tanto, anche se non ci sono scene cult che entreranno nella storia della tv. Dialogo tra Walt e Jesse fenomenale come quello tra Walt e Hank: un gruppo di attori straordinario. Inizia a salire l’ansia per l’episodio successivo e questo è un benissimo. (9/10)
Fringe. Stagione 1. Episodio 6, 7.
6. Ho lasciato in pausa Fringe per qualche giorno (colpa di Survivor zioporco) e mi ritrovo di fronte ad un episodio gradevole. Si scopre il passato di Olivia (o almeno una piccola parte), si scopre parte del passato di Peter e inizia a saltar fuori una micro scintilla sentimentale. Il resto dell’episodio scorre sugli stessi canoni degli altri, niente di nuovo sotto al sole. (7/10)
7. Un colpo di scena finale talmente prevedibile che a metà dell’episodio avevo già scommesso cinquanta euro su cosa sarebbe successo. Il canovaccio è sempre quello, con piccolissime accelerate e piccoli tasselli che vanno a formare un complesso quadro generale. Ottimi gli effetti speciali che mi stupiscono ogni volta. (6/10)

Reality
Survivor. Stagione 3 (Africa). Episodi 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 9, 10, 11, 12, 13, 14, 15, 16.
1. Qui sono curioso di vedere come faranno con l’acqua e il cibo. Bella la cosa dei turni di notte per tener d’occhio gli animali, fa un po’ paura. Il mio tifo va per la tribù che è riuscita ad accendere il fuoco e per il nigga mangione col cuore d’oro. Non apprezzo Lex a prescindere, c’ha un brutto soprannome. La stagione però è partita bene. (7/10)
2. Chememerda la prova del sangue. Per il resto non succede niente di esaltante o memorabile, si strategizza in maniera eccessiva e viene eliminata la bruttona dei gialli che continuano a perdere senza starmi simpatici. Strano, perché di solito quelli lofi sono i miei preferiti. (5/10)
3. Bene la prova per il reward, orribile l’immunity. Nessun personaggio ancora salta all’occhio e i campi sono abbastanza noiosi a parte i leoni. La tribù rossa si trova in un’insolita situazione vecchi contro giovani e questi ultimi riescono a spuntarla con mio sommo rammarico. Odio la bionda. (6/10)
4. Prove non esaltanti e aspetto con ansia il merge, affinché i quattro ragazzini possano finalmente prenderlo nel culo. Nessun personaggio sale all’occhio e l’unica cosa degna di interesse è la tribù dei rossi: col fatto che i rossi mi stan tutti sulle balle, la stagione diventa un po’ noiosa. (6/10)
5. Si vede che mi hanno ascoltato… Per movimentare un po’ la questione hanno mischiato le tribe. Come twist fa cagare, ma come effetto è una bomba, infatti viene eliminato il me di Survivor (io mi paragono ai super-complottisti perché probabilmente farei come loro). ‘Sto qua complotta talmente tanto e in maniera confusa che gli altri lo eliminano per quello. Inizio a provare un discreto ODIO per Lindsey. (7/10)
6. Le prove con le domande son lofi, la seconda con l’arco dà l’immunità ai gialli mettendo sulla graticola il gruppo di bambocci dei rossi. Meno male che decidono di auto-sputtanarsi regalando all’altra metà della tribe (e a me) l’eliminazione di Lindsey che vince a mani basse il premio come personaggio più odiato di sempre. (8/10)
7. Eccoci al merge. Per la prima volta non faccio un tifo smodato per qualcuno, ho solo un odio mistico per i giovani fighetti amici di Lindsey e per Big Tom che non capisco come cazzo parli. Tanto di rispetto a Lex che ha le palle di dire a Clarence che sarà lui ad uscire, beccandosi il voto in faccia. (7/10)
9. Gran bell’episodio. L’ho dovuto guardare due volte per capirci qualcosa nel giro di strategie che sono state fatte. Col senno di poi è uno degli episodi più strategici che io abbia mai visto, e questo mi ha gasato a manetta anche perché han fatto fuori una che mi stava sulle balle. (8/10)
10. Ennesimo episodio in cui si dimostra come le motivazioni fanno la differenza. Lex a rischio vince l’immunity e si ritrova completamente blindsideato quando i suoi alleati eliminano il doppiogiochista del quale Lex si fidava. Interessante sarà scoprire la reazione nel prossimo episodio. (7/10)
11. Niente di esaltante. C’è un’alleanza forte che, seppur scricchiolando, va avanti per la sua strada. Lex vince l’immunity e probabilmente si salva ancora il culo. Patetica Teresa che cerca sempre di uscire dalla situazione di inferiorità e quando non ci riesce vota contro i suoi alleati piangendo come una gallina. (6/10)
12. Un filo di strategia a fronte della vulnerabilità di Lex, ma il resto scorre tra una prova col parentame e la sua reward in maniera poco esaltante. Tifo per Big Tom anche se non capisco nulla di quello che dice. (6/10)
13. Lex continua a salvarsi grazie alle immunità e il resto degli alleati votano compatti per eliminare la scassa minchia Teresa. Per il resto non mi ricordo cosa è accaduto, quindi direi puntata noiosa. (5/10)
14. Ecco, qui succedono le cose che odio. Il personaggio più inutile, che si è fatto portare avanti dagli altri vince le immunity finali e va nei final two. L’episodio è di una noia mortale, resta solo la curiosità di vedere chi vince. Il tribal council finale è stato un superpacco. Emozionante solo la proclamazione del vincitore. (5/10)
15. Reunion che passa inosservata, ma con Lindsey che alla fine è un bel passerone. (6/10)
16. LA vita dopo Survivor: niente di esaltante. (5/10)

Musica
The Notwist – Neon Golden (2002)
Perché nessuno mi ha mai obbligato ad ascoltare The Notwist? Il sound è quello che piace a me, un misto di elettronica soft della corrente tedesca, con melodie ritmate ideali da ascoltare in cuffia. Ottimo disco davvero.

Alla prossima settimana,
Boss.

Annunci

Mi trovate anche qui

Sul Kindle


Ann Leckie – Ancillary Justice


David Simon – Homicide: A Year On The Killing Streets

Archivio

Visite

Annunci