Archive for the 'Survivor 02: The Australian Outback' Category

Settimana 60: 01/08 – 07/08

Serie TV
Breaking Bad
. Stagione 4. Episodio 3.
3. Mhh, caro Breaking Bad facciamo un patto: io ti concedo altri episodi così, ovvero tranquilli, ben fatti e di passaggio, ma poi basta, eh? È vero che di ottime prove di stile con poca sostanza ce n’è sempre bisogno, ma mi piacerebbe una piccola accelerata. A parte questo, mi ha dato la sensazione di essere un episodio denso con la visione complessiva della stagione, forse per adesso è presto per comprenderlo. (8/10)
Forbrydelsen. Episodio 15, 16, 17, 18, 19, 20.
15. Oddio cosa è successo. Che sia davvero tutto finito con il colpazzo di scena per tirarla ancora avanti per le lunghe? L’episodio in sè è oggettivamente ben fatto (come gli altri), ma la conclusione della vicenda mi ha stupito in senso negativo, anche se il finale carica. (6/10)
16. Puntata decisamente intensa. Qualcosina che tocca a livello di trama, ma basta vedere come è stata gestita la questione del fantomatico mappamondo per capire che la serie originale dà la puzza a quella americana. Ottimo comunque il twist e l’incastro narrativo, vedremo come si svilupperà. (8/10)
17. Episodio che si basa sul tentativo di far credere colpevole alla polizia un personaggio che il pubblico sa essere innocente. Un po’ noiosetto ma il finale leggermente casuale alza l’attenzione. Siamo a tre dalla fine. (7/10)
18. Senza parole. Tanti gli avvenimenti e gli sconvolgimenti di trama. Eccoci probabilmente all’apice dopo un piccolo calo. Storyline e cast straordinario, tanto è ancora in ballo a solo due ore dalla fine: curiosità e ansia a livello altissimo. (10/10)
19. Qualche piccola coincidenza (che non turba) fa calare il livello di un episodio altrimenti ottimo nella sua semplicità. Tante cose vengono tirate in ballo, resta un’ora per le spiegazioni, speriamo siano appaganti. (8/10)
20. Finale senza fuochi d’artificio. Lineare, prevedibile e con scelte di trama banali e cinematografiche. Il risultato finale non è da buttare, anzi: è stato meglio prendere decisioni “sicure” anche se poco spettacolari, in modo da chiudere la vicenda in maniera definitiva e precisa. (7/10)
Fringe. Stagione 1. Episodi 1, 2, 3, 4, 5.
1. Inizio scoppiettante, rapido e leggermente sconclusionato. Mi ero dimenticato della presenza di Lance Reddick: la visione fresca di The Wire lo innalza a mio personaggio preferito, assieme, ovviamente, a quella gran topa di Anna Torv. La struttura ha dei forti punti di contatto con Alias e per questo mi piace, anche se essendo buone le basi dovrà poi reggerne lo sviluppo. Cast buono, con appunto Reddick e Noble su tutti. Belli alcuni effetti speciali e geniale la presenza delle scritte per introdurre i luoghi. (8/10)
2. Eccoci all’episodio tipo dopo gli avvenimenti del pilot, utili più che altro ad inquadrare le vicende. Ritroviamo i protagonisti in un susseguirsi di eventi prevedibili e dal tocco decisamente cinematografico e appariscente. Mi mettono a disagio alcune scelte tecniche ma è un problema mio, nel complesso scorre bene. Carino il caso del giorno. (7/10)
3. Episodio che delinea un po’ la struttura dell’episodio tipo e della serie. Misteri, intrighi, collegamenti tra personaggi e cose così. L’argomento è molto interessante, con un cast che mi soddisfa appieno. Reddick e Noble sono i miei preferiti, ma la Torv con la sua voce roca sta salendo rapidamente la scala di gradimento. La trama sembra sconclusionata ma ben definita anche se non si è vista la mucca. (7/10)
4. Leggero cambio di stile per incrementare ed infittire ancora un po’ la trama. Mi ha definitivamente preso, è tutto interessante anche se sviluppato in alcuni punti in maniera troppo veloce e prevedibile. Ma i colpi di scena non sono il suo forte e se ne prende atto facilmente. Tizio pelato tvb. (7/10)
5. Ancora uno schema diverso, tra l’altro devo capire che alcune scelte inverosimili in questa serie possono essere verosimili. Il caso del giorno non mi ha entusiasmato, episodio di passaggio. (6/10)

Reality
Survivor
. Stagione 2 (The Australian Outback). Episodi 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13, 14, 15, 16.
3. Carina la prima prova, un misto tra resistenza e agilità. Buona la seconda anche se montata malissimo. Per quanto riguarda i personaggi, i miei idoli sono i più scarsi (cuoco e Kentucky) insieme alle più bbbone (tettona boccalarga vegetariana, carina bionda e carina mora). Il voto finale trasuda tristezza e ciò è bene. (7/10)
4. La prima prova non l’ho vista per via di un file video schifoso: forse era meglio non vedere l’uccisione del porco. Seconda prova noiosissima. Il resto dell’episodio è molto strategico e porta all’eliminazione di spilungoscarso che aveva chiaramente ammesso di essere lofio. Interessante il pareggio, finalmente ne vedo uno. (6/10)
5. Prove interessanti: reward carina e immunity davvero bella. Anche questa stagione si concentra più sulle attività del campo e non sulle prove, il montaggio deve migliorare. L’eliminazione di tettona boccalarga vegetariana è un peccato, mi butto sulla biondina. (6/10)
6. Reward carina per un premio pessimo, ma l’attenzione è tutta per l’incidente. Io pensavo che qualcuno venisse azzannato da un coccodrillo, in realtà è uno che si brucia le mani. Momenti strappacuore giusto prima del merge. Spero che questo avvenimento unisca i Kucka per i quali ora va il mio tifo smodato. (9/10)
7. Speranze crollate in maniera miserabile. Carino il merge e carina la prova di durata (10 ORE?!) ma pessima la strategia. Nessuno che si impegni a far flippare qualcuno, tutti muli e gli ex-Kucka la prendono giustamente in quel posto. (6/10)
8. Prova schifosa ma interessante lo sviluppo strategico della stagione. L’eliminazione finale non me l’aspettavo: da un lato sono contento per l’eliminazione di Alicia, dall’altro deluso per la tipa ricciola CHE ODIO e per i Kucha, dei quali ora è probabilissima l’eliminazione nelle prossime puntate. (7/10)
9. Episodio riassuntivo, una palla assurda e niente di esaltante e nuovo. (4/10)
10. ahhhh, finalmente si è levata dalle balle Jerri Calà, completamente blindesideata. Forse è la prima volta che vedo eliminato un personaggio che non se l’aspetta ed è una bella sensazione. Un piccola luce si è accesa per i Kucha, non sarà facile tenerla viva. Carinissima la prova per l’immunità, avrei voluto farla io. (8/10)
11. Asta e prova carina, davvero pessimi i concorrenti che patiscono tanto la fame da vendere il rifugio per del riso. Le strategie oramai non ci son più, viene eliminato chi non ce la fa più ad andare avanti, come il nullafacente. (7/10)
12. Episodio strappacuore. Ovviamente la scelta di fare il campo sul letto di un fiume non poteva essere intelligente, ma il rischiare di farsi male per recuperare il riso e poi rendersi conto di non avere il fuoco non può essere indice di lucidità. Eliminazione di Amber a sorpresa, le vecchie alleanze sono saltate, vedremo chi ce la farà. (9/10)
13. NO. Rodger resterai nell’olimpo dei vecchietti idoli assieme a Rudy. Non mi hai regalato delle perle, ma finalmente ho capito da chi hanno preso spunto per creare Locke. Puntata noia per il resto, con fiumi di lacrime per i parenti. Seconda parte con addio a bella bionda. Le speranze dei Kucha sono ufficialmente sparite, anche se non capisco il senso di tenere un Keith che oltre a non saper cucinare se ne sta sempre per i fatti propri. Il tipo che vince tutte le prove ha rotto i maroni e la presenza della madre non aiuta a farmelo stare simpatico. (7/10)
14. Puntata noiosissima e voto finale scontato. Aggiunge poco al racconto e lo riempie di tempi vuoti. Curiosità per la finale, ma cosa accadrà per gli altri quaranta minuti? Niente, un tribal council lunghissimo e una americanissima lettura dei voti finali. Vince Tina e guardando chi ha votato chi, forse la scelta di portarla in finale non ha pagato. (6/10)
15. Ma datemi Jeff invece che quel tipo! Reunion non esaltante, con qualche perla qua e là e una Deb in formissima, capace di mettere addosso una tristezza incredibile. Non c’era Rudy a tener banco, e si vede. (5/10)
16. Episodio che mette in luce la vita dei concorrenti DOPO lo show. Interessante dal punto di vista antropologico. (6/10)

Alla prossima settimana,
Boss.

Settimana 59: 25/07 – 31/07

Serie TV
Breaking Bad
. Stagione 4. Episodio 2.
2. Ho parlato di questo episodio un po’ ovunque e sempre per dire che pur essendo un ottimo episodio di transizione, molte cose mi fanno leggermente storcere l naso. Ho trovato l’episodio leggermente autocelebrativo e spocchioso, sia in determinate scelte registiche sia di scrittura (dialogo sui videogiochi, Skyler, Mike e Walt). Esaltante come al solito Aaron Paul, un mostro di bravura. (8/10)
Forbrydelsen. Episodi 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13, 14.
6. Inizio a perdere qualche pezzetto qua e là ma sarà perché son stanco. Il giorno del funerale è gestito in maniera molto delicata e l’indagine prosegue in maniera sensata e convincente. C’è da dire che più o meno questi episodi originali hanno la stessa tempistica di quelli rifatti e ciò mi inizia a far pensare che il season finale americano sia il mid-season danese… A parte questo e l’ottimo sviluppo, ottimo anche il cast. (8/10)
7. Episodi che non prendono fino in fondo causa “so già cosa succede”. Tutto però fila liscio e con un senso, in un crescendo di situazioni investigative verosimili e sensate (il vecchio che vede il prof buttare la spazzatura). In sette episodi non ho storto il naso neanche una volta, chapeau. (8/10)
8. Forse nell’episodio migliore fino adesso inizio a sentire odore di casualità e a vedere qualche piccolo errorino tecnico. Interessante vedere le differenze con la copia che, col senno di poi, risulta davvero stucchevole. La scelta di Rama di tenere nascosta la storia della ragazza “rapita” è da verificare: se sarà solo per evitare un matrimonio combinato mi scenderà la catena. Per adesso almeno sono curioso. (7/10)
9. Qualche piccola intuizione di troppo ma che non pesa sull’indagine. L’episodio del pestaggio (e del dopo pestaggio) FUNZIONA. Tutto fila liscio in maniera verosimile, senza le trovate casuali della copia. A questo punto posso dirlo: Forbrydelsen batte The Killing dieci a zero. Ansia e curiosità a manetta. (9/10)
10. Nell’episodio che dà la svolta alla stagione, ecco qualche piccolo scricchiolio. La puntata fila liscia come sempre, senza trovate casuali o Lund vs. Aereo o meglio: c’è la trovata casuale di un appartamento compromettente ma il fatto che questa scoperta non irriti è indice di qualità. Per ora niente casinò o boiate del genere, vedremo. Nella speranza che ci sia una motivazione nel non aver pulito la probabile scena del crimine. (8/10)
11. Episodio culmine davvero ben fatto. Se ci sono botte di culo passano inosservate. La tensione e le nuove scoperte vengono gestite bene, senza picchi di tensione ma con una certa costanza. Il resto si regge su una solida base e sull’oramai solito ottimo cast. Inizio anche ad immaginare chi possa essere il colpevole, cosa che mi mette addosso un bel po’ di curiosità. (9/10)
12. Episodio solido e denso di avvenimenti, perfettamente incastrati e funzionanti. Non si cambia pista ma subentra un nuovo mistero che spero sia giustificato, altrimenti è una scappatoia troppo facile. Ottimo il cast. (8/10)
13. mhh, che palle questo. Non succede nulla di particolare e la vicenda dei Larsen mi ha un po’ stancato. Il colpo di scena finale aumenta il mistero ma non è sufficiente per creare ansia e aspettativa. (7/10)
14. Puntata sulla falsa riga del precedente episodio. In calo netto la base della storia: il tentato suicidio è esagerato come super-casuale è la scoperta della macchina. Al quattordicesimo episodio ecco la prima cosa che mi fa incazzare, ma resto fiducioso per il resto, anche se oramai la curiosità sta scemando. Dei Larsen oramai fottesega. (6/10)

Reality
Survivor
. Stagione 1 (Borneo). Episodi 12, 13, 14.
12. IDOLO RUDY. L’ho amato alla follia durante la prova per l’immunità, vinta ancora da quella gallinaccia di Kelly. Kelly sei una gallina e io ti odio. Finalmente è arrivata l’eliminazione di quel pirla di Sean, spero si ritrovi il Superpole in un posto dove non batte il sole, lui e il suo ordine alfabetico. (7/10)
13. E trovarsi ad esultare alla dichiarazione dei vincitori. Idolo della stagione Rudy, che dopo aver regalato emozioni nella puntata precedente, viene eliminato (errore) da una incagabile Kelly e se ne continua a strafregare di tutto e tutti. La ceffa dopo aver girato le spalle a tutti la prende in quel posto, con un Greg ago della bilancia e una Sue in grande spolvero, giusto un pelino esagerato. Stagione di bassi e pochi alti, ma è la prima e porto pazienza. (8/10)
14. RIDATEMI JEFF. Carine le domande del pubblico e Rudy idolo definitivo della stagione. (5/10)
Survivor. Stagione 2 (The Australian Outback). Episodi 1, 2.
1. Primo survivor non in un’isola: sono abbastanza curioso di vedere come vivranno e cosa mangeranno, nonché come saranno le prove. Primi giorni con il problema del fuoco e da qui iniziano a starmi su tutti quelli che ci si mettono e non riescono: non avendo un cavolo da fare, io ci sarei stato addosso giorno e notte. Idolo il tipo che mangia i fichi marciulenti. Della gente che c’è pochi saltano all’occhio, a parte quella eliminata (odiosa) e quella con le tette grosse. (6/10)
2. Top dell’episodio il cuoco che non sa cucinare, il tipo che mangia di nascosto e poi lecca il culo agli altri e il vecchio che nuota a cagnolino. Tecnicamente puntata classica, anche se la prima prova non ho capito perché partecipano tutti, dato che i concorrenti erano dispari. La prova del cibo del cibo fa vomitare come al solito e porta all’eliminazione di un certo Kel, che mi stava anche simpatico. (6/10)

Musica
Guillemots – Walk The River (2011)
Non è come il primo album, che resta un capolavoro; non è il secondo, che resta un buco nell’acqua; è il terzo ed è una via di mezzo. Qualche pezzo è molto commerciale, ma questo non è un male contando che il supporto di testi impegnati dona sempre un po’ di profondità. Un ascolto easy che può riportarli ad essere quello che erano.

Alla prossima settimana,
Boss.


Rubriche

Comandamenti
Mai più senza:
- Armadio
Opere d'Arte:
- Scultura alle Selz Soda

TV

Classificone Televisivo 2012/2013
Classificone Televisivo 2013/2014
Classificone Televisivo 2014/2015
Classificone Televisivo 2015/2016

Al momento seguo:
Better Call Saul, Stagione 3
Fargo, Stagione 3
Girls, Stagione 6
Ink Master: Redemption, Stagione 3
Last Week Tonight With John Oliver, Stagione 4
Seinfeld, Stagione 5
Son Of Zorn, Stagione 1
Survivor, Stagione 34 (Game Changers)
The Handsmaid Tale, Stagione 1
The Last Man On Earth, Stagione 3
The Middle, Stagione 8
Z Nation, Stagione 3

Sul Kindle


Douglas Adams - Mostly Harmless


David Simon - Homicide: A Year On The Killing Streets

Musica

Ora sono in fissa con:

Frank Ocean - Blonde (2016)

Best of 2009
Best of 2010
Best of 2011

Visite