Archive for the 'The Neighbors' Category

Settimana 201: 14/04 – 20/04

Serie TV
The Neighbors. Stagione 2. Episodi 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22.
16. Il plot è sempre lo stesso e riprendendolo in mano mi sembra si sia fatto un passo indietro: ok l’aspetto meta, ok i deliri di Reggie e Dick, ma noiosetto il solito tira e molla tra le coppie. La storia di Max non convince. (7/10)

17. Il pezzo musical sarebbe potuto essere una bomba, ma il go big or go home gli si è ritorto un po’ contro, anche se la conclusione non è stata geniale, di più. Il resto del plot fa un po’ pena, esclusi i Vine di Amber. (7/10)
18. Plot solito, fatto di crisi fra le coppie, incomprensioni e finale puccioso. Bene la storyline di Dick, completamente senza senso. Il baraccone ha perso un po’ di genialità e mordente ma resta gradevole. (7/10)
19. Episodio come si suol dire carino. Il plot per una volta è originale, con le famiglie in vacanza e un occhio di riguardo a Debbie, spesso poco considerata. Benino anche il rapporto tra Amber e Reggie, forzato ma sensato. (7/10)
20. Il livello sale. Se il plot di Debby e Marty puzza di fillerone, quello dei bimbi diverte (Dick santo subito) e quello di Larry & co. Si appoggia su un’orizzontalità troppo nascosta fin’ora. L’arrivo del fratello gasa tutti. (8/10)
21. Non male: il fratello dà la scossa in quelli che molto probabilmente saranno gli ultimi minuti del finale di serie. Le battute sono sferzanti e alcune funzionano bene, peccato solo per il tornare in auge del rapporto Amber-Reggie del quale non se ne poteva più. (8/10)
22. Eccoci al capitolo finale: il cerchio si chiude con qualche trovata simpatica, un plot sviluppabile in un improbabile futuro (trama orizzontale, perché non ci sei mai stata?) e con battute spesso e volentieri pronte ad infrangere il quarto muro. Un finale di stagione (serie) che non ci si aspettava. Addio. (8/10)
Friends With Better Lives. Stagione 1. Episodio 2.
2. La scena del panino, il cazzo in fiamme e la scoreggia finale bastano per inquadrare LAMMERDA? Davvero, JVDB bravo e sprecatissimo. (4/10)

The Good Wife. Stagione 5. Episodio 17.
17. In un episodio che parte sottotono, ci ritroviamo immersi in: una battaglia interna alla LG, Kalinda Spy che elimina un socio, una copia di True Detective, un possibile amante futuro, un litigio tra Alicia e Peter che cambia le carte in tavole e il ritorno di MJF. Cosa volere di più? Preparatorio. (8/10)

Community. Stagione 5. Episodio 13.
13. Qualche piccolo sprazzo di genialità meta si vede, ma è davvero troppo poco nel discorso di una stagione che ha faticato a prendere il largo, contorcendosi su sé stessa per colpa degli addii e dell’atteggiamento gradasso di Harmon. Si ride poco. (5/10)

Silicon Valley. Stagione 1. Episodio 2.
2. Il plot banalino messo in scena nel pilot dimostra di avere discrete possibilità di sviluppo. In qualche momento si ride e non mancano i colpi di scena. Resta poco credibile l’accentuazione del nerdismo, ma forse tant’é. (7/10)

Game Of Thrones. Stagione 4. Episodio 2.
2. Beh, e chi si aspettava un colpo di scena del genere? Una morte decisamente improvvisa anche se un po’ telefonata, arrivata al culmine di un episodio e di un matrimonio che funziona. Le pedine si muovono con un senso e i personaggi hanno qualcosa da fare e da dire: siam partiti bene. (8/10)

Archer. Stagione 5. Episodio 12.
12. Ci siamo, il finale si avvicina. La situazione è decisamente migliorata, grazie finalmente ad un Archer al centro di una questione non incasinata, di più. Lo spezzone della tigre è geniale, così come il plot twist alla fine. Speriamo bene. (8/10)

Mad Men. Stagione 7. Episodio 1.
1. Come al solito, all’inizio della stagione rimango sempre leggermente spiazzato dal salto temporale. In questo caso sembra tutto più assimilabile, grazie anche ad una introduzione dei personaggi pressoché graduale. Il finale è un mezzo colpo di scena e per una volta mi sento di stare dalla parte di Don. Dramma Joan. (8/10)

Reality
Survivor: Cagayan. Stagione 28. Episodio 8.
8. Un blindeside talmente tanto inatteso che non m’è venuta neanche l’ansia. Il resto dell’episodio è costruito in maniera perfetta, anche nel montaggio e le prove seppur non esaltanti sono gradevoli. Tony potrebbe già essere uno dei migliori giocatori del Survivor moderno. (9/10)
Ink Master. Stagione 4. Episodio 8.
8. Lo strippo di Kyle, pompato all’ennesima potenza, si rivela un fuoco di paglia: ok viene cacciato dalla competizione e non fa altro che voler mettere addosso le mani a Munez, ma è stato ridicolo. Figata la prova con la polvere da sparo, carini i demoni in bianco e nero. No scherzavo: carino solo quello di Sausage, il resto è merda. (7/10)

Alla prossima settimana,
Boss.

Settimana 190: 27/01 – 02/02

Serie TV
Banshee. Stagione 2. Episodio 4.
4. Nessuna scena di particolare rilievo, ma il caso della tizia morta si risolve in maniera sublime. I vari drammi riescono a trovare una conclusione e qualche sviluppo, in più vediamo Lili Simmons chiavare e ciò è cosa buona e giusta. (8/10)
The Neighbors. Stagione 2. Episodio 15.
15. Purtroppo sa di già visto. Debbie che cerca di essere quello che non è, con Marty vittima degli eventi. Amber e Reggie han stancato col loro tira e molla durato troppo a lungo. Benino Larry come sempre alla scoperta di un nuovo sentimento umano. (6/10)
Helix. Stagione 1. Episodio 5.
5. Molti, troppi momenti wtf e di scarsissimo livello. Certe parti recitate fanno piangere per la pochezza sia della recitazione che della scrittura. Si salva la rivelazione dell’allucinazione (ok, ma il wtf resta), l’omicidio e qualche mostro. Il resto è tanto fuffa quanto la testa di #Futurama. (5/10)
The Following. Stagione 2. Episodio 2.
2. Oh, non fa ancora schifo. Peccato che l’unico personaggio osceno sia proprio il protagonista: le sue mosse movimentano l’episodio ma fanno gridare al CHECCAZZOFAI ad ogni inquadratura. Il culto meno credibile di sempre sembra un po’ meno ridicolo. (6/10)
True Detective. Stagione 1. Episodio 3.
3. Continua l’enorme marcia della serie che a della solidità e della concretezza il proprio punto di forza. Il cast stellare regala la solita prestazione oltre le righe, pur seguendo un plot già visto: tizio che non dorme ha una rivelazione che fa avanzare l’indagine. Bene, ma per spaccare davvero serve di più. (8/10)
The Crazy Ones. Stagione 1. Episodio 14.
14. Nessun momento di vero genio comico, tutto il baraccone però ha un senso, una forma e vuole andare a parare da qualche parte anche se continua a far fatica nel creare una storia con un mondo intorno. Troppo procedurale. (7/10)
Parks And Recreation. Stagione 6. Episodio 13.
13. Niente lacrimoni a fiumi (e questo è un male) ma addio perfetto a due personaggi mai veramente al top della loro condizione. Si sorride e il regalo di Ben commuove, così le emozioni vengono utilizzate tutte. Party TOP. (8/10)
The Millers. Stagione 1. Episodio 13.
13. Oh, il plot oramai è trito e ritrito e pur essendo banale e prevedibile, intrattiene il giusto. Mancano le perle comiche anche se il contesto familiare oramai aggrada. Idolo il padre con le protezioni da passeggero. (6/10)
Community. Stagione 5. Episodio 6.
6. Beh, manca decisamente l’aspetto geniale di fondo. La quest della bacheca ha i propri punti di forza, ma stenta a decollare per via di un finale tirato via. L’organizzazione del ballo serve da filler e basta. Bene Abed ma crudele il finale, anche se serve a riportarlo sulla vecchia strada. Guest sfruttate poco e male. (6/10)
Homicide: Life On The Street. Stagione 7. Episodi 11, 12, 13.
11. Dai, il cold case è interessante e gestito bene. Essendo il caso preponderante in termini di minutaggio, l’attenzione non cala, anche per via di Falsone e Ballard poco incisivi e Sheppard con la faccia giustamente tumefatta. (7/10)
12. Il dramma incredibile di Garthy e la sua storia un tantino troppo romanzata. Lo scontro con Munch ha dei precedenti messi poco in luce in precedenza e il rapporto tra Meldrick e Sheppard avanza lentamente. Male Falsone con Ballard, è caduta la catena, ma il finale salva tutto. #teamBillieLue. (8/10)
13. Dai, l’episodio sembra un vile tentativo di far sembrare i detective al passo con i tempi. Peccato che tutto risulti inverosimile, partendo da Sheppard primario in una red ball e arrivando allo streaming degli omicidi. Ridicolo l’arresto finale. (5/10)
Girls. Stagione 3. Episodio 4.
4. Unica nota di rilevo: Hannah, oltre che essere una persona demmerda, è pure senza cuore e meschina. Marnie fa pena, Jessa fa cose a caso e ride all’idea di un bimbo, Soshanna è sempre più rincretinita e la corsa nel cimitero è l’apoteosi del senza senso. L’ho già detto che Marnie fa pena? (4/10)
How I Met Your Mother. Stagione 9. Episodio 16.
16. Il duecentesimo episodio ha lo stesso difetto degli ultimi: non fa ridere. Il lavoro legato alla continuty, però, è sublime e funziona benissimo, anche se la storia della madre è un tantino esagerata nel drama. Il finale non scatena lacrimoni ma va bene così, un apice sicuramente. (8/10)
Archer. Stagione 5. Episodio 3.
3. Mhhh, si vede che prendere confidenza con i nuovi ruoli non è facile. La storia prosegue, ci si diverte ma non si esplode dall’hype. L’ingresso della yakuza non stimola l’azione. (7/10)
Broad City. Stagione 1. Episodio 2.
2. Decisamente meglio del pilot. Qui il plot ha un senso per tutte e due e a tratti fa ridere pur venendo utilizzata una comicità non altissima. A tratti, da lontano, mi ricorda certe scene alla Louie. Così va bene. (7/10)

Reality
Duck Dynasty. Stagione 5. Episodio 4.
4. Banalino ma efficace. Willie cerca di entrare nelle grazie dei fratelli per ridersela un po’, mentre Phil alle prese con le nipotine è sempre il top, soprattutto grazie alla sua storia horror realtiva a Si. LOL. (7/10)
King Of The Nerds. Stagione 1. Episodi 1, 2, 3, 4, 5.
1. Geniale. Un reality gioco con undici nerd “specializzati” in vari campi pronti a competere per il titolo e 100000 dollari. Buona conduzione, buoni personaggi e buone sfide, ma c’è anche della figa. (9/10)
2. Altro episodio geniale che sembra avere in sé lo schema ufficiale. Prova contro le squadre e dei perdenti due vanno al nerd off. Mica male i costumi e le nerdissime storie, benino lo scontro finale leggermente dettato dal caso. (8/10)
3. Episodio nerdissimo. Al di là dei drammi di Danielle, mezza tradita, si assiste al riscatto di un nerdissimo Virgil che esce dal suo guscio e diventa l’eroe del giorno. Finalmente in blu mandano i crisi gli altri che vedono perdere un nerd di quelli scientifici. Brutte prove però. (8/10)
4. Ecco il primo episodio leggermente debole, anche se il pianto di Geneveve dopo il dibattito su Batman è da Oscar. Eliminazione sacrosanta finalmente, ma le prove decisamente poco spettacolari. (7/10)
5. Sfida nerdica poco nerdica e molto intellettuale. Nerd-off lofi escludendo l’aspetto comico della vicenda. Mancano gli elementi per rendere tutto più nerd, ma la sbronza degli arancioni è il TOP. (7/10)

Musica
Beyoncé – BEYONCÉ (2013)
Uscito in sordina carico di hype ma niente di esaltante salta alle orecchie. La voce è convincente come al solito, le cosce anche, ma mancano quei pezzi che in ogni suo disco spiccano sempre.
Russ Landau – Survivor 13 – Cook Islands (2006)
Il primo amore non si scorda mai ok, infatti non si scordano questi pezzi principalmente ambient della prima stagione di Survivor da me vista. La storia della musica ne avrebbe fatto anche a meno che sia chiaro.
Oasis – (What’s The Story) Morning Glory? (1995)
Beh, un deciso capolavoro. Mai apprezzato tanto questa band britannica, ma la storia della musica passa di qui e non di più disprezzare un disco talmente solido da essere famoso praticamente tutto. Fatto bene.
Gustavo Santaolalla – The Last Of Us (Original Score By Gustavo Santaolalla) (2013)
Beh, la colonna sonora di questo survivor horror straordinario non poteva che essere un tocco al cuore. Musiche poetiche che vanno accompagnate con la mente a luoghi catastrofici.

Alla prossima settimana,
Boss.

Settimana 189: 20/01 – 26/01

Serie TV
Banshee. Stagione 2. Episodio 3.
3. L’episodio è fracassone come al solito ma c’è un velo di forzature che non convincono come al solito. L’indianone sembra un boss di fine livello, il resto cerca di reggersi con una storia che detta uno sviluppo ma del quale fottesega. La chiavata del giorno è ok, Odette anche. (7/10)
The Neighbors. Stagione 2. Episodio 14.
14. Trama con comportamenti alieni che spuntano troppo all’improvviso. Lo sviluppo funziona, anche se la rottura ha davvero rotto i coglioni. Ci si diverte nel vedere un Marty alle prese con le donne e Dick alle prese con la ribellione. (6/10)
Helix. Stagione 1. Episodio 4.
4. Noiosetto. Episodio che si regge solo sulla qualità dei vari misteri perché il comparto caratteriale e le singole “trame” dei vari personaggi fanno pena. Basta guardare l’incontro WTF della tizia nel livello R (chicazzè quella con la maschera), oppure far caso ad Hatake che va giù, fa riattaccare l’aria e poi ammazza tutti. Senza senso. (6/10)
Brooklyn Nine-Nine. Stagione 1. Episodio 14.
14. Si ride molto meno del precedente, soprattutto per via dell’utilizzo sotto tono dei due protagonisti di puntata. L’ambiente resta carino, ma mancano le battute sferzanti e Peralta è troppo ridondante. (7/10)
The Following. Stagione 2. Episodio 1.
1. Ritorno sensato anche grazie al salto temporale. Un sacco di guest conosciute (Bodie, Connie Nielsen, Carrie Preston) per una trama che ricomincia da capo con buone basi di partenza. Carrol in vita è banale, ma se ci si accontenta il tempo passa. (8/10)
True Detective. Stagione 1. Episodio 2.
2. L’indagine non mi ha gasato, ma l’approfondimento dei personaggi e la qualità di scrittura, recitazione e fotografia mi fanno gridare al gasamento puro. Quota tette molto buona. Attendiamo solo gli sviluppi sull’assassino. (8/10)
The Middle. Stagione 5. Episodio 12.
12. Classico episodio di The Middle. Se lo scopo di base è parlare di cose medie che capitano alle famiglie medie, eccoci di fronte alla mediocrità fatta in persona: un banale caso di ritardismo cronico e banali crisi adolescessuali intrattengono pur essendo prevedibili. (7/10)
Parks And Recreation. Stagione 6. Episodio 12.
12. Trama carina e sensata (tralasciando il vai e vieni politico di Leslie) e Ron che torna a sferzare l’aria con il suo EXCELLENT RECTANGLE. Bene Andy, finalmente, e bene anche la coppia che scoppia seppur prvedibile. (8/10)
Community. Stagione 5. Episodio 5.
5. L’idea di per sé geniale perde di mordente nella sua realizzazione troppo cartoonesca. Le gag non sono tante e la scrittura traballa in dialoghi troppo ferrati, ma il genio resta quello. Finale frettoloso e l’addio di Troy non scatena le lacrime. Poteva essere meglio. #BonTroyage (8/10)
Homicide: Life On The Street. Stagione 7. Episodi 9, 10.
9. Il caso è veramente toccante e il finale è uno dei più macabri mai visti. Il dramma di quello che gli ruota intorno ha tanti bassi, parendo da Kellerman odiato da tutti e arrivando alla triste relazione tra Ballard e Falsone. La chiusura è degna, ma niente di esaltante. (6/10)
10. Questo sì che sarebbe stato un episodio da dividere in due, grazie all’interessantissima Red Ball e ai cazzotti in faccia che prende Sheppard. Sembra di tornare indietro anche per merito dei discorsi sul razzismo, speriamo si mantenga a livello. (8/10)
Girls. Stagione 3. Episodio 3.
3. Dal punto di vista prettamente funzionale l’episodio regge, con scene messe in campo per esplicare la trama e dare un senso agli sviluppi. Il problema sono i contenuti, completamente inutili. L’accozzaglia di situazioni ed idee sembra casuale, anzi: lo è. (4/10)
How I Met Your Mother. Stagione 9. Episodio 15.
15. Dai, non ha fatto così cagare. Il rivedere il vecchio Barney ma soprattutto scoprire il suo folle piano lavorativo è stato un must. Carine le parentesi nel presente e di Marshall, da lasciare in disparte Barney ubriaco. (6/10)
Archer. Stagione 5. Episodio 2.
2. Primo episodio di Archer Vice che gasa, ma non gasa così tanto come ci si sarebbe aspettato. I personaggi trovano subito la nuova collocazione e si scontrano con la prima missione: vince l’assurdità, vince Pam sotto cocaina. (8/10)
Broad City. Stagione 1. Episodio 1.
1. Prodotto da Amy Poehler, queste due dopo aver spaccato su YouTube si presentano in tivù con quello che sembra essere un collage di gag. Alcune divertono, altre meno e il risultato è un minestrone con i pezzi grossi. Da rivedere. (6/10)

Reality
Duck Dynasty. Stagione 5. Episodio 3.
3. Beh, Si con la telecamera fa molto meno ridere del previsto soprattutto per colpa dei suoi orribili primi piani. L’altro plot è Willie che si perde in auto con i figli mentre va alla partita: davvero? (5/10)

Alla prossima settimana,
Boss.

Settimana 188: 13/01 – 19/01

Serie TV
Banshee. Stagione 2. Episodio 2.
2. Provate a fare un elenco delle cose che succedono in questo episodio. Non è possibile perché SUCCEDE SEMPRE TANTA ROBA. Io mi gaso e chiudo volentieri gli occhi davanti al palese tentativo di far scazzottare chiunque. Gli scenari per far del casino sono molteplici, così come le tette e i culi: BENE. (8/10)
The Neighbors. Stagione 2. Episodio 13.
13. L’episodio post rottura mette in scena la classica commediola a sfondo “riunione scolastica”. I cliché vengono sciolinati tutti senza la solita classe, in un turbinio di già visto e niente di esaltante. Malino anche il lato puccioso, ovvio anch’esso. (5/10)
Helix. Stagione 1. Episodio 3.
3. Mhh, l’hype si sta sgonfiando ma la serie non è ancora svaccata, anzi. Se non fosse per alcune scelte di cast imbarazzanti e se non fosse per un scrittura a tratti veramente tremenda, l’impianto reggerebbe anche abbastanza bene, nel suo mix di misteri e colpi di scena. Continuiamo a dargli fiducia. (7/10)
Brooklyn Nine-Nine. Stagione 1. Episodio 13.
13. Io a questo episodio do dieci, perché oltre che a essere farcito di battute esilaranti, ogni personaggio si esprime ai massimi livelli in un contesto (plot e sotto plot) perfettamente funzionante. Un apice. (10/10)
True Detective. Stagione 1. Episodio 1.
1. Un bel polpettone con un gran cast e un caso che trasuda interesse da ogni poro. Manca un po’ l’ambientazione ma tutto funziona alla grande. Non nel mio stile il vai e vieni temporale che rischia di confondere, ma le basi sono state gettate con cura. (8/10)
The Middle. Stagione 5. Episodio 11.
11. Vogliamo più liti serie tra Axl e Sue, mi sono spisciato da ridere! Benino anche la storyline di Frankie con il suo capo, al di là degli esaurimenti nervosi. Si ride davvero bene e il finale puccioso fa il resto. (9/10)
Parks And Recreation. Stagione 6. Episodi 11.
11. Parks&Rec si sta rigirando su sé stesso, con molte posizioni in bilico, un ritorno alle origini e una confusione sui ruoli che alle volte spiazza.  Le gag sono divertenti, ma manca il collante giusto. (7/10)
The Good Wife. Stagione 5. Episodio 12.
12. Il caso del giorno è un fottesega pauroso, soprattutto per come viene gestito il processo. Tuto bene finché i tecnicismi non vengono esagerati in modo tale da confondere il tutto. Il lato comico, ma soprattutto le altre storyline reggono la baracca. E come la reggono. (8/10)
Community. Stagione 5. Episodio 4.
4. Episodio che vuole richiamare Cooperative Calligraphy ma fallisce in maniera miserabile. Le urla e i litigi stancano subito, così come il pipponi di Jeff. Alcuni segreti sono geniali, ma tutto suona come ridondante e già visto. Salvo l’ultimo giro di domande che fa ridere, anche se il pretesto è far allontanare Troy. (6/10)
Homicide: Life On The Street. Stagione 7. Episodi 4, 5, 6, 7, 8.
4. Il finalone gasa tantissimo, ma il caso del giorno seguito da Ballard e l’altro è noiosetto. Di poco conto anche la farcitura di dialoghi, troppo semplici, una red ball lofia. (5/10)
5. Munch che si rompe il pene è l’apoteosi del trash. Episodio salvabile solo per il confronto tra padre e figlio Giardello, il caso del giorno fa pena sia come sviluppo che come conclusione. (6/10)
6. Come fai a fare un episodio che risollevi l’attenzione? Semplice: lo fai doppio e a metà ci piazzi un incidente dove uno dei detective si fa male. Peccato che il contorno trasudi noia come al solito e la nuova coppia non risplenda. (6/10)
7. Come vuole la regola di Homicide, la seconda metà deve per forza essere più brutta. Sì, l’incidente mette ansia e preoccupa, ma la caccia in Florida non aggiunge elementi alla storia dei detective. Finale amarognolo fallito. (5/10)
8. Caso del giorno quasi shock, con una coppia di bambini e un infanticidio. Torna a spuntare un disperato Kellerman, ma non dà la spinta emotiva che ci si poteva aspettare. Benino il contorno. (6/10)
Girls. Stagione 3. Episodio 1, 2.
1. Solito problema con Girls: poca sostanza, poca carne sul fuoco e un’incredibile quantità di fumo. L’incontro nel café è di una lunghezza sfiancante e mi mette subito nel mood sbagliato, il resto regge fino a che non toccano Marnie. CHEPPALLE. Bene Adam, sempre più inquietante. (6/10)
2. Beh, il secondo episodio mi ha divertito! A parte Soshanna che sembra prigioniera del proprio personaggio, il viaggio e le varie scene mi han convinto soprattutto per la loro concretezza e volatilità. Finale un po’ buttato lì per via di una riappacificazione frettolosa. (7/10)
How I Met Your Mother. Stagione 9. Episodio 3.
14. Mi sento generoso e dico che l’episodio è stato decente. Qualche trovata comica interessante, anche se le battute ridondanti stancano a prescindere. Finale senza senso, ma va bene lo stesso. L’Hype del quarto schiaffo è andato, ne manca uno. (7/10)
Archer. Stagione 5. Episodio 1.
1. Se è tutto vero, potremo esserci trovati di fronte alla messa in scena del genio più assoluto. Gli autori si sono rotti il cazzo e con un pretesto sconvolgono tutto l’ambiente e cambiano le basi, ingolosendoci con quello che speriamo sia un trailer. HYPE (9/10)

Reality
Duck Dynasty. Stagione 5. Episodi 1, 2.
1. Il ritorno dopo le polemiche a tema omosessuale che han colpito lo show (giustamente) non è esaltante. Serve solo a regalarci Si in versione delirante da febbre e ad introdurre Rebecca, una tizia random asiatica membro della famiglia. Jhon Luke idolo di stupidità. (6/10)
2. Episodio che torna ai vecchi fasti anche se viene introdotto un nuovo personaggio che spero faccia il bizzarro e che non lo sia. Caccia al tesoro geniale, reazione degli impiegati al nuovo arrivo giusta. (8/10)

Alla prossima settimana,
Boss


Rubriche

Comandamenti
Mai più senza:
- Armadio
Opere d'Arte:
- Scultura alle Selz Soda

TV

Classificone Televisivo 2012/2013
Classificone Televisivo 2013/2014
Classificone Televisivo 2014/2015
Classificone Televisivo 2015/2016

Al momento seguo:
Better Call Saul, Stagione 3
Fargo, Stagione 3
Girls, Stagione 6
Ink Master: Redemption, Stagione 3
Last Week Tonight With John Oliver, Stagione 4
Seinfeld, Stagione 5
Son Of Zorn, Stagione 1
Survivor, Stagione 34 (Game Changers)
The Handsmaid Tale, Stagione 1
The Last Man On Earth, Stagione 3
The Middle, Stagione 8
Z Nation, Stagione 3

Sul Kindle


Douglas Adams - Mostly Harmless


David Simon - Homicide: A Year On The Killing Streets

Musica

Ora sono in fissa con:

Frank Ocean - Blonde (2016)

Best of 2009
Best of 2010
Best of 2011

Visite