Archive for the 'The Middle' Category

Settimana 362: 15/05 – 21/05

Serie TV
American Gods. Stagione 1. Episodio 3.
3. Ancora un po’ di BOH e maccosa, ma spuntano elementi leggermente comici e va bene. C’è pure una nuova turbognocca e la resurrezione della moglie non mi stupisce. Bel prodotto. (7/10)
Better Call Saul. Stagione 1. Episodio 6.
6. Si continua a strizzare l’occhio a Breaking Bad e ci sta bene. Dopo lo scorso episodio si guarda tutto con occhi diversi e la nascita di Saul colpisce nel cuore. (9/10)
Fargo. Stagione 3. Episodio 5.
5. Incredibile come siano riusciti ad incastrare ogni singola trama nel disegno più complessivo del caos ordinato. La violenza aumenta all’improvviso e non stona, anzi: fa aumentare la carica. (9/10)
Silicon Valley. Stagione 4. Episodio 3.
3. Ennesimo cambio di rotta: il più grosso però potrebbe aprire nuovi scenari interessanti. La parabola di Big Head è molto più interessante delle diatribe tra Gilfoyle e Dinesh. (7/10)
The Handmaid’s Tale. Stagione 1. Episodio 6.
6. Ma cosa vogliamo dire di un prodotto che va ad indagare anche nei meandri dei cattivi? Cosa vogliamo dire di un prodotto basato sui silenzi? Su questo, Elizabeth Moss. (8/10)
The Leftovers. Stagione 3. Episodio 5.
5. Il tizio risorto in Australia! Pezzi di ogni cosa che tornano insieme, tutto bellissimo e fatto ancora meglio, se non fosse per il non chiaro punto di arrivo. Ma noi siamo come loro, no? (8/10)
The Middle. Stagione 8. Episodio 23.
23. Ci si poteva aspettare qualcosina in più dai momenti lacrima, ma ci possiamo accontentare di un Brick in condizioni maestose con la sua sedia. All’anno prossimo ragazzi <3 (8/10)

Talk Show
Last Week Tonight With John Oliver. Stagione 4. Episodio 12.
12. Tema interessante e da paura, ma noi vogliamo una cosa sola: LA GUERRA CON LA NUOVA ZELANDA.(7/10)

Reality
Survivor: Game Changers. Stagione 34. Episodio 11.
11. Episodio compresso che anche no a 7 dalla fine. Addio gnocca Andrea, t’han fregato e addio Cirie, visto che non sai leggere ti sei rovinata tutto. Vedo che non c’è speranza in questa stagione, ormai mi stan sul cazzo tutto e i game changers non sono i giocatori, ma le regole del gioco. (6/10)

Documentari
The Keepers. Stagione 1. Episodio 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7.
1. Cosa volete che vi dica, a me ‘ste storie mi fanno gelare il sangue, mi gasano e mi fanno restare attaccato allo schermo. (8/10)
2. STORIA DI PAURA E PAZZESCA MADO’ CHEMMERDA. La cosa che mi intrippa è perché non han fatto marcire in galera quelle merde? (8/10)
3. Beh, questo mi ha gasato bene con la storia delle lettere e il finale con gola profonda. Che storia agghiacciante. (8/10)
4. Come in ogni storia di questo tipo, c’è sempre la svolta demmerda perché la gente fa schifo. Dopo aver ripiegato sugli abusi, eccoci tornare all’omicidio. Mi sa che non cambierà un cazzo. (8/10)
5. The woman in the attic ohmmaifakkinggod. Finale da brivido e con qualche lacrimuccia, ma il ritorno all’omicidio col cambio di rotta fa perdere il filo dallo shock del tutto. (7/10)
6. Mannaggia lammerda i brividi e i lacrimini per i racconti di questa storia di merda. In senso buono, nel senso che si sta male. (8/10)
7. Finale amarissimo con una serie di dubbi che lasciano lammerda in sospeso. Non si possono lasciare irrisolti casi del genere così a lungo. Peccato. Urlato per tutto. (8/10)

Alla prossima settimana,
Boss.

Annunci

Settimana 361: 08/05 – 14/05

Serie TV
American Gods. Stagione 1. Episodio 1, 2.
1. Cosa ho appena visto? Una bomba di colori, situazione e personaggi mai presentati in maniera così apparentemente superficiale. Gli dei moderni mi han gasato, così come il sangue e la modernità della trama. Sono dentro. (8/10)
2. Episodio di assestamento che sembra stabilire una strada e uno scopo, non si sa ancora per cosa. Gillian Anderson figona, tette, poche botte ma a noi piace anche così. (8/10)
Better Call Saul. Stagione 1. Episodio 5.
5. OHHH, episodio BOMBA CLAMOROSA E POI C’È HUELL. Si spinge sull’acceleratore e con grandissima classe si arriva al climax finale, che sfocia in una perfetta caratterizzazione dei personaggi e delle loro azioni. Che bella la TV. (9/10)
Fargo. Stagione 3. Episodio 4.
4. Mood del passato, con musichette e una leggerezza apparente che fa muovere tutto avanti molto bene. Ci piace anche questo Fargo qui. (8/10)
Master Of None. Stagione 2. Episodio 1, 2.
1. MODENA. (Episodio moscio ma Modena) (9/10)
2. MODENA. Un po’ di Toscana. GHIRLANDINA. Episodio molto più carico del precedente, soprattutto per il tema di Dev che soffre e lo capisco. (8/10)
Seinfeld. Stagione 6. Episodio 1.
1. Carine le trovate comiche in questo debutto di stagione, Kramer con Miss America mi ha ucciso. (7/10)
Silicon Valley. Stagione 4. Episodio 3.
3. Ennesimo cambio di rotta: il più grosso però potrebbe aprire nuovi scenari interessanti. La parabola di Big Head è molto più interessante delle diatribe tra Gilfoyle e Dinesh. (7/10)
The Handmaid’s Tale. Stagione 1. Episodio 5.
5. Un po’ di azione che non guasta mai. Episodio ancora una volta di una solidità imbarazzante, anche se il finale esula ed esce un po’ dagli schemi. Il tema del tradimento del tizio trattato un po’ a cazzo, Alexis Bledel paurosa in abilità. (8/10)
The Last Man On Earth. Stagione 3. Episodio 17, 18.
17. Ok, finalmente un bambino è uscito ma il vero momento importante è lo scivolo con l’olio e la centrale nucleare giustamente a fuoco. (6/10)
18. Finale finalmente potente e decente, dove il mondo, le storyline e tutto il resto si incastrano alla perfezione. Peccato solo per il carattere di Tandy, che rovina sempre tutto. Addio The Last Man On Earth, forse. (8/10)
The Leftovers. Stagione 3. Episodio 4.
4. Il confronto finale è qualcosa di pazzesco e il resto funziona alla grande. GRANDISSIMA. La crisi di Nora supera i drammi di Kevin, solo per la prevedibilità della reazione. (9/10)
The Middle. Stagione 8. Episodio 22.
22. Pezzo musicale molto ok, storia della fortuna molto ok, Axl prevedibile ma va bene così, sempre piacevoli. Pronto a piangere per il finale. (8/10)

Talk Show
Last Week Tonight With John Oliver. Stagione 4. Episodio 11.
11. Tema molto complicato, ma la Nuova Zelanda rasserena tutti. Mi aspettavo una celebrazione diversa per i 100 episodi.(7/10)

Reality
Survivor: Game Changers. Stagione 34. Episodio 10.
10. Sempre commoventina la prova con i parenti, le altre passano inosservate. Ma farne una come i vecchi tempi che dura 12 ore? Eliminazione con brivido ma anche no. (6/10)

Alla prossima settimana,
Boss

Settimana 360: 01/05 – 07/05

Serie TV
3%. Stagione 1. Episodio 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8.
1. Sapevo essere una cosa futurista di quei mondi strambi che piacciono a me, ma chi si aspettava fosse una serie brasiliana con lingua madre in portoghese? I’m in! Bel pilot, ben pensato e ben ragionato, con un plot imbastito in maniera quasi perfetta. (8/10)
2. Il secondo è sempre complicato, ma porta a casa il compito anche se certe situazioni si vedono essere un po’ troppo ragionate in sala scrittura. Continua ad incuriosire bene. (8/10)
3. Meh, sappiamo bene che le cose oniriche non mi ispirano, per questo il tunnel mi ha fatto cacare. Bene la backstory di Joanna ma per il resto non succede nulla se non i soliti misterini piazzati qua e là. (6/10)
4. Va beh, muore della gente. Episodio che vuol racchiudere l’animo umano in una bottiglia, ma riesce solo nelle intenzioni, non nella pratica: troppo esagerato e la freschezza inizia a puzzare di vecchio. Troppi crolli mentali. (6/10)
5. E chi si aspettava un episodio del genere? Non c’è molta empatia col personaggio, ma la sua storia ora è completa e messa giù bene, nonché funziona il dramma. Bravi. (8/10)
6. Finisce così il processo? Na mezza pagliacciata. In realtà funzionano le scelte prese per i singoli personaggi, ma Rafael non avrebbe dovuto avere le foto di suo fratello? E Joanna quella della tizia a caso? Piccolo plot hole. Malino i vari dialoghi, banalotti. (6/10)
7. Forse ero distratto, ma non me l’aspettavo per nulla il finale. Ottimamente gestito, anche se l’episodio è un pippone fondamentalmente di nulla. Gestiti bene anche i momenti di tensione. (8/10)
8. Chiusura molto interessante, con svolte improvvise e non ravvisabili. Il problema è non riuscire a tifare né per il processo, né per la causa: occorre arricchire l’aspetto empatico del tutto. (7/10)
Better Call Saul. Stagione 1. Episodio 4.
4. Oh, questo mi è piaciuto un bel po’. Sarà che Chuck è nammerda e il finale mi ha gasato, sarà che Gus mette le mani avanti con Mike, sarà Salamanca, sarà che così è ok. (8/10)
Fargo. Stagione 3. Episodio 3.
3. Carrie Coon. Bello il viaggio a LA che aiuta a creare un bel quadro del tutto. Al fine del racconto potrebbe non servire, ma la qualità è così alta che va bene parlino di qualsiasi cosa. (8/10)
Master Of None. Stagione 1. Episodio 6, 7, 8, 9, 10.
6. Maledetto Aziz… Dovevi per forza far vedere un appuntamento con Rachel che dura tutto un episodio, puccioso col finale pucciosissimo anche dopo averci fatto temere il peggio? Maledetto. (9/10)
7. Bella prospettiva sul rapporto uomo/donna, l’arresto in metro e soprattutto il finale puccioso. Ma esistono davvero donne in grado di esprimere concetti così chiari? Mah. (8/10)
8. Beh, è riuscito a far carino e puccioso anche un episodio con una vecchia, che di solito è molestissima. Sta superando tutti gli scogli con una maestria che non mi aspettavo, anche se il suo modo di fare URTA nel retrogusto. (8/10)
9. Non fa bene guardare episodi del genere, soprattutto durante i ponti mannaggia. Ottimo tutto, dolore. (9/10)
10. Che amarezza… proprio in questi giorni di cacca dovevo guardare una serie dove la gente decide di dare un taglio alla propria vita e ripartire? Mannaggia ad Aziz, sul serio. (8/10)
Seinfeld. Stagione 5. Episodio 19, 20, 21, 22.
19-20. Doppio episodio dalle buone battute ed un incastro di plot che funziona molto bene. Siamo lontani dalle verticalità degli inizi. (8/10)
21. Ci voleva un episodione da far ridere a gargarozzo, grazie a George e al suo fare l’opposto di quello che pensa. Potrebbe diventare una lezione di vita, tipo “sono diventato così grazie a George Costanza”. (10/10)
22. Carino, anche se questo effettivamente non era in fila. Tutte le trame coincidono e il cast nell’insieme si comporta bene. Bel finale di stagione. (7/10)
Silicon Valley. Stagione 4. Episodio 2.
2. Ennesima giravolta su sé stessi e, anche se il finale convince, ora ci dobbiamo aspettare un nuovo internet? Tutto ha un filo logico, chissà cosa accadrà. (7/10)
The Handmaid’s Tale. Stagione 1. Episodio 2, 3, 4.
2. Gran opera, ma finalino prevedibilino. Il mood resta invariato e tutto estremamente inquietante, nonché ben girato e recitato. Un plauso ad Elizabeth Moss, sopraffina. (8/10)
3. Madò gli occhi di Alexis Bledel che parlano per più di mezzo episodio. Intenso come i precedenti, la nascita del nuovo stato è sicuramente la parte più intrigante, il resto sembra essere una grandissima introduzione di qualità. (8/10)
4. Mannaggia quanta qualità c’è in questo prodotto, quanta qualità c’è in Elizabeth Moss. Ma noi bravi lo sapevamo già. Solido e concreto, CONCRETISSIMO. (8/10)
The Last Man On Earth. Stagione 3. Episodio 16.
16. Salto temporale che ci poteva stare, la fola della nascita non è così fastidiosa come non lo è Gennaio Gionata che vuole chiavare. Dio che gnocca. (6/10)
The Leftovers. Stagione 3. Episodio 3.
3. Iniziano ad unirsi i puntini in un episodio così folle e pregno di significati e pazzia che non so cosa pensare se non “chefficata pazzesca”. (8/10)
The Middle. Stagione 8. Episodio 21.
21. Niente di eclatante, ma The Middle viaggia bene anche quando è sobrio e passa inosservato, alla fine è la sua indole. (7/10)

Reality
Survivor: Game Changers. Stagione 34. Episodio 9.
9. Episodio moscio ma pazzesco nel voto finale. Chi ha manovrato i 4 uno contro l’altro e reso necessario 4 voti per far fuori Zeke è stato un genio. Prove meh, Andrea amore mio. (8/10)

Alla prossima settimana,
Boss

Settimana 358: 17/04 – 23/04

Serie TV
13 Reasons Why. Stagione 1. Episodio 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13.
1. Sappiamo tutti che non ho tempo in questa fase della mia vita: devo trovare me stesso. Twitter mi ha obbligato a guardare il primo episodio e vaffanculo, ci sono rimasto in mezzo. Storia imbastita in maniera pazzesca, affascinante, coinvolgente, ricca di curiosità, agghiacciante, paurosa, raffinata e sottile. HANNAH FIGHISSIMA, tutto bello mi sparo il secondo. (10/10)
2. Gneek, fa un piccolissimo passo indietro introducendo tanti altri personaggi e facendo perdere un po’ il filo temporale. Ma è tutto così coinvolgente che non si sente il peso di queste nuove figure, anzi. HANNAH FIGHISSIMA. (8/10)
3. Sono curioso come un caprettoooooo. Bell’episodio solido, con qualche discussione in più su tutto, il plot che avanza inesorabile verso il sempre peggio. Da oggi userò ufficialmente il butterfly effect come intercalare. Meno male che Alex non è morto, HANNA FIGA PAZZESCA. (8/10)
4. Mhh, lo sapevo che anche il fotografo centrava qualcosa… Il mistero si infittisce, ma effettivamente il tempo si sta allungando a dismisura. Hannah ne soffre di tutti i colori, non vorrei rimanere deluso. (8/10)
5. Bell’episodio sulla cinese, ma in realtà è TUTTA LA SCENA DEL BALLO CHE MI HA MESSO I FEELINGS ADDOSSO. MERDA, il finale nella doccia ciao. (8/10)
6. Povera Hannah. Se non fosse così bello tutto (anche la tizia di colore), inizierei a trollare sul “povera Hannah”. Ma non si può fare, e la lentezza è solo il pugnale che entra sempre più lentamente. HANNAH FIGA PAZZESCA. (8/10)
7. Mhh, forse l’episodio meno solido dei precedenti, anche se resta in linea molto bene. Si è un po’ perso il rapporto Clay-Hannah e mi dispiace, ma la curiosità resta altissima. Diciamo che essendo una cosa fondamentale forse perde un po’ di appeal alla lunga, ma resisto. (7/10)
8. Va beh dai, a ‘sto punto diciamolo “povera Hannah” (FIGHISSIMA). Non so quanto la scampagnata abbia aiutato a far crescere la storia, ma il counselor non mi convince a caso. Del tizio nella nuova cassetta ne facevamo anche a meno. (7/10)
9. Finalmente siamo arrivati alla festa, anche se le dinamiche sono state spiegate in maniera diversa dal solito ma con i soliti tempi. Io non so come Clay abbia fatto a non ascoltare tutto subito, così come sto facendo io. HANNAH FIGONA ANCHE CON I CAPELLI CORTI. (8/10)
10. No va beh, la crisi di pianto che mi è venuta alla prima frase di Tony mi ha particolarmente sconvolto. Non vorrei mai che ci fossi rimasto in mezzo troppo, più del dovuto. (8/10)
11. No va beh quanto ho pianto qui lo sapete voi? Non do voto massimo causa lungaggini studiate per riempire l’episodio, io non so come facciamo a vivere noi Clay. (9/10)
12. La scena della violenza è un cazzotto in faccia, a meno dieci, dato da un kazako ubriaco di 150kg. Tutto si regge sulla disperazione di Hannah che, povera crista, vince il premio di personaggio sfigato dell’anno. (9/10)
13. No va beh, CHE AMAREZZA. La scena della vasca mi resterà impressa per SEMPRE. SEMPRE. Conclusione comunque degna anche se le porte son rimaste aperte. Che lavoro, pollicione in su. (9/10)
Better Call Saul. Stagione 1. Episodio 2.
2. Voto alto solo per i feels nel vedere lui, che per il resto non succede niente di rilevante, soprattutto dal punto di vista del plot generale. (8/10)
Fargo. Stagione 3. Episodio 1.
1. Premiere in stile Fargo e forse, alla terza annata, poteva essere un filino diversa. Carrie Coon, grandi attori, plot sconfusionato e coincidenziale ma non male. Vedremo cosa succederà e come si incastrerà il tutto. (7/10)
Girls. Stagione 6. Episodio 10.
10. Addio Lena, grazie per avermi regalato l’ultima dose di Marnie della quale avrei fatto volentieri a meno. È da sei anni che seguo queste vicende nella speranza che mi entrino in qualche modo. Missione fallita. Episodio finale che boh, non capisco il nesso. (6/10)
The Good Fight. Stagione 1. Episodio 10.
10. Bel finale in cui succede di tutto. C’è un filo di banalità in tutto (Kurt, Quinn, Lucca e Maia) ma la qualità è buona, cerca una propria strada e il plot soddisfa. Il mondo ci ha regalato il seguito di The Good Wife, non possiamo che esserne grati e riconoscenti. Alla prossima stagione. (8/10)
The Leftovers. Stagione 3. Episodio 1.
1. Beh, serie di livello altissimo. Il piccolo salto temporale consente anche a noi l’aggiustamento, pur non essendo semplice. Nuovi scenari, vecchi scenari, nuove dinamiche, vecchie dinamiche e un misterione dietro che spostatevi. Addicted. Carrie Coon. (8/10)
The Middle. Stagione 8. Episodio 20.
20. Belle le gag sulla piscina, e carino come sempre Frankie che cerca di abbracciare Axl. Prevedo già lacrime per la graduation di Axl uffa. (7/10)

Talk Show
Last Week Tonight With John Oliver. Stagione 4. Episodio 9.
9. Finale da iscrivere nella storia della televisione. LARRY SKYWALKER. (9/10)

Reality
Survivor: Game Changers. Stagione 34. Episodio 7.
7. Doppio episodio, tanta carne al fuoco. Andrea gnocca che vince l’immunity, ma la maestosa giocata strategica di Cirie domina la scena. Secondo episodio dove mi piange il cuore nel vedere gente come Tai e Debbie che con la loro zero strategia hanno la meglio sui mostri sacri. Ozzy, eri destinato a non vincere mai. (8/10)

Documentari
Abstract: The Art Of Design. Stagione 1. Episodio 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8.
1. CHEFFIGATA. Pazzesco mi sento una nullità. (10/10)
2. Un po’ meno fico, ma tutto ‘sto studio dietro a delle scarpe brutte mi ha incuriosito. (8/10)
3. Non è il mio genere di arte e visualizzazione preferito, oltre che si capisce poco delle intenzione. Resta affascinante. (7/10)
4. La vergogna è che di costui non ne ho mai sentito parlare. Un genio? Approfondirò. Mi sento una nullità al quadrato. (10/10)
5. No va beh, la storia di questo mi ha pure commosso. Questa è gente fuori dagli schemi, i riferimenti fanno male. (8/10)
6. FONT OVUNQUE. Va beh, ‘sta qua a vivere a New York può fare quello che vuole. Ispirazione può essere il suo maniacalismo. (7/10)
7. PLATON eroe, tra un po’ mi commuovevo anche con questo… Fotografo top, effettivamente conoscevo anche alcuni suoi lavori, bravo me. (9/10)
8. Eccallà, un’altra genia pronta a farci sentire inutili e senza scopo nella vita. Il design degli interni mi affascina, ma mi turba. Bella serie, la seguirò per sempre. (9/10)

Alla prossima settimana,
Boss.


Rubriche

Comandamenti
Mai più senza:
- Armadio
Opere d'Arte:
- Scultura alle Selz Soda

TV

Classificone Televisivo 2012/2013
Classificone Televisivo 2013/2014
Classificone Televisivo 2014/2015
Classificone Televisivo 2015/2016

Al momento seguo:
Better Call Saul, Stagione 3
Fargo, Stagione 3
Girls, Stagione 6
Ink Master: Redemption, Stagione 3
Last Week Tonight With John Oliver, Stagione 4
Seinfeld, Stagione 5
Son Of Zorn, Stagione 1
Survivor, Stagione 34 (Game Changers)
The Handsmaid Tale, Stagione 1
The Last Man On Earth, Stagione 3
The Middle, Stagione 8
Z Nation, Stagione 3

Sul Kindle


Douglas Adams - Mostly Harmless


David Simon - Homicide: A Year On The Killing Streets

Musica

Ora sono in fissa con:

Frank Ocean - Blonde (2016)

Best of 2009
Best of 2010
Best of 2011

Visite