Archive for the 'Seinfeld' Category

Settimana 365: 05/06 – 11/05

Serie TV
American Gods. Stagione 1. Episodio 6.
6. Iniziamo a calare perché beh, si capisce poco o un cazzo, i dialoghi sono farciti di cose dette e non dette e c’è tremendamente poca certezza. Tanta CGI, immagini saturatissime, inizia a non fare per me. Capisco poco? Può essere, per chi mi avete preso. (6/10)
Better Call Saul. Stagione 1. Episodio 8.
8. Episodio di transizione? A noi piace anche così, dove accadono mille piccole cosine, dove si fanno dei passetti avanti, dove vien l’ansia e dove ci si gasa per accordi sottobanco. (8/10)
Better Things. Stagione 1. Episodio 1, 2.
1. Mi è piaciuto e amo Pamela. Mi manca Louie. Storia carina e semplice, ma c’è tanto da gestire. (8/10)
2. Un filino meglio del precedente, ma si salva nel finale. C’è da dire che il punto sulle figlie e sulla madre mi ha convinto. Ha del potenziale. (8/10)
Fear The Walking Dead. Stagione 3. Episodio 1, 2.
1. Ma siamo seri? Un caos tremendo, la solita fuga da una situazione di vantaggio, nuovi personaggi ridicoli e ancora una separazione. Ma hanno degli altri argomenti? (5/10)
2. TRAVIS AHAHAAH! La morte più inutile di un protagonista, forse l’unico decente. Tutto il resto è noia, estrema noia e prevedibilità. (5/10)
Fargo. Stagione 3. Episodio 8.
8. Prima parte (fino al bowling) pazzesca, seconda parte leggermente confusa e atta, col salto temporale, a incuriosire e ripartire. Ci riesce in maniera blanda, poteva essere costruita leggermente meglio in fase di preparazione. (8/10)
I’m Dying Up Here. Stagione 1. Episodio 1.
1. Beh, io ho iniziato per Sarah Hay e Melissa Leo, nonché mi gasa il tema. Pilot solido di presentazione, Sarah Hay non si vede e non resta altro che vedere come regge il plot. (7/10)
Orange Is The New Black. Stagione 5. Episodio 1, 2, 3, 4, 5.
1. Si torna in carcere giusto nel mezzo dello scorso finale. Episodio spezzatino, con mille scene diverse e mille situazioni incastrate tra loro. Bene l’aspetto comico, il drama stenta a decollare. (7/10)
2. Il riot è un po’ sfuggito di mano, nel senso che non ha una strada ben definita. Ci si diverte, sia chiaro, ma se non fosse stato per Frida non so se mi sarei divertito così. Le latine al comando non mi gasano, ma la coppia Maria e Flaca mi uccidono. (7/10)
3. Questo forse è il migliore, dopo gli assestamenti dei primi due. La storia assume un senso, anche se la back-story non ha molto interesse ed è fintissima. (7/10)
4. Bene che la pistola sia finita in mano idota, ma il contest cerca di essere comico e fallisce leggermente. La finta carcerata mi piace un sacco, Poussey spero venga dimenticata prestino. (7/10)
5. Finalmente un episodio veramente degno grazie al discorso finale di Tasha. Molto bene e leggerissimo mescolino. (8/10)
Seinfeld. Stagione 7. Episodio 7, 8.
7. Povero George, ma anche Elaine che esce col tizio smemorato e depresso. Kramer vigile del fuoco subito. (7/10)
8. Independent George! Spero non sia già finita l’amicizia con Susan perché sarebbe stato bello vederlo strippare. (7/10)
Silicon Valley. Stagione 4. Episodio 7.
7. Forse per la prima volta, non c’è nulla che mi abbia particolarmente convinto o colpito. Solito tran tran, con un piccolo decadimento anche nella vena comica. (5/10)
The Handmaid’s Tale. Stagione 1. Episodio 9.
9. Alla fine questo è un inno alla gloria per Elizabeth Moss, mostruosa e capace di tenere in piedi tutto. La storia sta iniziando a perdere colpi e ci se ne accorge quando la storia inizia a perdere qualche colpo. Il succo inizia a perdersi, resta la ribellione. (8/10)
The Leftovers. Stagione 3. Episodio 8.
8. Cosa volete dire ad un finale così? Quanto si piange? Il tocco di classe nel finale, e cioè non svelare nulla dell’aldilà, è perfettamente in tema con tutto. Funziona tutto, dalla scrittura, alle strategie, al recitato. Pazzesco. (10/10)

Talk Show
Last Week Tonight With John Oliver. Stagione 4. Episodio 14.
14. Noiosino anche se l’argomento è interessante. Mi sa che ci ciucceremo Trump per un bel po’. (6/10)

Alla prossima settimana,
Boss.

Settimana 364: 29/05 – 04/05

Serie TV
American Gods. Stagione 1. Episodio 5.
5. Questi, in modo iperintelligente, ci hanno offerto un mega spiegone e l’introduzione di personaggi chiave in maniera quasi segreta. Complimenti. Gillian eroica, Laura nuda bel vedere. (8/10)
Fargo. Stagione 3. Episodio 7.
7. Lo ammetto: non ho capito i colpi di scena, per questo sono unammerda. Episodio solido come sempre, soprattutto e finalmente dal punto di vista investigativo. Ora mi leggo la recenza e intanto cago il voto. (7/10)
Master Of None. Stagione 2. Episodio 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10.
3. Son strane le serie tv, colpiscono sempre in momenti strani. Episodio sulla religione, in questo periodo… Chissà se mai rileggerò questo commento, comunque gestito bene. (7/10)
4. Episodio sulle app, ancora una volta coglie nel segno personale. Ho riso molto e tutto è moltissimo fine. Se davvero il risultato è quello, vorrei mettermici anche io. (9/10)
5. Ragazzi, vogliamo parlare del lunghissimo finale amarissimo? Complimenti alla Mastronardi, davvero capace, carina. Complimenti anche a Caccavale, Aziz E TUTTI. Che bello. (9/10)
6. Vicino alla perfezione, il segmento muto mi ha ucciso con l’implorazione di farsi leccare la patata. Si sorride e si ama New York. (9/10)
7. Speriamo facciano quello show perché mi piscio dal ridere!! Padre del cinese a casissimo domina la scena. Viva Coco. FINALE L’AMAREZZ. (8/10)
8. La storia di Denise e la sua gestione MI HANNO FATTO ANNEGARE NELLE LACRIME. Episodio perfetto, di quelli che piacciono a me. (10/10)
9. UCCIDETEMI VI PREGO. Mi riconosco in Pino e ammazzatemi. Il resto è tutto così bello e ben fatto e ben scritto che mi uccido. (9/10)
10. Momenti potenti, tutto in regola, ma l’amarezza domina sovrana. L’incontro casuale con Rachel è tipo un incubo che diventa realtà, casualmente, come il resto degli episodi. Mi ammazzo. (8/10)
Seinfeld. Stagione 6. Episodio 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13, 14, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22, 23, 24. Stagione 7. Episodio 1, 2
2. Niente oh, George non ce la può proprio fare. Viva Jerry che non riesce ad andare con la ex di Newman, bene Elaine. Esagerato Kramer, ancora una volta. (7/10)
3. Povera nonnina, ma vince LAGGENTE che mangia i paciughi con la forchetta! Livello medio, tra poco si scende. (7/10)
4. Carino, un pochino di continuity che non guasta. (7/10)
5. Prevedibile e con la comparsa non proprio in sintonia col tutto. (7/10)
6. Well, senza arte né parte, anzi a parte George che regala perle di imbarazzo senza precedenti. Elanie sciocca, la vogliamo così. (7/10)
7. Niente di eccelso da conclamare. Standard Seinfeld. (6/10)
8. Maronn’ la fola del vestito ridondante che più non si può. Dateci George che fallisce con le donne per sempre! (6/10)
9. No George, non sputtanare il tuo lavoro! Carina la continuity col comico rompicoglioni. (7/10)
10. Ecco l’episodio bomba: il vero nome di Kramer e il geniale piano di George, con tanto di battute finali incredibili. Queste me le ricorderò per bene. (9/10)
11. Continuity, finale geniale e un po’ di Newman che ha del potenziale. Ci siamo ripresi. (8/10)
12. Altro episodio bomba, la stagione ha ingranato. Funziona tutto bene, solo Kramer questa volta è un po’ fuori luogo e fuori dal racconto. Finale top. (9/10)
13. Bene, l’ho guardato un paio d’ore fa e mi ricordo solo di Kramer con la benda. Anzi: C’è GEORGE COL PARRUCCHINO. (7/10)
14-15. Recap di scene divertenti per il centesimo episodio: NO. (4/10)
16. Nuooo, il parrucchino è già andato via :((( Si ridacchia come al solito. (7/10)
17. Plot carino che funziona, bene George come sempre. (7/10)
18. Non mi ha entusiasmato, soprattutto il Bro (nome però geniale). (6/10)
19. Val la pena solo per George alle prese col suo capo. Cosmo disabile non fa tanto ridere, soprattutto causa prevedibilità. (6/10)
20. Dai però George, cazzommerda non puoi rovinare sempre tutto così! Elaine torna al top, ma il finale è prevedibile. Usare lo spazzolino di un’altra fa cagare. Nota ai posteri. (7/10)
21. Direi non proprio l’episodio top dell’anno, anche se l’assurdità di tutti gli eventi alla fine coincide bene. (6/10)
22. Tanti eventi tutti incastrati bene, ma l’ansia è per vedere la super modella che è una super figona. Spiace tantissimo per Elaine, sembrano episodi alla Simpson, George con i nigga top. (7/10)
23. Va bene dai, come al solito povero George. Null’altro di rilevante, se non gli apprezzabili riferimenti alla continuity. (6/10)
24. Buon finale di stagione, niente di eccelso in ogni caso. (7/10)
1. Nuova stagione, nuovo George? Per un attimo ci ho creduto, ma poi la fola del cane mi ha ucciso. Viva anche Newman. (8/10)
2. Ok, sembra che la continuity abbia preso piede, anche se la vedo grigia per George e il suo plot che potrebbe regalare ancora emozioni. Gli altri senza meta precisa. (7/10)
3. Bene, tutto ha un filo. Il maestro, con relativo finale, non una delle migliori crush di Elaine. (7/10)
4. Episodio dagli incastri ottimali, anche se ovviamente spingono per la prevedibilità. Capo di George TVB. (7/10)
5. Tantissimo capo di George! Episodio dallo sviluppo prevedibile, ma divertente e gradevole. Grazie illuminazione di Elaine. (7/10)
6. Episodio folle e con poco senso, ma il SOup Nazi è di una genialità senza precedenti. George col suo fail mi fa morire. (8/10)
Silicon Valley. Stagione 4. Episodio 6.
6. Si ride abbastanza con Dinesh e Gilfoyle, prevedibile la trombata, peccato per Russ. Il finale con Bachman è la solita svoltina, già vista miriadi di volte. (7/10)
The Handmaid’s Tale. Stagione 1. Episodio 8.
8. Vedi che poi i cristianotti hanno sempre qualcosa da nascondere? Paurosa Elizabeth Moss come sempre, storia che o ha un boost, o resta inquietante e bella e basta. Tutto fatto molto, molto bene. (7/10)
The Leftovers. Stagione 3. Episodio 7.
7. Cosa volete dire a The Leftovers? Il plot si districa in maniera clamorosa come International Assassin e riesce nella ardua impresa di non esserne la copia posticcia. Sappiamo dei miei problemi con l’oniricità di certe scene, pertanto non rasenta l’assoluto. Ma che roba. (8/10)

Alla prossima settimana,
Boss.

Settimana 361: 08/05 – 14/05

Serie TV
American Gods. Stagione 1. Episodio 1, 2.
1. Cosa ho appena visto? Una bomba di colori, situazione e personaggi mai presentati in maniera così apparentemente superficiale. Gli dei moderni mi han gasato, così come il sangue e la modernità della trama. Sono dentro. (8/10)
2. Episodio di assestamento che sembra stabilire una strada e uno scopo, non si sa ancora per cosa. Gillian Anderson figona, tette, poche botte ma a noi piace anche così. (8/10)
Better Call Saul. Stagione 1. Episodio 5.
5. OHHH, episodio BOMBA CLAMOROSA E POI C’È HUELL. Si spinge sull’acceleratore e con grandissima classe si arriva al climax finale, che sfocia in una perfetta caratterizzazione dei personaggi e delle loro azioni. Che bella la TV. (9/10)
Fargo. Stagione 3. Episodio 4.
4. Mood del passato, con musichette e una leggerezza apparente che fa muovere tutto avanti molto bene. Ci piace anche questo Fargo qui. (8/10)
Master Of None. Stagione 2. Episodio 1, 2.
1. MODENA. (Episodio moscio ma Modena) (9/10)
2. MODENA. Un po’ di Toscana. GHIRLANDINA. Episodio molto più carico del precedente, soprattutto per il tema di Dev che soffre e lo capisco. (8/10)
Seinfeld. Stagione 6. Episodio 1.
1. Carine le trovate comiche in questo debutto di stagione, Kramer con Miss America mi ha ucciso. (7/10)
Silicon Valley. Stagione 4. Episodio 3.
3. Ennesimo cambio di rotta: il più grosso però potrebbe aprire nuovi scenari interessanti. La parabola di Big Head è molto più interessante delle diatribe tra Gilfoyle e Dinesh. (7/10)
The Handmaid’s Tale. Stagione 1. Episodio 5.
5. Un po’ di azione che non guasta mai. Episodio ancora una volta di una solidità imbarazzante, anche se il finale esula ed esce un po’ dagli schemi. Il tema del tradimento del tizio trattato un po’ a cazzo, Alexis Bledel paurosa in abilità. (8/10)
The Last Man On Earth. Stagione 3. Episodio 17, 18.
17. Ok, finalmente un bambino è uscito ma il vero momento importante è lo scivolo con l’olio e la centrale nucleare giustamente a fuoco. (6/10)
18. Finale finalmente potente e decente, dove il mondo, le storyline e tutto il resto si incastrano alla perfezione. Peccato solo per il carattere di Tandy, che rovina sempre tutto. Addio The Last Man On Earth, forse. (8/10)
The Leftovers. Stagione 3. Episodio 4.
4. Il confronto finale è qualcosa di pazzesco e il resto funziona alla grande. GRANDISSIMA. La crisi di Nora supera i drammi di Kevin, solo per la prevedibilità della reazione. (9/10)
The Middle. Stagione 8. Episodio 22.
22. Pezzo musicale molto ok, storia della fortuna molto ok, Axl prevedibile ma va bene così, sempre piacevoli. Pronto a piangere per il finale. (8/10)

Talk Show
Last Week Tonight With John Oliver. Stagione 4. Episodio 11.
11. Tema molto complicato, ma la Nuova Zelanda rasserena tutti. Mi aspettavo una celebrazione diversa per i 100 episodi.(7/10)

Reality
Survivor: Game Changers. Stagione 34. Episodio 10.
10. Sempre commoventina la prova con i parenti, le altre passano inosservate. Ma farne una come i vecchi tempi che dura 12 ore? Eliminazione con brivido ma anche no. (6/10)

Alla prossima settimana,
Boss

Settimana 360: 01/05 – 07/05

Serie TV
3%. Stagione 1. Episodio 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8.
1. Sapevo essere una cosa futurista di quei mondi strambi che piacciono a me, ma chi si aspettava fosse una serie brasiliana con lingua madre in portoghese? I’m in! Bel pilot, ben pensato e ben ragionato, con un plot imbastito in maniera quasi perfetta. (8/10)
2. Il secondo è sempre complicato, ma porta a casa il compito anche se certe situazioni si vedono essere un po’ troppo ragionate in sala scrittura. Continua ad incuriosire bene. (8/10)
3. Meh, sappiamo bene che le cose oniriche non mi ispirano, per questo il tunnel mi ha fatto cacare. Bene la backstory di Joanna ma per il resto non succede nulla se non i soliti misterini piazzati qua e là. (6/10)
4. Va beh, muore della gente. Episodio che vuol racchiudere l’animo umano in una bottiglia, ma riesce solo nelle intenzioni, non nella pratica: troppo esagerato e la freschezza inizia a puzzare di vecchio. Troppi crolli mentali. (6/10)
5. E chi si aspettava un episodio del genere? Non c’è molta empatia col personaggio, ma la sua storia ora è completa e messa giù bene, nonché funziona il dramma. Bravi. (8/10)
6. Finisce così il processo? Na mezza pagliacciata. In realtà funzionano le scelte prese per i singoli personaggi, ma Rafael non avrebbe dovuto avere le foto di suo fratello? E Joanna quella della tizia a caso? Piccolo plot hole. Malino i vari dialoghi, banalotti. (6/10)
7. Forse ero distratto, ma non me l’aspettavo per nulla il finale. Ottimamente gestito, anche se l’episodio è un pippone fondamentalmente di nulla. Gestiti bene anche i momenti di tensione. (8/10)
8. Chiusura molto interessante, con svolte improvvise e non ravvisabili. Il problema è non riuscire a tifare né per il processo, né per la causa: occorre arricchire l’aspetto empatico del tutto. (7/10)
Better Call Saul. Stagione 1. Episodio 4.
4. Oh, questo mi è piaciuto un bel po’. Sarà che Chuck è nammerda e il finale mi ha gasato, sarà che Gus mette le mani avanti con Mike, sarà Salamanca, sarà che così è ok. (8/10)
Fargo. Stagione 3. Episodio 3.
3. Carrie Coon. Bello il viaggio a LA che aiuta a creare un bel quadro del tutto. Al fine del racconto potrebbe non servire, ma la qualità è così alta che va bene parlino di qualsiasi cosa. (8/10)
Master Of None. Stagione 1. Episodio 6, 7, 8, 9, 10.
6. Maledetto Aziz… Dovevi per forza far vedere un appuntamento con Rachel che dura tutto un episodio, puccioso col finale pucciosissimo anche dopo averci fatto temere il peggio? Maledetto. (9/10)
7. Bella prospettiva sul rapporto uomo/donna, l’arresto in metro e soprattutto il finale puccioso. Ma esistono davvero donne in grado di esprimere concetti così chiari? Mah. (8/10)
8. Beh, è riuscito a far carino e puccioso anche un episodio con una vecchia, che di solito è molestissima. Sta superando tutti gli scogli con una maestria che non mi aspettavo, anche se il suo modo di fare URTA nel retrogusto. (8/10)
9. Non fa bene guardare episodi del genere, soprattutto durante i ponti mannaggia. Ottimo tutto, dolore. (9/10)
10. Che amarezza… proprio in questi giorni di cacca dovevo guardare una serie dove la gente decide di dare un taglio alla propria vita e ripartire? Mannaggia ad Aziz, sul serio. (8/10)
Seinfeld. Stagione 5. Episodio 19, 20, 21, 22.
19-20. Doppio episodio dalle buone battute ed un incastro di plot che funziona molto bene. Siamo lontani dalle verticalità degli inizi. (8/10)
21. Ci voleva un episodione da far ridere a gargarozzo, grazie a George e al suo fare l’opposto di quello che pensa. Potrebbe diventare una lezione di vita, tipo “sono diventato così grazie a George Costanza”. (10/10)
22. Carino, anche se questo effettivamente non era in fila. Tutte le trame coincidono e il cast nell’insieme si comporta bene. Bel finale di stagione. (7/10)
Silicon Valley. Stagione 4. Episodio 2.
2. Ennesima giravolta su sé stessi e, anche se il finale convince, ora ci dobbiamo aspettare un nuovo internet? Tutto ha un filo logico, chissà cosa accadrà. (7/10)
The Handmaid’s Tale. Stagione 1. Episodio 2, 3, 4.
2. Gran opera, ma finalino prevedibilino. Il mood resta invariato e tutto estremamente inquietante, nonché ben girato e recitato. Un plauso ad Elizabeth Moss, sopraffina. (8/10)
3. Madò gli occhi di Alexis Bledel che parlano per più di mezzo episodio. Intenso come i precedenti, la nascita del nuovo stato è sicuramente la parte più intrigante, il resto sembra essere una grandissima introduzione di qualità. (8/10)
4. Mannaggia quanta qualità c’è in questo prodotto, quanta qualità c’è in Elizabeth Moss. Ma noi bravi lo sapevamo già. Solido e concreto, CONCRETISSIMO. (8/10)
The Last Man On Earth. Stagione 3. Episodio 16.
16. Salto temporale che ci poteva stare, la fola della nascita non è così fastidiosa come non lo è Gennaio Gionata che vuole chiavare. Dio che gnocca. (6/10)
The Leftovers. Stagione 3. Episodio 3.
3. Iniziano ad unirsi i puntini in un episodio così folle e pregno di significati e pazzia che non so cosa pensare se non “chefficata pazzesca”. (8/10)
The Middle. Stagione 8. Episodio 21.
21. Niente di eclatante, ma The Middle viaggia bene anche quando è sobrio e passa inosservato, alla fine è la sua indole. (7/10)

Reality
Survivor: Game Changers. Stagione 34. Episodio 9.
9. Episodio moscio ma pazzesco nel voto finale. Chi ha manovrato i 4 uno contro l’altro e reso necessario 4 voti per far fuori Zeke è stato un genio. Prove meh, Andrea amore mio. (8/10)

Alla prossima settimana,
Boss


Rubriche

Comandamenti
Mai più senza:
- Armadio
Opere d'Arte:
- Scultura alle Selz Soda

TV

Classificone Televisivo 2012/2013
Classificone Televisivo 2013/2014
Classificone Televisivo 2014/2015
Classificone Televisivo 2015/2016

Al momento seguo:
Better Call Saul, Stagione 3
Fargo, Stagione 3
Girls, Stagione 6
Ink Master: Redemption, Stagione 3
Last Week Tonight With John Oliver, Stagione 4
Seinfeld, Stagione 5
Son Of Zorn, Stagione 1
Survivor, Stagione 34 (Game Changers)
The Handsmaid Tale, Stagione 1
The Last Man On Earth, Stagione 3
The Middle, Stagione 8
Z Nation, Stagione 3

Sul Kindle


Douglas Adams - Mostly Harmless


David Simon - Homicide: A Year On The Killing Streets

Musica

Ora sono in fissa con:

Frank Ocean - Blonde (2016)

Best of 2009
Best of 2010
Best of 2011

Visite