Archive for the 'Armadio' Category

Mai più senza: Armadio 5

Scusate un attimo: è dal 18 giugno 2010 che non aggiorno la rubrica migliore del web, ovvero questa.
La voglia mi è tornata dato che in estate vado sempre in crisi. Non compro mai da vestire perché non ne ho voglia, per questo ogni nuovo inizio della bella stagione mi trovo degli orrori nel cassetto, frutto di vecchi acquisti che fa sempre bene ricordare.

Oggi parliamo della mia maglietta DA DURO, comprata nel periodo in cui mi sentivo troppo un duro alternativo, un vero e proprio METALLARO DOC (infatti ascoltavo solo Metallica e Iron Maiden. Va beh, ero più un metallominkia).

Maglia da duro

Maglia da duro

Cosa c’è di meglio per un quindicenne dell’avere una maglietta dei Metallica con una donna succinta sporca di sangue, reggente un mitra e una spada sopra un mucchio di cadaveri? Beh di meglio c’è il retro:

Maglietta da DURISSIMO

Maglietta da DURISSIMO

I quattro membri della band che trasudano testosterone in anni-novanteschi abiti americani. Guardate che belle espressioni incazzose, immagino il disagio che potevano generare in chi mi ha camminato dietro l’unica volta che l’ho indossata.
Tra l’altro a questa maglietta è legato un aneddoto entrato nella storia. Immaginate un bimbetto che va al mercato e vede questa maglietta e la compra di propria iniziativa per 10000 Lire. Arriva a casa e fiero di sé la mostra al genitore. Il genitore la tocca e chiede: “dove l’hai comprata“? Il figliuolo risponde: “in una bancarella di cinesi“. “Ah beh, occhio che al sole prende fuoco.

Sfido voi ad indossarla più di una volta considerando il contenuto, la forma a tovaglia e il rischio di bruciare vivi.

Al prossimo acquisto scandaloso,
Boss.

Mai più senza: Armadio 4

Torna la rubrica più amata del web, riguardante gli orrori del mio guardaroba.
Oggi parliamo di un acquisto fatto quattro o cinque anni fa: la giacca elegante. Comprata credendo di fare l’affare del secolo che mi rendesse figo, è stata per mesi il mio cruccio. Ogni sera passavo mezz’ora a decidere se metterla o meno. Voi direte: “l’hai comprata per fare il figo, perché non metterla”?

Ecco il perché:

Giacca da figo

Capito? Al di là del colore da bar dei vecchi, la mia giacca da figo ha dei fantastici bottoni penzolanti anni trenta e un fantastico interno AZZURRO a costine VIOLA. L’interno doveva essere quello che rendeva la giacca propriamente “da figo”: alternativo, fresco e sbarazzino (ora come ora è imbarazzante, agghiacciante e vergognoso). C’è di buono che la pagai poco: 10 o 15 euro.
C’è di buono che l’ho usata solo una volta.

Al prossimo acquisto scandaloso,
Boss.

Mai più senza: Armadio 3

Questa ha quasi dell’incredibile.
Partendo dal fatto che avevo completamente scordato la sua esistenza, tale maglia è la prova inconfutabile che io non so comprarmi la roba DA SEMPRE.

Tenedo conto del fatto che l’ho acquistata almeno dieci anni fa, mi chiedo perché la acquistai taglia L. Non essendo fisicato, mi sta larghissima, una roba oscena. Che poi magari uno potrebbe dire: “si va beh, è bella! Anche se è un po’ larghina non ci fa caso nessuno” . IL CAZZO.
Ma poi anche: che colori di merda sono? Vomito secco e sangue venoso… Forse peggio anche di verde marcio e giallo fluorescente mischiati insieme…

Il materiale della parte vomito secco è tipo la pelle di daino con cui si asciugano le macchine, la parte sangue venoso è tipo fatta con il materiale dello swiffer antipolvere…

Sono tristissimo.

COME HO POTUTO COMPRARLA?
E dire che ho pure un vago ricordo di un discreto utilizzo… Spero non per andare in luoghi pubblici.

Maglia vomito secco di daino dissanguato,

Maglia vomito secco di daino dissanguato.

Al prossimo acquisto scandaloso,
Boss.

Mai più senza: Armadio 2

Continua la rassegna degli orrori del mio armadio.
Oggi parliamo di una maglia che ha dell’incredibile. Fatta si stoffa pesante (tipo flanella), presenta delle caratteristiche che definirei assurde. Manicotti azzurro/blu che fanno a pugni col nero, colletto larghissimo a mo’ di tovagliolo color bordeaux fatto, penso, per fare uscire il pelo (che non ho). Patacca con un trifoglio verde che non si capisce cosa c’entri. Tutto questo accozzare di colori in formato XL.
Perché io l’abbia presa XL non lo so, so solo che ha lo stesso difetto di quella precedente: pur essendo enorme, mi copre si e no l’ombelico. Forse è una maglia per nani…

Il meglio lo raggiunge con la scritta sulla schiena: “CORTINA”. Lasciamo perdere il fatto che io non sia mai stato a Cortina, ma PERCHÉ IN ROSSO? Cavolo, davanti ci sono mille colori, usare uno di quelli NO? Da notare il dettaglio della “A”: non ha il buco perché non è stato tagliato.
Almeno l’ho comprata da un amico di mio padre a circa 10/15 €… Non ho buttato via tanti soldi ad usarla ZERO VOLTE.

Maglia di flanella multicolor. Fronte.

Maglia di flanella multicolor. Fronte.

Maglia di flanella multicolor. Retro.

Maglia di flanella multicolor. Retro.

Al prossimo acquisto scandaloso,
Boss.


Rubriche

Comandamenti
Mai più senza:
- Armadio
Opere d'Arte:
- Scultura alle Selz Soda

TV

Classificone Televisivo 2012/2013
Classificone Televisivo 2013/2014
Classificone Televisivo 2014/2015
Classificone Televisivo 2015/2016

Al momento seguo:
Better Call Saul, Stagione 3
Fargo, Stagione 3
Girls, Stagione 6
Ink Master: Redemption, Stagione 3
Last Week Tonight With John Oliver, Stagione 4
Seinfeld, Stagione 5
Son Of Zorn, Stagione 1
Survivor, Stagione 34 (Game Changers)
The Handsmaid Tale, Stagione 1
The Last Man On Earth, Stagione 3
The Middle, Stagione 8
Z Nation, Stagione 3

Sul Kindle


Douglas Adams - Mostly Harmless


David Simon - Homicide: A Year On The Killing Streets

Musica

Ora sono in fissa con:

Frank Ocean - Blonde (2016)

Best of 2009
Best of 2010
Best of 2011

Visite