Archive for the 'Orange Is The New Black' Category

Settimana 435: 08/10 – 14/10

Serie TV
It’s Always Sunny In Philadelphia. Stagione 13. Episodio 6.
6. Cosa volete che vi dica, io mi sono scompisciato. L’uomo bianco che caga come transgender. CHE BELLO. (8/10)
Orange Is The New Black. Stagione 6. Episodio 2, 3, 4, 5, 6.
2. Si torna al vecchio mood farcito di flashback, ma non c’è mordente senza coesione generica. Le testimonianze poi… chi si ricorda cosa sia successo? (6/10)
3. Migliore fin’ora ma l’impostanzione non mi piace… troppo a salti E BASTA PIPER. (7/10)
4. Prima volta che si toccano i tasti dell’umanità. Ancora troppo confuso il resto ma finale ok e nel complesso episodio su Nicky ok. (8/10)
5. Niente di particolare dai, le solite duecento storyline che avanzano lentamente. La nuova location fa schifo. (7/10)
6. Molti momenti buoni con Red e il finale, molti aspetti comici, ma manca di mordente tutto il nuovo impianto. Stenta molto a fare effetto. (7/10)
The Last Ship. Stagione 5. Episodio 5.
5. Mhhheeehh. Parallelismo tra litigio e guerra imbarazzante, ma han trovato una figona al soldato… buttala via. Guerra ridicola. (6/10)
The Walking Dead. Stagione 9. Episodio 1.
1. Inizia il nono anno e come al solito siamo GASATIIII. Il gas finisce subito come sempre, quando ci troviamo di fronte ai soliti atteggiamenti. Qualche novità, un nuovo contesto e qualcosa che sembra scaturire da dentro. Vedremo. (7/10)

Talk Show
Last Week Tonight With John Oliver. Stagione 5. Episodio 25.
25. Questa sì che è informazione, un pazzo pure in Brasile. (8/10)

Reality
Survivor: David vs. Goliath. Stagione 37. Episodio 3.
3. Obiettivamente l’unica cosa degna di nota è Natalie che tratta tutti a pesci in faccia e poi si salva. Il resto nulla da segnalare, noia. (6/10)
Ink Master. Stagione 11. Episodio 7.
7. Interessante e gasa la flash challenge. Le altre prove hanno lo spazio imbarazzante. Giusta eliminazione. (7/10)
The Amazing Race. Stagione 9. Episodio 1, 2, 3, 4.
1. Meh, partenza lofi senza nulla di particolare a risalto. Solo la coppia di nerd e i tizi in Brasile che urlano al culo della tizia sono ok. (6/10)
2. I due vecchi se la cavano, quindi ok. Figo l’etanolo. (7/10)
3. Carina la Russia e il fatto che sia una doppia tappa. Nulla più. Nerd spariti. (7/10)
4. Classico episodio con le prove carine ma niente di particolare. Eliminazione giusta ziocca rimbambite. (6/10)

Documentari
The Staircase. Stagione 1. Episodio 7, 8. Stagione 2. Episodio 1, 2. Stagione 3. Episodio 1, 2, 3.
7. SIAMO SERI? Tecnico del sangue TOP, scene comiche che ci stanno e un finale CAZZOMMERDA COLPO DI SCENA. AHHHHH. (10/10)
8. Ora capisco perché tutti hanno urlato. Non me lo sarei mai aspettato, anche se pendo per la colpevolezza. Lo stato è stato imbarazzante e la giuria ancora più caprona. La giustizia fa paura, non importa dove. (10/10)
1. Diciamo che rivedere tutti otto anni dopo, con le rivelazioni arrivate a galla fa impressione. Incredibile come il processo andato in onda assuma un altro aspetto dopo le dimostrazioni recenti. Vita in galera non proprio il massimo. (9/10)
2. Indovinate chi ha frignato come un’aquila? Io. A prescindere da tutto, ci sono i feels, sopratutto della figlia più giovane. Pazzesco. (10/10)
1. Ahia. Ho brutti feelings riguardo tutto ciò, ma il comparto lacrime con la figlia è sempre al massimo livello. L’addio dell’avvocato è un colpo al cuore. Il sentimento di colpa inizia a vacillare. (9/10)
2. Mehh, episodio ovviamente moscio perché non succede nulla. Ma si fatica a prendere una posizione. (8/10)
3. Finale amaro? Molto particolare, lascia i dubbi e l’assenza delle figlie si sente. Come tutti i prodotti di questo tipo, lascia qualcosa. (8/10)

Alla prossima settimana,
Carlo.

Annunci

Settimana 434: 01/10 – 07/10

Serie TV
Brooklyn Nine-Nine. Stagione 5. Episodio 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22.
15. Ok, divertente e originale e Holt si sta ergendo a miglior personaggio. (7/10)
16. Questo mi è piaciuto e mi sono divertito boom boom. Speriamo che il culto sia interessante. (8/10)
17. Si torna al formato di episodio dove le side-story sono meglio del main-plot. (7/10)
18. Pimento sempre fuori dalle righe poteva essere molto peggio. (7/10)
19. Episodio che poteva essere molto più pucci e romantico e invece è diventato un’accozzaglia di cose a caso. Salvo Holt sbronzo e Gina. (6/10)
20. Inaspettato e carino. Il cesso è una banalità, ma riesce bene nel finale. (8/10)
21. Dal pre-season finale ci si poteva aspettare qualcosa di più e non un Holt che se la va a giocare. Però sempre intrattenuto sono. (7/10)
22. Prevedibile che sarebbe andato tutto a rotoli, ma tutto funziona e il momento pucci è ok. Bravi. La resurrezione da respiro. (8/10)
Fear The Walking Dead. Stagione 4. Episodio 16.
16. Finale Morgan centrico e quindi un po’ alla cazzo di cane e noioso, ma funziona nel complesso di una stagione che rilancia Fear The Walking Dead. Senza se e senza MA. (7/10)
It’s Always Sunny In Philadelphia. Stagione 13. Episodio 5.
5. L’urlo di Dennis e la scazzottata violentissima con i bambini regola il registro e fa ridere bene. Viva DEE. (7/10)
Orange Is The New Black. Stagione 6. Episodio 1.
1. Io voglio bene a tutte, ma questa intro non mi è piaciuta per niente. Possibile avere un po’ di continuità temporale? Grazie. Suzanne con i trip big no-no, così come Chapman con la fissa per Alex alla “where is Carl?” (5/10)
The Last Ship. Stagione 5. Episodio 4.
4. Allora, la tizia nuova puzzava di marcio fin dall’inizio ma la battaglia finale fa ridere. Il resto è tutto così scontato e prevedibile che fa il giro e diventa originalissimo. (8/10)

Talk Show
Last Week Tonight With John Oliver. Stagione 5. Episodio 24.
24. Era da un bel po’ che non elargiva un episodio così attuale. Ben fatto. (8/10)

Reality
Survivor: David vs. Goliath. Stagione 37. Episodio 2.
2. La prova era figa, il finale inaspettato e fa pensare bene. Ma siamo all’inizio quindi un po’ di noia c’è. (7/10)
Ink Master. Stagione 11. Episodio 6.
6. BOOOORING. Quattro tatuaggi in tutto e niente flash challenge. (5/10)

Documentari
The Staircase. Stagione 1. Episodio 1, 2, 3, 4, 5, 6.
1. Ci sono già dentro. La difesa avrebbe anche potuto convincermi. Ne sentirò delle belle ho paura. (8/10)
2. Ecco che si inizia ad aggiungere ciccia alla questione. La doppia vita viene introdotta in maniera roboante, ma sono gli 800.000 mila dollari per la difesa che fanno urlare. In più c’è il cinese forense. (8/10)
3. No va beh… Siamo seri? L’altra tizia morta allo stesso modo? Storia ad ora FOLLE e tutto perfettamente messo su pellicola. (8/10)
4. È tutto molto incredibile, davvero interessanti i maniacalismi dietro ogni singola piccola mossa di attacco e difesa. Dal punto di vista del processo è una bomba. Poi ci sono gli opening statements. (9/10)
5. Dai, l’accusa sembra un ammasso di dilettanti allo sbaraglio. Possibile che nessuno abbia pensato a testate nel muro? Gli esperti fan scappare da ridere ziobo. (9/10)
6. Effettivamente l’accusa guadagna qualche punto, ma gli atteggiamenti delle testimoni, della dottoressa, di Mike e delle figlie turbano più di tutto. (8/10)

Alla prossima settimana,
Carlo.

Settimana 366: 12/06 – 18/06

Serie TV
American Gods. Stagione 1. Episodio 7, 8.
7. Tanta rossa che non è mai male (poi quando tromba è molto bene), ma tutto il dualismo con il lepricano non l’ho molto colto. Bene devo dire il mistero sulla morte, sembra fosse un disegno. (6/10)
8. Chiarissimo finale, ok vecchi contro nuovi, la rivelazione di ODINO, Shadow BOH e fondamentalmente non succede un cacchio. Dai, è un buon prodotto, ma renderlo più seriale e meno divino/onirico/mistico sarebbe stato meglio. Per me che ne capisco poco. (7/10)
Better Call Saul. Stagione 3. Episodio 9.
9. Episodio pazzesco. Vuoi l’amarezza nel vedere la circonvezione di vecchia, vuoi l’aspettarsi il ciocco di Kim, ma vuoi la costruzione della stagione anche con Nacho & co. La vita è strana. (9/10)
Better Things. Stagione 1. Episodio 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10.
3. Forse il migliore fin’ora, al racconto delle mutande nere ho riso tanto. Funziona bene, anche se le figlie ripeto, tre sono troppe da gestire. (8/10)
4. I discorsi su MLK e Ghandi mi hanno ucciso. Si spinge sulla vena comica e si riesce bene, dando un filo anche alla trama verticale del finto pilot. Daje. (8/10)
5. E via che se piagneeee! Finalmente i figli servono a qualcosa, finale ottimo per immersione e siamo solo al quinto episodio. Frigno. (9/10)
6. L’episodio più tranquillo e introspettivo fin’ora. Poche figlie e dovrebbe essere un bene, ma sono mancate. Ex anche no. (7/10)
7. Mhh, molto severi verso la religione (giusto), ma twist solo utile allo scopo. Poche risatine, episodio debole. Però c’è la Adlon. (7/10)
8. Tante figlie ed è tutto ok, anche Sam che non sa fare gli scherzi. Bel finale ma niente lacrimuccia zio bonino. (8/10)
9. Carino ma sempre con quella sensazione di né carne né pesce. Ma, alla fine della fiera, che sia questa la sua qualità? Tavolata top. (8/10)
10. A parte l’inizio bruttino, bello tutto il resto e che bel finale. La questione Frankie affrontata in maniera seria e più che decente. Alla prossima, bravoni tutti. (8/10)
Fargo. Stagione 3. Episodio 9.
9. Dialoghi frontali molto molto buoni, soprattutto si tirano i fili che è quello che stiamo aspettando da tutta la stagione. VM Varga idolo, bene Swango. (8/10)
Horace And Pete. Stagione 1. Episodio 1, 2.
1. Che cosa stramba e bella e stramba e bella. Un’ora e passa di cose a caso nel bar, girato come una roba d’altri tempi e con dialoghi lunghissimi. Una presentazione mai vista, appassionante. E moderna. (8/10)
2. Eheheh, la sindrome di Tourette chiude bene il secondo episodio, solido con temi importanti. È ben fatto e si sorride, anche se Louis CK è sempre lui. (8/10)
I’m Dying Up Here. Stagione 1. Episodio 2.
2. Mhh, l’impatto viene retto tutto sommato bene e qualcosa di interessante può intravedersi, soprattutto fa restare interessati allo sviluppo. Non è nulla di clamoroso, sia chiaro, ma si è guadagnato la pagnotta. Sarah Hay ancora nulla. (7/10)
Orange Is The New Black. Stagione 5. Episodio 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13.
6. Livello molto alto, mi è piaciuta anche Chapman. Finale da lacrime a metà stagione, la vedo male. Nuova parte della prigione TOP. (8/10)
7. Povera Lorna, rissa finale strana, momenti Poussey meno lacrimini e la ruota che gira lentamente. Bene la nuova piscina, footjob. (8/10)
8. Salta fuori lo sparo alla guardia e sembra che cambino le carte in tavola. Dogget sempre protagonista ma chissene, basta. Nessuna altra novità di rilevo, a parte Nicky figa. (7/10)
9. La storia di Red pazzoide non convince perché rende il finale prevedibile e coincidenzioso. La trattativa di Caputo anche no, seppur con giraffa sexy. Bene la finta carcerata, ripeto. (7/10)
10. Mah, Piscatella che resta infinito tempo a fare non si sa cosa e con che scopo con Red, il finale torna ad alzare il tiro assieme alla negoziazione. Suzanne non mi ha mai convinto, ve l’avevo detto? (7/10)
11. Meh, ora che le guardie son fuggite vediamo cosa succede. Ha perso di mordente, sembra di esser dentro una cosa che non finisce mai. (7/10)
12. Meh, la costruzione del finale anche no, il riot veramente estenuante, nessuna storia di rilievo a parte Caputo che propone chiavatina e la sexy giraffa non rompe i coglioni con inutili fesserie. (7/10)
13. Un finale di OITNB in cui non si piange non è un finale. Finisce questa parentesi, poco brillante ma sempre ammirabile negli affetti. Ci vediamo tra un anno. (8/10)
Silicon Valley. Stagione 4. Episodio 8.
8. Che bello, arrivano i soldi! I soldi non ci sono più! Come da quattro stagioni. (6/10)

Talk Show
Last Week Tonight With John Oliver. Stagione 4. Episodio 15.
15. L’eroe finale e aver scoperto come avviene la lettura dei voti in UK è valsa la mezz’ora di visione.(8/10)

Alla prossima settimana,
Boss.

Settimana 365: 05/06 – 11/06

Serie TV
American Gods. Stagione 1. Episodio 6.
6. Iniziamo a calare perché beh, si capisce poco o un cazzo, i dialoghi sono farciti di cose dette e non dette e c’è tremendamente poca certezza. Tanta CGI, immagini saturatissime, inizia a non fare per me. Capisco poco? Può essere, per chi mi avete preso. (6/10)
Better Call Saul. Stagione 3. Episodio 8.
8. Episodio di transizione? A noi piace anche così, dove accadono mille piccole cosine, dove si fanno dei passetti avanti, dove vien l’ansia e dove ci si gasa per accordi sottobanco. (8/10)
Better Things. Stagione 1. Episodio 1, 2.
1. Mi è piaciuto e amo Pamela. Mi manca Louie. Storia carina e semplice, ma c’è tanto da gestire. (8/10)
2. Un filino meglio del precedente, ma si salva nel finale. C’è da dire che il punto sulle figlie e sulla madre mi ha convinto. Ha del potenziale. (8/10)
Fear The Walking Dead. Stagione 3. Episodio 1, 2.
1. Ma siamo seri? Un caos tremendo, la solita fuga da una situazione di vantaggio, nuovi personaggi ridicoli e ancora una separazione. Ma hanno degli altri argomenti? (5/10)
2. TRAVIS AHAHAAH! La morte più inutile di un protagonista, forse l’unico decente. Tutto il resto è noia, estrema noia e prevedibilità. (5/10)
Fargo. Stagione 3. Episodio 8.
8. Prima parte (fino al bowling) pazzesca, seconda parte leggermente confusa e atta, col salto temporale, a incuriosire e ripartire. Ci riesce in maniera blanda, poteva essere costruita leggermente meglio in fase di preparazione. (8/10)
I’m Dying Up Here. Stagione 1. Episodio 1.
1. Beh, io ho iniziato per Sarah Hay e Melissa Leo, nonché mi gasa il tema. Pilot solido di presentazione, Sarah Hay non si vede e non resta altro che vedere come regge il plot. (7/10)
Orange Is The New Black. Stagione 5. Episodio 1, 2, 3, 4, 5.
1. Si torna in carcere giusto nel mezzo dello scorso finale. Episodio spezzatino, con mille scene diverse e mille situazioni incastrate tra loro. Bene l’aspetto comico, il drama stenta a decollare. (7/10)
2. Il riot è un po’ sfuggito di mano, nel senso che non ha una strada ben definita. Ci si diverte, sia chiaro, ma se non fosse stato per Frida non so se mi sarei divertito così. Le latine al comando non mi gasano, ma la coppia Maria e Flaca mi uccidono. (7/10)
3. Questo forse è il migliore, dopo gli assestamenti dei primi due. La storia assume un senso, anche se la back-story non ha molto interesse ed è fintissima. (7/10)
4. Bene che la pistola sia finita in mano idota, ma il contest cerca di essere comico e fallisce leggermente. La finta carcerata mi piace un sacco, Poussey spero venga dimenticata prestino. (7/10)
5. Finalmente un episodio veramente degno grazie al discorso finale di Tasha. Molto bene e leggerissimo mescolino. (8/10)
Seinfeld. Stagione 7. Episodio 7, 8.
7. Povero George, ma anche Elaine che esce col tizio smemorato e depresso. Kramer vigile del fuoco subito. (7/10)
8. Independent George! Spero non sia già finita l’amicizia con Susan perché sarebbe stato bello vederlo strippare. (7/10)
Silicon Valley. Stagione 4. Episodio 7.
7. Forse per la prima volta, non c’è nulla che mi abbia particolarmente convinto o colpito. Solito tran tran, con un piccolo decadimento anche nella vena comica. (5/10)
The Handmaid’s Tale. Stagione 1. Episodio 9.
9. Alla fine questo è un inno alla gloria per Elizabeth Moss, mostruosa e capace di tenere in piedi tutto. La storia sta iniziando a perdere colpi e ci se ne accorge quando la storia inizia a perdere qualche colpo. Il succo inizia a perdersi, resta la ribellione. (8/10)
The Leftovers. Stagione 3. Episodio 8.
8. Cosa volete dire ad un finale così? Quanto si piange? Il tocco di classe nel finale, e cioè non svelare nulla dell’aldilà, è perfettamente in tema con tutto. Funziona tutto, dalla scrittura, alle strategie, al recitato. Pazzesco. (10/10)

Talk Show
Last Week Tonight With John Oliver. Stagione 4. Episodio 14.
14. Noiosino anche se l’argomento è interessante. Mi sa che ci ciucceremo Trump per un bel po’. (6/10)

Alla prossima settimana,
Boss.


Mi trovate anche qui

Sul Kindle


Ann Leckie – Ancillary Sword


David Simon – Homicide: A Year On The Killing Streets

Archivio

Visite

Annunci