Archive for the 'Manhunt: Unabomber' Category

Settimana 397: 15/01 – 21/01

Serie TV
American Crime Story: The Assassination Of Gianni Versace. Stagione 2. Episodio 1.
1. Debutto molto colorato e strano. Personaggi e attori ok, ma non sono convinto la storia sia così esaltante come OJ. Penelope Cruz e Ricky Martin OK. (7/10)
Manhunt: Unabomber. Episodio 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8.
1. Storia agghiacciante, molto romanzata nella rappresentazione. Ma se è andata così, come non gradire? HYPE. (8/10)
2. Beh, si resta sulla falsa riga del precedente. Le rivelazioni sono cinematografiche ma con poco carisma, il parallelismo con il presente un filo fuori luogo, la storia è interessantissima. Perché continua a piacermi? (8/10)
3. Meeh, a parte i bei dialoghi tra i due e l’appassionante indagine, il mood è sempre lo stesso: tizio che si gioca tutto per rivoluzionare e dimostrare e proprie capacità. La mettiamo giù meglio? (7/10)
4. Ok, qui si torna a salire in termini di sviluppo dell’indagine. La moglie gelosa, la cattiveria post-fallimento sono cliché che nella vita vera possono anche essere possibili, ma in tv vanno messi giù meglio. Salvo il finale, immaginando sia plausibile. (8/10)
5. Meh, bello sviluppo se non fosse per la follia dell’agente che fa terra bruciata, come prevedibilissimo. Il fatto di averlo messo in quel posto all’unica che l’ha cagato è l’unica cosa degna di nota. (7/10)
6. Episodio sicuramente tosto e gradevole. Manca il protagonista e il dramma di unabomber è comprensibile. Bravone all’attore. (9/10)
7. La cattura messa giù bene. Il finale non mi convince, con l’uomo solo genio non cagato da nessuno. Se è davvero storia vera peccato e amarezza. (8/10)
8. Finale ben scritto, aperto per Fitzgerald, toccante nella fine di Unabomber. Una storia interessante, dal punto di vista seriale messa giù con tanti cliché. (7/10)
Seinfeld. Stagione 8. Episodio 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8.
1. Ritorno con i soliti ritmi. Cambiamento in vista per Elaine, solito George, solito Jerry, solito Kramer. In poche parole ok. (7/10)
2. Un po’ di spazio a Newman, il resto passa inosservato. Potevano spingere di più su Kramer innamorato. (7/10)
3. Dai, almeno l’idea è carina. Ps: io con una così con le manone mi ci sposo subito. (8/10)
4. La mossa di Elaine che balla è qualcosa di meraviglioso. MERAVIGLIOSO. MERAVIGLIOSOOOOO. (8/10)
5. Simpatico e carino dai, ma nulla di esaltante la storyline di Elaine con i dottori. (7/10)
6. Episodio che merita solo per l’incastro finale che funziona bene. In realtà si incastra bene tutto e il padre di George assume senso. (8/10)
7. Assurdo e fuori contesto, questo non mi ha fatto ridere anche se c’è un po’ di continuity. (6/10)
8. Carino lo scambio di personalità tra Jerry e Kramer, così come Peterman in Myanmar. Viva anche George con le sue tecniche. (8/10)
The Last Man On Earth. Stagione 4. Episodio 10.
10. Un plot che ha senso e non esagera, in più fa anche schifo. Succede qualcosa di assurdo. Mi va bene. (8/10)
The Middle. Stagione 9. Episodio 13.
13. Leslie-Axl prevedibili nel finale, Sue e il muro carino. Episodio che si regge sul reverend TIMTOM, altrimenti solito episodio transitorio che non serve nella stagione finale. (7/10)
Top Of The Lake: China Girl. Stagione 2. Episodio 1, 2, 3, 4, 5, 6.
1. Episodio molto buono. Presentati i personaggi, agganci col passato (da riguardare) e mood mantenuto. Caso interessante, come si incastreranno i vari dati? (7/10)
2. Questo mi è piaciuto: toccante l’incontro madre-figlia e messo giù bene. Il caso va avanti pianino e l’atmosfera regge. (8/10)
3. Cazzarola che finale. Così ben riuscito che ottimo, ma forse un po’ troppo. Fosse stato scritto leggermente meglio, con personaggi meno oscuri (non c’è uno a posto) sarebbe stato riuscitissimo. (8/10)
4. Episodio molto solido anche questo, l’attacco al naso fa ridere il giusto, l’indagine si stringe anche per casualità e la fola della prostituzione è esagerata ma in un qualche modo funziona. (8/10)
5. Meeh, soliti dialoghini, il caso che ha una strada ma viene accantonato per non si sa quali motivi, anzi, sembra non serva a nulla. Finale prevedibile e Puss ha rotto i coglioni anche in questo. Finale ovvio. (6/10)
6. Meh, si giunge alla conclusione. Poteva essere esplosivo e invece chiude il cerchio lasciano aperte varie cosine. Elizabeth Moss vale la pena sempre. (7/10)

Reality
Ink Master. Stagione 10. Episodio 2.
2. Flash challenge sempre meglio. DJ non mollare col tuo caratterino. (7/10)

Alla prossima settimana,
Boss.

Annunci

Mi trovate anche qui

Sul Kindle


Ann Leckie – Ancillary Sword


David Simon – Homicide: A Year On The Killing Streets

Archivio

Visite

Annunci