Archive for the 'GLOW' Category

Settimana 420: 25/06 – 01/07

Serie TV
Archer. Stagione 9. Episodio 7, 8.
7. Niente di super esaltante, anche se le morti truculente divertono. Perso il filo comico/narrativo. (7/10)
8. Si chiude una stagione che è un mezzo passo falso: non ci sono elementi veramente esaltanti nel finale (Pam che scoreggia e il delirio di Cyril). Così vuoto che ci viene riservato anche uno scorcio del futuro… Poteva andare meglio, ma Archer ha ancora dei bonus. Salvo i cannibali. (7/10)
Glow. Stagione 2. Episodio 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10.
1. Ritorno sulle scene denso. Piccolo rimpasto, tanta pucciosità, movimenti tra i personaggi, un po’ di drama e le nostre cariche a molla. Betty Gilpin BONA e con i controcazzi. Vedremo come producer. (8/10)
2. C’è qualcosa sia di solido sia di strano, che non riesco ancora a comprendere. Il plot è definito e le sfide interne aumentano l’attenzione, ma sembra tutto troppo dozzinale. Bene Betty Gilpin BONA nel ruolo di producer non cagata. (7/10)
3. La tizia che non riesce a recitare, le ragazze che vogliono chiavare, Debbie la stronzona e baffo porno… Chefficata. (8/10)
4. Migliore fin’ora. Puccioso, wrestling sensato col colpo di scena puccioso e BETTY GILPIN IN MUTANDE E REGGISENO DI PIZZO. No dai, c’è qualità e mescolino. Welfare queen TOP. (9/10)
5. Carino anche questo: il confronto finale è prevedibile, ma sensato e ben messo in scena, soprattutto in questo periodo storico. La difficoltà a decollare dello show è un giusto traino. (8/10)
6. Finale pilotato ma funziona benissimoooo. Sam vince quando si intenerisce quindi episodio riuscito. Riuscirà Betty ad uscire dal buco? Ci daranno più Britannica? (9/10)
7. Post infortunio con bel confronto Ruth-Debbie. Pucciose le colleghe, carico per il “mancano quattro episodi facciamo quel cacchio che ci pare”. (8/10)
8. Al vero episodio di GLOW voglio già bene, ma dal “facciamo quello che ci pare” a questo è un po’ troppo. Decontestualizzato riesce a funzionare lo stesso, diverte come non mai, ma ha poca connessione per non averlo mai visto. (8/10)
9. Spunta la madre e diventa carino. Mi preoccupa solo la romance tra Sam e Ruth, per il resto le piccole storyline avanzano bene e fanno anche dispiacere. Bene baffo. (8/10)
10. Il finale è bellone. Succede di tutto, assistiamo allo show finale così denso di eventi che non sappiamo da dove prendere. La risoluzione finale è stata l’unica scelta possibile, ma funziona e ci accontentiamo. (9/10)
Preacher. Stagione 3. Episodio 1.
1. Come al solito il ritorno di Preacher è un po’ un casino, ma abbiamo ambientazioni estreme, nuovi personaggi, il ritorno di Tulip e tante scazzottate. Attendo Herr. (7/10)
The Americans. Stagione 6. Episodio 7, 8, 9, 10.
7. AHHHH. Che azione, che compromessi, che sentimenti contrastanti, CHE STAN. La penna di chi scrive subito patrimonio dell’umanità, non un secondo vuoto. (9/10)
8. Non so se ce la faccio. Finale atomico con rinsavimento inaspettato, azione come se piovesse tutto con l’alone di Stan in versione rivista di Hank. Keri Russell pazzesca ma anche Matthew molto ok. Povero il ragazzino illuso ma per me ci ha guadagnato tantissimo. E Stavos? Basta la smetto. (9/10)
9. Non ce la faccio: la corsa di Philip mi lascia ancora senza fiato. Paige? L’indagine? Oleg? Sto male. Claudia?? Tutto concentrato nell’ultima ora. La cosa che mi lascia più perplesso è che ‘sti personaggi qua son delle merde zioccà E IO TIFO PER LORO. (9/10)
10. GRAZIE. Funziona tutto, anche le cosine minime lasciate aperte. Confronti, emozioni, scelte, famiglia, tensione, silenzi, capacità narrativa, capacità di chiusura. Tutto DEGNO. (10/10)
The Handmaid’s Tale. Stagione 2. Episodio 11.
11. Difficile. L’episodio ha momenti altissimi, è indubbio ed Elizabeth Moss è patrimonio dell’umanità. Ma c’è il ma. La scena del parto è pazzesca e ne capisco gli scopi e la volontà del messaggio, ma non mi ha convinto la realizzazione. Mi è rimasta l’idea che avrebbero potuto darci di più. (8/10)

Talk Show
Last Week Tonight With John Oliver. Stagione 5. Episodio 16.
16. Quando lo show tratta queste cose diventa perfetto. Pubblicità norvegesi OVER. Mi vado a riguardare l’episodio sulle politiche italiane. (8/10)

Alla prossima settimana,
Boss.

Annunci

Settimana 367: 19/06 – 25/06

Serie TV
Better Call Saul. Stagione 3. Episodio 10.
10. Poca azione o poca ansia, ma così tanti piccoli avventimenti da urletti che il finale di stagione è un bello scoppiettio. Opera televisiva senza precedenti, per la qualità mentale che ci sta dietro. Vecchietta libera bene così, farò la fine di Chuck. (9/10)
Fear The Walking Dead. Stagione 3. Episodio 3.
3. Cheppalle raga, frega niente di nessuno e non succede un cazzo… CHEPPALLE (commento professionale). (4/10)
Fargo. Stagione 3. Episodio 10.
10. Beh, voto alto per la tanta azione e per aver intuito grazie alle recenze lo scopo della stagione: dare inconcludenza. Tanto resta aperto e fa sperare in un disegno più ampio, ma rimarrà la caduta di Emmit e di Swango l’elemento WTF della stagione. Prodotto sopraffino. (8/10)
GLOW. Stagione 1. Episodio 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10.
1. Cosa ho appena visto? Alison Brie nuda che tromba? A parte questo il pilot è di una banalità disarmante, con la scena finale ancora di più, un twist così forzato che pare quasi brutto. Ma nel contesto di banalità ci sta, è una sensazione strana. (7/10)
2. Sembra l’estensione del pilot, va bene. Ancora forzato nelle scelte, ma ora forse si può partire. Il cast di misfits può regalare sorprese, il baffo però si deve calmare. Un po’ di drama no? (7/10)
3. Mhh, si esce dalla dinamica dei primi due, si resta nel banalotto con l’incremento degli stereotipi (già presenti), ma sembra sempre si voglia esagerare. La biondona che gnocca è pure lei? AH C’È KATE NASH ECCO PERCHÉ CANTAVA. (7/10)
4. È ancora sempliciotto banalotto, ma del lotto finalmente trova un po’ la sua strada. Potrebbe andare meglio con un po’ di originalità, ma va bene così. (8/10)
5. Semplice eh, ma questo è il primo episodio che mi ha gasato benone. A parte Betty che più figa non si può, funziona dall’inizio alla fine e la banalità inizia ad essere l’asse portante. (8/10)
6. Ecco, questo sì. Pur sapendo dove si andrà a finire, funziona e convince nonché BETTY TOPA SPAZIALE AMERICANA TOP. Aubrey Plaza tarocca cazzo fa? Finalmente un pochino di senso, ottima Kate Nash. (8/10)
7. COSA È SUCCESSO. COSA FATE COSÌ A CASO. I’M IN. BETTY GILPIN. (9/10)
8. Episodio introspettivo che giunge nel momento clou, al quale si affianca la solita gravidanza a caso, pretesto sempre usato con i personaggi femminili. Non mi è piaciuto tutto l’arco. (6/10)
9. Problemi di soldi risolti? Si vede un lento avvicinamento al finale e la rivelazione finale giunge pressoché inaspettata. Quando esce dai binari fatica un po’, ma sembra tutto essere una gavetta. (7/10)
10. Dai, bel finale. La studiata con Liberty Bell è stata molto ok, così come gli altri combattimenti. La struttura nel finale si dimostra solida, non ci resta che iniziare l’attesa per la prossima. (8/10)
Horace And Pete. Stagione 1. Episodio 3, 4, 5.
3. Quaranta minuti praticamente con un solo dialogo e una piccola pausa. Non male per nulla, la storia di Horace ora è un po’ più chiara. Che strano esperimento gradevole. (8/10)
4. Si continua a scavare nel passato con aneddoti e storie al limite del surreale. Fanno compagnia, ma bisogna stare attenti. Mai stato meno d’accordo con Pete. (7/10)
5. Ma nooo, han fatto crepare il personaggio migliore :( Gestione del lutto ok, funziona. Complimenti ad Edie Falco. (8/10)
I’m Dying Up Here. Stagione 1. Episodio 3.
3. Non si ride molto e non c’è Sarah Hay. Riesce a reggere, ma più che sulle fole dei protagonisti ci vorrebbe un po’ più passato e un po’ più aspetto comedy. La coppia di sfigati mi piace. (6/10)
Seinfeld. Stagione 7. Episodio 9.
9. Ok, viva Elaine e viva George che non tiene la piscia. (8/10)
Silicon Valley. Stagione 4. Episodio 9.
9. Succedono cose, il piatto ruota ancora e la strada non è definita. Serve un nuovo piano in vista del finale, anche se la scrittura può funzionare così. (7/10).

Talk Show
Last Week Tonight With John Oliver. Stagione 4. Episodio 16.
16. Così ti vogliamo: tema interessante, divertente e col suggerimento. Dai, speriamo nella denuncia.(8/10)

Alla prossima settimana,
Boss.


Mi trovate anche qui

Sul Kindle


Ann Leckie – Ancillary Sword


David Simon – Homicide: A Year On The Killing Streets

Archivio

Visite

Annunci