Archive for the 'Atlanta' Category

Settimana 423: 16/07 – 23/07

Serie TV
Atlanta. Stagione 2. Episodio 7, 8, 9, 10, 11.
7. Altro episodio incentrato su Van SOLIDO COME IL MARMO. Where is Drake? (8/10)
8. Non mi sarei mai aspettato un’altra chicca del genere. Pazzesco. L’episodio sembra basare le fondamenta su un tema, ma il finale cambia tutto grazie a “in loving memory” per la madre vera e finta scomparsa. Che chicca ragazzi. (10/10)
9. Altro episodio pazzesco. Finalmente si arriva al confronto sul managing… e in che modo fine e sensato e girato ed escalato. Davvero un prodotto coriaceo. (9/10)
10. FUBU è un’altra chicca. Tuffo pazzesco nella mia adolescenza da povero tra ricordi e tentativi di essere alla moda. Tutta roba senza senso. (8/10)
11. Bel finale: solido, mood solito, Darius versione poeta, azione finale, dialogo sull’aereo, conclusione della robbin’ season. Sicuramente un’esperienza da ricordare. (8/10)
Fear The Walking Dead. Stagione 4. Episodio 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8.
1. Mi hanno colto un po’ impreparati nel mostrare i ragazzi di TWD dire addio a Morgan. Inizia così una nuova storia che se non fosse per il personaggio potrebbe anche essere interessante. Viva Shannon di Lost e il finale sbalza incredibilmente tutte le timeline… In realtà sono poi le prime scene ma va beh. (8/10)
2. Cosa succede… Anche questo non è stato uno schifo totale. Certo, guadagna punti se confrontato col passato, ma anche le scene idiote sembrano meno fastidiose del solito (ad esempio Nick con la sua paura di uscire e poi salvato per coincidenza). (7/10)
3. Sai cosa? Pazzesco come questa stagione sia tutt’altra roba. Non si perdono le pippe e le solite banalità, ma incredibilmente gli sceneggiatori fanno un opera certosina nell’inserire Morgan e FAR CREPARE GLI INUTILI VECCHI PERSONAGGI. Bene per la scelta. BENE. (8/10)
4. Episodio moscetto nel quale non è che si aggiunga più di tanto al succo di base. Ma il racconto post-morte è anche convincente, con tutti i pezzettini che coincidono. (7/10)
5. Pazzesco episodio incastrato alla perfezione. Storia se vuoi banale, ma funziona perché c’è tutto. TUTTO. Anche il finalino con Morgan dà un senso alla questione. Sarebbe da 9. Gli do 9 perché con l’episodio precedente fanno una bella coppia. (9/10)
6. Meh, il finale è un colpo di scena bello che buono, ma con l’unico personaggio interessante che cerca di ammazzare l’altro unico personaggio interessante. Comunque sembra un’altra serie. (7/10)
7. Anche questo regge e devo dire che la montatura del plot e dei piani temporali regge bene, anche se c’è sempre troppo fottuto buonismo. TROPPO. (7/10)
8. Nooo, ma davvero han fatto fuori anche l’altra scassaminchia? Tanto di cappello. La prima metà si chiude con i soliti pipponi e le solite scene, ma ha tutto un gusto diverso per una serie che sembra essersi ripresa. O, meglio, è diventata qualcosa di passatempevole. (7/10)
Preacher. Stagione 3. Episodio 3, 4.
3. Meh, episodio né carne né pesce. Realizzo solo ora il dog contrario di god. Ci vogliono più azione e meno pippe da fattoria. (6/10)
4. Nop, anche questo non mi ha gasato per tanti motivi. Diavolo lofi, ritorno del santo meh e tutta la fola delle tombe senza mordente. (6/10)
The Expanse. Stagione 1. Episodio 1.
1. Episodio pilota, caotico, incasinato e BOMBA. C’è tanta di quella carne al fuoco, viene tutto inquadrato bene e, con la seconda parte, sono convinto che ci si possa abituare al ritmo serrato. Bene la CGI. (8/10)

Alla prossima settimana,
Carlo.

Annunci

Settimana 422: 09/07 – 15/07

Serie TV
Atlanta. Stagione 1. Episodio 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10. Stagione 2. Episodio 1, 2, 3, 4, 5, 6.
3. Forse l’episodio che finora ha più vena comica in assoluto. Si sorride al ristorante e si sorride al cospetto dei messicani. Momenti pucci e il finale ok. (8/10)
4. Buono buono buono. Plot scorrevole e che funziona, mood solito e oramai consolidato, scambio di merci e via che si va. Paper boi. (8/10)
5. Carino. Soprattutto l’aspetto comico è di buon livello, ma sempre con un tono pacato e originale. Il tizio che spara al cane ha vinto tutto. (8/10)
6. Pensavo di essere di fronte al primo passetto falso della stagione, ma da metà in poi si riprende e per la prima volta fa ridere bene. C’è anche ansietta per la piscia. (8/10)
7. Ci ho dovuto pensare un po’ e alla fine l’episodio è geniale. Luoghi comuni, pubblicità a go-go. Funziona. (8/10)
8. Ecco il migliore finora. La vomitata in piedi di Glover da panico paura. La rissa finale, la macchina invisibile. Il club che fa cagare in genere… OK. (9/10)
9. Altro episodio assurdo ma fatto e pensato da dio. Donald Glover molto bravo niente da dire. (8/10)
10. BEL FINALONE. Scena finale che dà senso a tutta la stagione. Pensato bene nella sua delicatezza, tutto gira alla perfezione, con tanto di scena WTF non decontestualizzata. (9/10)
1. Che ritorno figo. C’è tutto l’Atlanta che ricordiamo: freddezza, cinismo, comicità sottile, assurdità col coccodrillo, finale melanconico. (8/10)
2. Qui c’è tanta vena comica. TANTA. Ed è tutto messo giù in maniera così fine che non ce ne se ne accorge neanche. (9/10)
3. Cioè davvero un episodio basato sul non poter cambiare una banconota da 100 dollari? Genio e spasso. (9/10)
4. No eh? Date a me Vanessa subito ora. Episodio estraniante, buon plot e anche buone scelte di regia. Crucchi a caso. (8/10)
5. Ahahah il finale mi ha ucciso… Mi ricorda me! Quando trovi uno che sa come ti deve tagliare i capelli… beh… non puoi fare altrimenti. (8/10)
6. Io ho dovuto leggere che Donald Glover ha impersonato Teddy se no non ci sarei mai e poi mai arrivato. Episodio che stravolge i canoni della serie, andando a toccare tematiche importanti e inaspettate, con un taglio simil-horror moderno e gestito benissimo. Con gli approfondimenti diventa una chicca. (10/10)
The Handmaid’s Tale. Stagione 2. Episodio 13.
13. Finalone BOMBA PAZZESCA. Succede un fottio di roba, la scena finale delle Marta che aiutano è da urletti, così come la liberazione di Emily, lo schiaffo, il pazzo unico sano, Lydia, Serena… Tanta roba e tantissima qualità. Unici nei anti voto 10: la tanta roba leggermente affrettata unita alla decisione di June. Sensata ma obbligatoria per la terza stagione. (9/10)

Talk Show
Comedians In Cars Getting Coffee. Stagione 10. Episodio 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12.
1. Carino soprattutto il segmento finale. Non una grandissima chimica tra i due. (7/10)
2. Meh, si è capito poco e si salva solo il finale. Poteva essere meglio. (6/10)
3. Ellen ok, ma anche qui manca il click. (7/10)
4. Fico rivedere Tracy, ma sempre colpito dal fatto che sembra ritardato. Premio per il guanto di Michael Jackson. (7/10)
5. Questo mi ricorda qualcuno e si ride bene, il migliore finora. (8/10)
6. Ma questo tizio strambo chi è? Fa ridere, sarebbe da approfondire. (7/10)
7. ‘Sto tipo sembra andar forte. Incuriosito dall’interesse di Jerry in forma (7/10)
8. Madò che tizio strambo. Parla in maniera molto intelligente però, tipo me. (7/10)
9. Altro tizio forte, la fola del tappeto mi ha divertito. La moglie ha detto no ad un regalo di Jerry Seinfeld. (7/10)
10. Innamorato seduta stante. (9/10)
11. Alec Baldwin TOP. Fa ridere tutto. (9/10)
12. La storia della comicità americana. Bello vedere Jerry e il rispetto che ha per lui. RIP. (8/10)

Alla prossima settimana,
Carlo.

Settimana 421: 02/07 – 08/07

Serie TV
Atlanta. Stagione 1. Episodio 1, 2.
1. Donald Glover molto bravone. Introduzione che ha un mood tutto suo e particolare, con lo slang e i personaggi che sembrano già consolidati. Incuriosisce nello sviluppo potenziale. (8/10)
2. Qui ho anche riso un bel paio di volte. Il tono resta di strada ed è sicuramente la cosa più avvincente in assoluto. (8/10)
Preacher. Stagione 3. Episodio 2.
2. Torna Herr Starr e torna a salire l’attenzione. Buoni momenti di LOL, bene la diatriba tra Cassidy e Jesse, bene anche la vecchia, ma non si decolla in WTF e URLICCHI. (7/10)
The Handmaid’s Tale. Stagione 2. Episodio 12.
12. Non male, ma c’è il buco di tempo che non mi ha convinto appieno. Così come l’ennesimo ritorno a casa. Peccato perché nella magnificenza, si perde un po’ il pazzesco annegamento e la nuova vita di Emily che fa paura. PAZZESCO. (8/10)
Westworld. Stagione 2. Episodio 7, 8, 9, 10.
7. Altro episodio in cui accadono cose e non si capisce un cazzo. Hopkins è mostruoso, ma per star dietro alla trama ci vuole del coraggio. (6/10)
8. Sicuramente il più gradevole e chiaro finora. Il fantasma finalmente assume un senso, così come i simboli sparsi in giro, tanto che tutto è guidato dall’amore (ma va?). Unico buco temporale il tizio bruciato dal sole. (8/10)
9. A parte Bernard, un altro episodio in cui si capisce qualcosa, a parte la scelta di Teddy. L’uomo in nero che ammazza la figlia è degno di nota, la storia fuori un po’ meno. (8/10)
10. Finale infinito. Si capisce poco come al solito. Tanti colpi di scena, Dolores che rinasce e poi rinasce. Post-credit confusione ancora. Mi viene in mente il segmento giapponese a caso. Io Westworld d’ora in poi lo guardo perché piacevole agli occhi, ho deciso. (7/10)

Talk Show
Last Week Tonight With John Oliver. Stagione 5. Episodio 17.
17. Argomento interessante ma preso molto alla leggera e da lontano. (7/10)

Alla prossima settimana,
Carlo.


Mi trovate anche qui

Sul Kindle


Ann Leckie – Ancillary Sword


David Simon – Homicide: A Year On The Killing Streets

Archivio

Visite

Annunci