Archivio per aprile 2015

Settimana 254: 20/04 – 26/04

Serie TV
Community. Stagione 6. Episodio 7.
7. Inizio a pensare che gli episodi durino troppo. La storia di Britta è principalmente fottesega, quindi metà episodio va in vacca. Elroy è l’ennesimo personaggio che dovrebbe far parte del gruppo come nuovo, ma non ci riesce. Energia sprecata. (5/10)
Game Of Thrones. Stagione 5. Episodio 2.
2. Possiamo anche gasarci per il ritorno di Arya, possiamo gasarci per Tyrion che andrà da Mhysha o come cacchio si scrive, possiamo gasarci per il drago o per Jon Snow, ma tutto sommato possiamo non gasarci perché succede poco o niente. Tante piccole pedine che si muovono, poche emozioni. (6/10)
Inside Amy Schumer. Stagione 3. Episodio 1.
1. Torna Amy e mi gasa con la sua serie con poco senso. Fantastico cold open che scimmiotta Niki Minaj, bene il pezzo con Josh Charles e da urlo quello con Tina Fey & co. Intervista interessante, buon debutto. (8/10)
Louie. Stagione 5. Episodio 3.
3. Episodio semiserio con la partecipazione del tizio di The Mob Doctor LOL. Storia con poco senso dal punto di vista orizzontale, raccontata in stile Louis C.K. Shh, shh, shh. (7/10)
Mad Men. Stagione 7. Episodio 10.
10. L’episodio di questa seconda metà di stagione che mi è piaciuto di più. C’entrato su Don e la sua visione del futuro riflessa negli altri, su Joan alle prese con un tizio un po’ a caso e al mio idolo CREEPY GLEN. Finale significativo. (8/10)
Silicon Valley. Stagione 2. Episodio 2.
2. Oh, il finale è stato pazzesco. Riso fortissimo in un episodio con una struttura che a dir prevedibile si dice poco. C’è dell’affiatamento e sembra seguire un percorso lineare, non posso che esserne contento. (8/10)
The Americans. Stagione 3. Episodio 13.
13. Chiusura enorme, per punti, per emozioni, per svolte ma non per Martha ed azione. L’episodio porta avanti quasi tutte le storyline senza chiuderle, mossa sospetta dal punto di vista seriale di rinnovo o meno (che per fortuna c’è stato). Beeman guadagna punti, Keri Russell parla con gli occhi, Philip soffre e non viene cagato, PAIGE SGANCIA LA BOMBA. Speriamo che le teorie sul Pastor Tim non siano confermate. (9/10)
The Following. Stagione 3. Episodio 9.
9. Altro episodio orribile: Joe Carroll continua a fare parte di una cosa per la quale non serve più e fa ridere. L’indagine va avanti a caso, ma il top è il tizio che trolla Ryan tramite computer. (4/10)
The Last Man On Earth. Stagione 1. Episodio 11.
11. A questo punto più gente c’è meglio è. Ammetto di aver riso per Phil sul cartellone, ma il suo incessante voler scopare e non riuscirci è qualcosa di nevrotico. Un personaggio creato con i piedi, di un fastidioso che forse solo Carol lo supera. (7/10)
The Middle. Stagione 6. Episodio 21.
21. Spunta un vecchio a fare lo zio ma non divertono per niente le sue diatribe col fratello. Sue in punizione è banale, anche se il finalino diverte. Manca un filo conduttore, così ci si perde. (6/10)

Talk Show
Last Week Tonight With John Oliver. Stagione 2. Episodio 10.
10. Segmento centrale leggermente ridotto ma più interessante. Filleroni con l’orso dal pene rotto e il giornalista easy. Fine del mondo TOP, ma TOP davvero. (8/10)

Reality
Survivor: Worlds Apart. Stagione 30. Episodio 10.
10. Sono successe un sacco di cose pesanti e nuove, il problema è che di ogni personaggio fotte davvero seghissima. Aste ritrattate, insulti e finti cambi di alleanza per far muovere le acque, ma tutto finisce per andare come deve andare. Il texano diventa l’outcast e quasi quasi mi convince. (7/10)

Alla prossima settimana,
Boss.

Annunci

Settimana 253: 13/04 – 19/04

Serie TV
Community. Stagione 6. Episodio 6.
6. La versione brutta dell’episodio di TGW sul furto di email. Dialoghi estenuanti, poche risate e un livello basso della genialità che ha reso famosa la serie. Si salvano solo i personaggi non terziari, quintiari. (5/10)
Game Of Thrones. Stagione 5. Episodio 1.
1. Il ritorno è stato un po’ meno complicato del previsto. Non c’è nessun enorme CHICCAZZ’È, le pedine tornano a muoversi pian piano verso direzioni tutto sommato interessanti. La lentezza delle vicende ammorbidisce il ritorno in GoT, si vedono dei bei draghi e una morte meno cruda del previsto. Dai, è ok. (7/10)
Louie. Stagione 5. Episodio 2.
2. È tornata Pamela e per fortuna assistiamo subito ad un fantastico dialogo a la carte. Si ride forte solo per facce di Louis CK, e per il ragazzotto con la voce da scemo. (8/10)
Mad Men. Stagione 7. Episodio 9.
9. Livello enorme e questa volta anche denso di avvenimenti. Il lento limbeggiare di un Don che si vuole tirare fuori e non rimanere solo, a costo di perdere tutto per ritrovare il suo io?. Forse, finalmente, diciamo addio a Megan. L’agenzia avanza lentamente. (7/10)
Silicon Valley. Stagione 2. Episodio 1.
1. Tornano i miei nerd preferiti e resta altissimo l’aspetto moderno del business tecnologico, una gioia per interesse, orecchie e occhi. Gestita male la morte di Gregory: sarebbe stato più appropriato un vero tributo all’attore o per lo meno qualcosa di più fine. (7/10)
The Americans. Stagione 3. Episodio 12.
12. Grandissimo lavoro. La questione Paige, la questione Martha (che finale) e la questione Afghana vengono gestite e risolte con una leggiadria solida da far paura. Cast a livello estremo, in più è tornata Margo. Prevedo un finale BOMBA. (9/10)
The Following. Stagione 3. Episodio 8.
8. Do la sufficienza solo perché mi sono divertito a vedere l’episodio, tra Ryan che manda affanculo la gente e ha problemi di coppia, sfonda porte, arriva tardi e insegue un tizio cattivo un bel po’. Peccato che faccia tutto sempre un po’ cagare, ma questa volta fa meno cagare del solito. (6/10)
The Good Wife. Stagione 6. Episodio 19.
19. Eccheccazzo, povera Alicia… Derubata e maltrattata praticamente da chiunque. Il problema dell’episodio magnifico è la vicenda di Kalinda: ancora una volta tutte le debolezze ricadono su un personaggio che da tempo ha perso mordente. Colpi di scena e svolte, ok, ma Cary che la vuol difendere non si può vedere. (8/10)
The Last Man On Earth. Stagione 1. Episodio 9, 10.
9. Hei, attenzione… Spuntano altre due sopravvissute (fighe). Episodio dunque che si muove sugli stessi canoni dei precedenti, ovvero novità, Phil che esulta, Phil che sbugiarda di brutto, Phil che fa figure demmerda. Ma poi, sto cacchio di matrimonio finto è alla base della sua non fotta… Pensarla meglio, no? (7/10)
10. Ohh, finalmente una bella svolta. Bella ovviamente in senso lato, ma per lo meno forse inizieremo ad assistere meno alla solita trama balla di Phil, figura demmerda. Prevedo da qui alla fine altri mille personaggi. (7/10)
The Middle. Stagione 6. Episodio 19, 20.
19. Pucciosità allo stato brado. La storyline di Sue e Axl va avanti in maniera iper-prevedibile. Vince su tutti finalmente Brick, SPORTIVO DEL MESE. (7/10)
20. Awww, peccato che il momento pucci sia stato negato dall’eccessiva supidità di Axl. La svolta di Brick non mi ha fatto riderissimo, mentre Sue gira e rigira non evolve più di tanto. Classico episodio sereno. (7/10)
The Red Road. Stagione 2. Episodio 2.
2. Ora che la familiarità con i personaggi è ritrovata, mi trovo meglio nell’uggiosità della serie. Molte trame e molte trovate sono banali (il suicidio, il tutto contro Momoa, la pazza che si cura all’indiana), ma l’atmosfera (e il mistero) sono quelli che mi convincono. Voto alto pronto a scendere. (8/10)
3. È veramente banalino: Momoa è sempre nel posto sbagliato al momento sbagliato, la rapina è prevedibile, Junion ridicolo nei boschi e la madre sempre in mezzo ai problemi. Però mi piace la pacatezza e la semplicità di scrittura, forse meno semplice del previsto. Ah, c’è anche la trama che convince. (8/10)

Talk Show
Last Week Tonight With John Oliver. Stagione 2. Episodio 9.
9. L’argomento in effetti è una palla, anche per colpa della sua Americanità, ma non ridevo così da un sacco. Genio cosparso ovunque, con un finale musicale FANTASTICO. Sempre più trasmissione indispensabile. (8/10)

Reality
Survivor: Worlds Apart. Stagione 30. Episodio 9.
9. Oh Joe, perché Cherine non capisce un cazzo. Episodio classico di Survivor, ove il più forte viene fatto fuori dalla super alleanza. Salvo i tentativi di reggere la baracca con lo splittamento truccato dei voti e/o gli idol finti, ma tutto va come purtroppo deve andare. (8/10)

Alla prossima settimana,
Boss.

Settimana 252: 06/04 – 12/04

Serie TV
Better Call Saul. Stagione 1. Episodio 10.
10. Finale di stagione che, onestamente, poteva regalare di più. Assistiamo ad un tuffo nel passato di Jimmy, che in realtà è un presente triste. La storia delle truffe è alla Striscia La Notizia, così come il finale pieno di voglia di rivincita riesce bene ma senza sussulti. Come prima stagione si dimostra solida, un esperimento senza precedenti perfettamente riuscito. (7/10)
Community. Stagione 6. Episodio 5.
5. Niente oh, le idee sono carine ma manca terribilmente quel soffice terreno di genialità, anche emotiva. Sembra tutto freddo e gli sviluppi, come in questo caso, spesso si vanno a semplificare esagerando da soli. Speriamo escano dal tunnel. (6/10)
Daria. Stagione 5. Episodio 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13.
1. Episodio folle dal punto di vista del plot, ma la preside e una Daria finalmente obbligata a fare qualcosa mi hanno intrattenuto. Se tornasse a trattare temi così sarebbe sempre ok. (7/10)
2. Episodio Jake centrico che mi ha esaltato e finalmente dà un po’ di spazio a un personaggio troppo spesso non protagonista. Il resto è un dramma sentimentale di Daria che, sia chiaro, fotteseghissima. Ma usare un personaggio nuovo come compagno, no?. (7/10)
3. Un piccolo voto in più solo per l’assurdità nel fare un episodio basato sul Fashion Club (l’asiatica è il TOP). Divertenti anche se inquietanti le scommesse di Daria. (8/10)
4. Raduno di un vecchio campo estivo: dinamiche interessanti ma sempre nelle stesse dinamiche oramai trite e ritrite. Se mi escludete Tom per me è ok. (7/10)
5. Daria scrittice mi gasa, ma la tiritera del supporto con Tom sempre onesto ha rotto le balle praticamente subito. Punti a favore: la rivista del fashion club, Jake compositore e Hellen riderissimo in modalità mamma preoccupata. (7/10)
6. Storia un po’ assurda, con Daria che finisce per fare l’insegnante di sua sorella… Boh. Gradevole Anthony che tratta con la preside (idola) sul rinnovo del contratto e il prof cuoricione che compone l’inno con Trent. (7/10)
7. Non male l’attenzione che si sposta sull’arte di Jane. Divertente anche il Fashion club alle prese con una denuncia per caricatura oltraggiosa. Originale e ben scritto. (7/10)
8. Beh, la cena con i morosi è qualcosa di genialmitico, soprattutto dal punto di vista di Quinn e di Stacy, pronta ad uscire con chiunque. Mattatore nascosto, ancora una volta, Jake alle prese con lo scoiattolo. (8/10)
9. Non ho ben capito se c’è stato un qualche riferimento a qualche film o serie basata sugli anni quaranta, ma l’unica gioia è stato vedere Jane vestita diversamente. Bene anche il mago, con una grandissima Stacy! (7/10)
10. Il litigio tra le zie porta solo Jake a nascondersi per via della situazione atomica. Episodio passeggero che se non fosse per il dramma del vestito uguale sarebbe stato noioso. (6/10)
11. Episodio incentrato sulle borse di studio, per le quali Daria abbassa il suo livello di gradevolezza diventando quasi molesta per le sue dichiarazioni. Meno male che c’è Jake alle prese con dei wurstel. (6/10)
12. L’imbarazzante episodio in cui Daria vuol trombare anzi no con Tom: awkward. Ancora una volta Quinn e Jake alzano il livello col piede monco e il parassita, distogliendo l’attenzione dalle implicazioni mentali sul sesso. (6/10)
13. Episodio bello, un gradevole finale di stagione dopo un po’ di appiattimento. Daria alle prese col suo passato e la sua antisocialità, appoggiata dalla famiglia e col rischio di un incidente che avrebbe fatto urlicchiare. Quando ci mettono dei sentimenti onesti il prodotto è buono. (9/10)
Louie. Stagione 5. Episodio 1.
1. Torna Louie con un episodio che sembra tornare indietro alla terza stagione: spiazza leggermente il repentino ritorno al mood prettamente comico, ma basta poco per ritrovar il vecchio Louie. Comicità strutturata che sembra spicciola ma in realtà è costruita benissimo, con momenti e facce di alto livello. Tornano gli stand-up e sudo arcobaleni. (7/10)
Mad Men. Stagione 7. Episodio 8.
8. Ritorna il maestoso Mad Man, col solito episodio nel quale bisogna ritrovare le giuste misure. La storia si assesta nelle varie sitazioni, con una componente onirica non semplice da digerire. Il prodotto è altissimo e Don torna quello di un tempo, può essere una gioia per gli occhi. (7/10)
The Americans. Stagione 3. Episodio 11.
11. L’episodio post-bomba regge bene, benissimo. L’atmosfera è tagliente e Paige non è inculenta come ci si poteva aspettare, anzi è quasi appassionante vedere come reagisce. Pr il resto è il solito The Americans: ben costruito, leggermente confuso con i nomi, porta avanti tutte le storyline in preparazione agli eventi importanti (Martha, Hotel, Nina). Ansia. (8/10)
The Following. Stagione 3. Episodio 7.
7. Spunta Lemond Bishop che per far ridere è senza un occhio. Solito plot: Ryan indaga a caso e arriva sempre tardi sul luogo del delitto. Da salvare il pazzo scalmanato che taglia mani e ammazza chiunque, da buttare nel cesso tutto il resto. (5/10)
The Good Wife. Stagione 6. Episodio 18.
18. Qui di interessante si fa il caso di Kalinda (che ora è nella cacchissima), il finale col botto di Alicia (e le tecniche video), e la parte di Diane alle prese con un finto processo. Alla fine è tutto, dai. (8/10)

Talk Show
Last Week Tonight With John Oliver. Stagione 2. Episodio 8.
8. John Oliver è un mago delle interviste, ma questa volta ha realizzato un’impresa: è riuscito ad andare in Russia per intervistare il tizio che ha messo in luce qualcosa di scabroso e pericoloso. Il resto dell’episodio è gioia per gli occhi come sempre. (8/10)

Reality
Survivor: Worlds Apart. Stagione 30. Episodio 8.
8. È da tanto che non faccio il tifo spudorato per qualcuno e/o odio qualcun’altro. Inutile dire che ce l’ho con i blu, ovvero con la classica alleanza da 6+ che rovina il gioco (si vede nel voto finale). Meno male che Joe fa tre su tre vincendo tutto: altre mille prove e vince lui. (8/10)

Film
Daria – Is It Fall Yet? (2000)
Probabilmente serviva un film per rimettere in sesto una serie sbandata col colpo di coda della quarta stagione. Il plot funziona, la durata non turba e ci si diverte bene, con anche qualche bel momento serio. La battuta finale di Jake fa da chiusura a tutte le storyline, tra le quali anche quella di Kevin e Brittany funziona. È tutto un dire.
Daria – Is It College Yet? (2002)
Film che si dimostra essere degna conclusione del ciclo seriale. Profuma di fine tutta la querelle relativa alla scelta del College e alla fine del rapporto con Tom (farlo prima, no?), ma ho pianto per lo sciogliemento del Fashion club grazie alla storyline di Quinn, finalmente pienamente apprezzabile.

Alla prossima settimana,
Boss.

Settimana 251: 30/03 – 05/04

Serie TV
Archer. Stagione 6. Episodio 13.
13. RAY ANCORA AZZOPPATOOO AHAAHAH. L’episodio regge bene sulla falsa riga del precedente anche se non regala enormi momenti pieni di nota. Il finale però è quello che ci voleva: un fallimento che può portare ad un ritorno di ArcherVice. (7/10)
Better Call Saul. Stagione 1. Episodio 9.
9. Il finale ci ha esaltato, che sia chiaro: il vero motivo per cui tutto l’episodio è stato prevedibile ci viene sbattuto in faccia in maniera nuda e cruda. Purtroppo mi chiedo: era necessario farci vedere la telefonata? Sarebbe stato prevedibile saperlo? Purtroppo non lo sapremo mai, ma povero Jimmy. (8/10)
Community. Stagione 6. Episodio 4.
4. Per la recita di Chang da una dimensione normale al ragazzo che forse andrebbe sviluppata meglio. Bene il dean anche se la fola è stata un po’ troppo gay esagerata e benino quella del wi-fi, che non diverte più di tanto ma ci può stare. È un Community scialbo però. (7/10)
Daria. Stagione 4. Episodio 10, 11, 12, 13.
10. Classico episodio di Daria che ci consente di vedere i personaggi in altri costumi: devo dire che le storie sono tutte e tre originali e divertenti, anche se vince il professore psicopatico. (7/10)
11. La fola dell’angelo custode mi ha garbato e ha retto bene il rapporto con il Fashion Club MA Daria mi ha dato qualche problema, col suo classico origliare di filato e il suo solito commento fuori posto. Inizio a pensare che sia l’unico personaggio che rompe. (7/10)
12. Bello il pretesto di fare allontanare la famiglia dalla casa e spostarli in hotel (Sandy TVB), ma purtroppo assistiamo verso la fine della stagione all’ennesima diatriba Jane-Daria, questa volta per il moroso di lei. Ce la faranno i nostri eroi a non banalizzarsi? (7/10)
13. Nella costante piattezza degli ultimi episodi, questo sicuramente si eleva in WTF. Non ci aspettava una mossa del genere, soprattutto per il rischio di teenagerizzazione della serie. Sembra scampato, ma ora mi aspetta un film. (9/10)
House Of Cards. Stagione 3. Episodio 5, 6.
5. Oh, alla fine a me questo AmWorks gasa perché ha il potenziale di farne vedere delle belle. L’episodio mi è sembrato più solido di altri, con tutto il baracconte che avanza compatto verso punti comprensibili. L’unico è Doug che spero puzzi di doppio gioco. (8/10)
6. Dal viaggio in Russia, onestamente mi aspettavo qualcosa di meglio. Ok Frank con Puntin mi ha esaltato, ma tutta la fola della presunta incapace Claire aveva rotto in partenza. Tengo il voto decente per via del tizio di Always Sunny (storyline interessante) e per il “colpo di scena”, leggermente telefonato e quasi OOC. (7/10)
The Americans. Stagione 3. Episodio 10.
10. Chi se l’aspettava, così all’improvviso, lo scoppio della bomba Paige? Tutto sostenuto da prove incredibili dei due attori e da una scrittura così delicata nella sua fermezza da entusiasmare. La missione del giorno intriga anche se complica un po’ le carte in tavola. (10/10)
The Following. Stagione 3. Episodio 6.
6. Boh l’ho seguito in maniera distratta, quindi non so bene cosa sia successo. Ho notato solo che Ryan ha problemi con l’ennesima compagna, che è arrivato il tizio di Almost Human e mi dispiace per la sua carriera e che Ryan è arrivato tardi sull’ennesima scena del delitto. Purtroppo per lui le cose si fanno più noiose. Ah, c’è la tizia di Smallville. (5/10)
The Good Wife. Stagione 6. Episodio 17.
17. Anche da questo mi aspettavo qualcosina in più! Ok, tutto perfetto e divertente e serio come al solito, ma se ci pensate bene il caso è un leggerissimo corollario e Alicia sembra far parte di un banalissimo plot del “impara come si fa”. Serve a far ridere nel finale? Ci riesce, ma rindonda un po’ troppo. (7/10)
The Last Man On Earth. Stagione 1. Episodio 7, 8.
7. Forse nell’episodio in cui Phil è più inculento del solito ho trovato gli elementi che più mi piacciono: idiozia, delirio distruttivo, pucciosità e Carol con i tappi nel naso. Alla fine Todd mi sta piacendo. (8/10)
8. Beh, la mucca è servita a muovere le quiete e far muovere i personaggi secondo il loro carattere. La convivenza non so se mi esalta, ma la mucca sì. (7/10)
The Middle. Stagione 6. Episodio 18.
18. Passetto indietro per The Middle, che ricade nelle solite trite e ritrite dinamiche. Bene Mike e Axl alle prese con una storyline banale ma gradevole, malissimo Brick ancora una volta messo a contrasto con i suoi problemi sociali. Dai, un po’ di inventiva! (6/10)
The Red Road. Stagione 2. Episodio 1.
1. Premesso che non mi ricordavo assolutamente nulla, il ritorno in mezzo agli indiani non è stato così traumatico: i paesaggi mi piacciono, il cast mi sembra ancora buono e, soprattutto, sembra di aver assistito ad un secondo pilot. L’omicidio finale e l’inizio della riserva darà il la alle varie vicende. Bene. (7/10)
The Walking Dead. Stagione 5. Episodio 16.
16. Per me è un finale da sì, capace di regalare una scena finale da Rick <3, ma anche momenti di risate e WTF incredibili. A prescindere dai Lupi, ennesimo rischio di buffonata futura, Glenn col suo amico che si libera da tre zombie a caso mi gasa, così come il salto giorno-notte mentre Rick <3 corre. Il resto è fuffa che ha generato il #TeamILPRETE. POI SCUSATE MORGAN È TORNATO. (8/10)

Reality
Survivor: Worlds Apart. Stagione 30. Episodio 7.
7. Votone alto perché in questo episodio c’è di tutto: post-blindside, merge con dubbi, prova storica dove vince il favorito per cui si tifa, strategie, SUPER TRIBAL COUNCIL CON TWIST e gente che vota in modo IDIOTA. BENE. (10/10)

Alla prossima settimana,
Boss.


Rubriche

Comandamenti
Mai più senza:
- Armadio
Opere d'Arte:
- Scultura alle Selz Soda

TV

Classificone Televisivo 2012/2013
Classificone Televisivo 2013/2014
Classificone Televisivo 2014/2015
Classificone Televisivo 2015/2016

Al momento seguo:
Better Call Saul, Stagione 3
Fargo, Stagione 3
Girls, Stagione 6
Ink Master: Redemption, Stagione 3
Last Week Tonight With John Oliver, Stagione 4
Seinfeld, Stagione 5
Son Of Zorn, Stagione 1
Survivor, Stagione 34 (Game Changers)
The Handsmaid Tale, Stagione 1
The Last Man On Earth, Stagione 3
The Middle, Stagione 8
Z Nation, Stagione 3

Sul Kindle


Douglas Adams - Mostly Harmless


David Simon - Homicide: A Year On The Killing Streets

Musica

Ora sono in fissa con:

Frank Ocean - Blonde (2016)

Best of 2009
Best of 2010
Best of 2011

Visite