Settimana 226: 06/10 – 12/10

Serie TV
The Good Wife. Stagione 6. Episodio 3.
3. Che gioia, anche quest’anno sono riusciti ad inventarsi l’ennesimo processo strambo! Tutto va avanti molto bene, grazie al caso di Cary filo conduttore di trame e sottotrame appassionanti. Mi fa storcere il naso la probabile precoce candidatura di Alicia, anche se la fiducia è sempre massima. Finale da urletti. (8/10)
Z Nation. Stagione 1. Episodio 5.
5. Questo fa schifo. Purtroppo la grandissima idea del TORNADO DI ZOMBIE va in vacca per colpa della città della niggaz, che senza appassionare ci fa scoprire parte del passato. Alcuni fan cose senza senso, altri vanno in giro a caso e si salvano, il dottore diverte e, mentre la casa viene spazzata via, il furgone e il camion restano al loro posto. Non perdo neanche tempo ad analizzare il tutto. (5/10)
The Middle. Stagione 6. Episodio 3.
3. Classico, classico The Middle. C’è un problema del giorno e il quintetto si divide le storyline. Inconsistente quella di Brick, ma spassosa, e poco approfondito il rapporto di Sue con il caffé. Sarebbe stato da approfondire. Top Axl che si laurea in “buisness”. (7/10)
Brooklyn Nine-Nine. Stagione 2. Episodio 2.
2. Dai va bene, grazie alla guest-star, al sergente drogato e alla pucciosità del finale. Manca un pochino il fattore assurdità e soprattutto manca la coppia di colleghi merdoni, ma ci accontentiamo. (7/10)
You’re The Worst. Stagione 1. Episodio 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10.
1. Decisamente un bel pilot, che funziona perfettamente: scritto bene, girato bene, raffinato nella sua semplicità e con un finale pucci che non ci si aspettava. Malino solo il momento che fa rinsavire, ma è tutto ok. (8/10)
2. Andiamo bene, i meccanismi funzionano ancora, soprattutto grazie all’improvvisa comparsata della ex che smuove le acque da una situazione che rischiava di ristagnare. Il bimbo è ancora fuori contesto. (8/10)
3. Continuiamo ad andar bene: giunge il compleanno di Gretchen e iniziano a subentrare i piccoli problemini di organizzazione della coppia. Di buono c’è che anche i personaggi corollari per la prima volta funzionano nel collettivo, la scrittura li gestisce bene. (8/10)
4. Leggero passettino indietro: le vicende dell’ex militare divertono ma non intrattengono più di tanto, anche se lo vedo bene interagire con la migliore amica. La casa di Gretchen è di un banale che non si può descrivere: ne so qualcosa, ma così è esagerato. (7/10)
5. Dai, carina tutta l’impostazione, anche perché quel filino di gelosia che muove le cose non fa mai male. A me continua a esaltare l’amica, ma questa volta anche il tizio con la lista se la cava abbastanza bene. Promosso. (8/10)
6. Episodio che spinge decisamente sull’accelleratore della pucciosità, anche se non mi ha entusiasmato il discorso delle corna. Bene l’amica chubby che alla fine ha quel certo non so che che mi gasa. Benino il coinquilino nei propri drammi. (8/10)
7. Piccolo passo indietro, colpa del problema di coppia del giorno da cercare di risolvere. Questa formula scade nel cliché, anche se il threesome uccide dalle risate. Bene la coppia di amici paccati, ma ridondanti. (7/10)
8. Oh, questo mi è piaciuto un bel po’. Al di là della rottura tra i due, l’episodio regala anche momenti comici oltre che momenti puccio-depressi. Cinque euro che l’anello non era per lei. Viva Draco Malfoy. (9/10)
9. Mi sbilancio? Episodio che, rinvangando il passato e analizzando la situazione da vari punti di vista ottiene il massimo dei voti. Riesce nell’intento di toccare varie corde dell’animo, facendoci capire che i personaggi sono oramai entrati nel cuore. Una piccola perla. (10/10)
10. Bel finale di stagione, con tanta carne al fuoco e un finale che fa sempre ben sperare nel futuro. Tutte le storyline gasano e alla fine tocca dirlo: chi non vorrebbe aver avuto una relazione del genere? Bravoni. (9/10)
Boardwalk Empire. Stagione 5. Episodio 3, 4, 5.
3. Questo in effetti è un po’ pallosetto: l’azione torna in mano a Nucky, che muove pedine con una lentezza disarmante, e a Mr. White che sta tutto il giorno in casa col tizio che prevedibilmente ammazza. Mhhh. (6/10)
4. Si vede qualcosa di impegnativo: il contatto tra Margareth e Nucky non è fastidioso, anzi, Capone dimostra il proprio delirio totale e gasa con le sue trame militari, all’Havana c’è il colpo di scena ma Nucky piccolo ha un po’ rotto le scatole, anche se tutto è interessante. Solita media, è palese e gradito il tentativo di tirare i fili. (7/10)
5. Non so perché, ma questo mi è piaciuto più degli altri. Sarà per l’ennesimo intrigo di malavita, sarà per l’utilità di Van Alden e socio, sarà per Chalky vestito bene o per il bruttissimo Steve Buscemi giovane. Fatto sta che non m’è venuto l’abbiocco e mi sono gasato per il proseguio. (8/10)
Homeland. Stagione 4. Episodio 1, 2.
1. Mah, cos’è stato ‘sto paciugo? La reintroduzione ai personaggi e al nuovo contesto è un buco nell’acqua, basti considerare come è stata messa in campo la “solitudine” di Carrie, o come sono stati presentati i vari personaggi. Una poracciata. Se quello che è successo dovrebbe servire a far scattare la storia della stagione, siam messi male. (6/10)
2. Che brutto lavoro. Episodio incentrato su qualche piccolo movimento politico che porta vari personaggi ad interagire tra loro in maniera forzata e Carrie ad avere a che fare con quella bruttissima bimba (che sembra Damien in CGI). Vince solo Quinn che si fa la tizia, poca roba. (5/10)

Talk Show
Last Week Tonight With John Oliver. Stagione 1. Episodio 20.
20. Ancora un evidente grande tema americano, che appassiona soprattutto grazie alla satirica parentesi Law&Orderiana. Molto bene anche i segmenti prima, con le olimpiadi invernali su tutti. (8/10)

Reality
Ink Master. Stagione 5. Episodio 6.
6. Carina e originale l’idea della sfida sul doppio tatuaggio della chiappa. Fa riderissimo la giuria che come peggior tatuaggio sceglie quello migliore, così come fa ridere Emily. Da oggi sono team Munez, nella speranza che la caccino a pedate. (7/10)
Survivor: San Juan Del Sur. Stagione 29. Episodio 3.
3. Episodio lofi, anche se principalmente per colpa dei personaggi ancora troppo poco interessanti. L’episodio è visto e stravisto, senza nulla da rilevare se non una rissa verbale e un bel blindside. Pollo il tizio. (5/10)

Alla prossima settimana,
Boss.

Annunci

0 Responses to “Settimana 226: 06/10 – 12/10”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Rubriche

Comandamenti
Mai più senza:
- Armadio
Opere d'Arte:
- Scultura alle Selz Soda

TV

Classificone Televisivo 2012/2013
Classificone Televisivo 2013/2014
Classificone Televisivo 2014/2015
Classificone Televisivo 2015/2016

Al momento seguo:
Better Call Saul, Stagione 3
Fargo, Stagione 3
Girls, Stagione 6
Ink Master: Redemption, Stagione 3
Last Week Tonight With John Oliver, Stagione 4
Seinfeld, Stagione 5
Son Of Zorn, Stagione 1
Survivor, Stagione 34 (Game Changers)
The Handsmaid Tale, Stagione 1
The Last Man On Earth, Stagione 3
The Middle, Stagione 8
Z Nation, Stagione 3

Sul Kindle


Douglas Adams - Mostly Harmless


David Simon - Homicide: A Year On The Killing Streets

Musica

Ora sono in fissa con:

Frank Ocean - Blonde (2016)

Best of 2009
Best of 2010
Best of 2011

Visite


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: