Archivio per settembre 2012

Settimana 119: 17/09 – 23/09

Serie TV
Boardwalk Empire
. Stagione 3. Episodio 1.
1. Ufff. Ci si trova qualche mese dopo la fine della seconda stagione e si perde tempo a capire nuove situazioni. Vengono introdotti nuovi personaggi e le storyline proseguono senza momenti memorabili. Van Alden diventa improvvisamente gradevole e Richard resta l’unico personaggio interessante, anche se il suo gesto non è spiegato. Come ha fatto a scoprire l’assassino di Angie? Plot hole bello grosso. (6/10)
Revolution. Stagione 1. Episodio 1.
1. Tante parole si potrebbero sprecare per un pilot che non ha nessun punto di interesse se non un plot potenzialmente forte. Non si capisce come il mondo possa essere andato alla deriva in quindici anni ma le gerarchie di comando e il computer Lostiano stuzzicano la fantasia. Ha molta, molta strada da fare. (6/10)
The Mob Doctor. Stagione 1. Episodio 1.
1. Beh, pilot che lascia perplessi. In ospedale è tremendo, fuori è pacchiano. Dubbia moralità e scene d’azione gratuite, rendono l’episodio un calderone confuso ma con un potenziale discreto, se solo trovasse una strada precisa. (5/10)
Go On. Stagione 1. Episodio 3.
1. Eccoci al primo episodio che trova il tempo di farmi ridere. Ben interpretato e con una trama finalmente sensata, soffre ancora di prevedibilità ma colma tutte le piccole lacune con forti dosi di pucciosità. (8/10)

Reality
Survivor
. Stagione 25 (Philippines). Episodio 1.
1. Ahhhhh, finalmente. Si ricomincia con Survivor e bisogna dire che lo si fa discretamente bene. Le tre tribe ampliano il gioco e i tre vecchi concorrenti trovano subito il loro posto. Bene la prova, interessanti alcuni personaggi già dalle prime battute. Un sacco di tetteh, viva Angie e Rc. (7/10)

Alla prossima settimana,
Boss.

Annunci

Settimana 118: 10/09 – 16/09

Serie TV
Go
On. Stagione 1. Episodio 2.
2. Si incomincia. L’episodio è gradevole, con un buon ritmo e l’uso di una scrittura funzionale allo sviluppo della trama, anche se a volte esagera. Si ride poco e c’è da migliorare molto sull’uso dei personaggi stramboidi, troppo stereotipati ma dal gran potenziale. Resta l’interesse. (7/10)
Boss. Stagione 2. Episodio 5.
5. Forse il primo passo falso della stagione. Un inizio dal ritmo forsennato, la regia stacca tra le scene in maniera rude cercando di mostrare il più possibile nel minor tempo utile. La seconda metà si risolleva, ma le allucinazioni di Kane, pur mettendo in luce l’ottimo Donovan, sono troppo ridondanti. La malattia del sindaco è un motore fondamentale per lo sviluppo della serie e questa stagione lo sta dimostrando, anche se in maniera troppo palese. Per questo motivo il finale perde di potenza ma guadagna di credibilità. Molto bene la storyline politica di Zajak/Kitty/Sam che, pur soffrendo di una banalità di base, si sviluppa bene e torna ad illuminarsi di luce propria, lasciando lo spettatore incerto sul futuro del candidato.  Nota di merito a Groff: mono-espressione, ma calato bene nella parte. (7/10)
NTSF:SD:SUV::. Stagione 2. Episodio 6.
6. Altra battuta su Friends ed ennesimo episodio assurdo. La trama fa abbastanza pena, anche se le tecniche di tortura sono geniali, su tutte quelle della libreria musicale. Se lo facessero a me, esploderei. Fantastica la scena col laser e col biscotto. (8/10)

Musica
Swans – The Seer (2012)
Non li conoscevo e non li conoscerò. Disco davvero duro da capire e da ascoltare. Meriterebbe un approfondimento solo per il coraggio avuto nell’inserire una traccia da trentadue minuti, ma anche no. Genere boh.

Alla prossima settimana,
Boss.

Settimana 117: 03/09 – 09/09

Serie TV
Breaking Bad
. Stagione 5. Episodio 8.
8. Ho scritto un po’ ovunque il mio pensiero, cercherò di essere sintetico. Finale coerente con la stagione, con una rivelazione finale che non mi ha sconvolto particolarmente per come è nata. La casualità della scoperta non mi ha turbato ed è stato l’ennesimo colpo di genio. Il fastidio nasce dalla scelta degli autori di creare una facile curiosità nello spettatore, condensando avvenimenti importantissimi in poche scene (alle volte al limite del WTF). Forse guardando la quinta stagione nel suo complesso avremo un quadro completo, per adesso dovremo subire mesi di attesa spasmodica. Bastardi. (7/10)
Parks And Recreation. Stagione 4. Episodi 13, 14, 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22.
13. Noiosetto e poco divertente il segmento di Leslie. Maestoso come sempre Ron, in contatto con un redivivo Tom. Bella la raccolta fondi e leggero passo avanti di un tagliato fuori Chis. Chiusura stellare. (7/10)
14. Episodio carino e divertente, anche se l’accoppiata Ann-Tom è imbarazzante. Gli spunti comici ci sono, Ron e Chris su tutti, ma la storyline del trovare un uomo ad Ann è davvero imbarazzante. Ora attendo la caccia al tesoro di Ron. (7/10)
15. No dai, davvero: Tom e Ann non si possono affrontare. Bene integrato il ritorno di Louie che dà nuova luce anche a Ben e alla sua fobia. Rivediamo Ron interagire con April, ma la vena comica non è al massimo livello. (7/10)
16. Tom e Ann BASTA vi prego. Compleanno di Jerry davvero pessimo, mi aspettavo qualcosa di meglio dal mio personaggio preferito. L’episodio regge, grazie a Ron che trova il tempo di portarsi dietro la canoa e farci un giro. Due secondi che valgono l’episodio. (7/10)
17. Finalmente la campagna entra nel vivo e l’arrivo di una rivale aumenta la posta in gioco. Ottimo anche lo stralcio nel dipartimento, con la questione della fontanella tanto assurda quanto divertente. Sarà per l’assenza di Tom? Credo di sì. (8/10)
18. Ron torna in versione Tiger Woods, in un episodio gradevole ma non eccelso. Ovvio che Jerry alza il livello a suon di leccate, ma non è abbastanza. Si è perso un po’ il filo, ma il potenziale per chiudere in bellezza c’è. (7/10)
19. Scoppia la lotta dei budget e Leslie se la cava decisamente bene. April ha a che fare con un nuovo incarico e se la cava discretamente bene. Davanti a Chris si prospetta un futuro incerto, insomma: episodio di transizione, sull’onda dei precedenti. (7/10)
20. Andy che racconta i film guadagna punti incredibili e il discorso di Leslie dimostra il potenziale sentimentale di un gruppo di personaggi che si fanno amare nel tempo. È chiaro il tentativo di preparare il pubblico per un gran finale. (8/10)
21. Ora mancano solo le elezioni. Tutto funziona, compresa la questione furgoni (dal finale senza senso) e l’indagine di Andy. Chris è completamente fuori dai giochi, la nuova compagna potrebbe dargli speranza. (7/10)
22. Finita. Episodio conclusivo degno ed efficace, anche se i momenti drama non li ho vissuti per colpa del mio hd esterno che si sarebbe sconnesso ad ogni mio movimento. Stagione più difficile delle precedenti e le nuove strade preparate potrebbero portare nuova luce. Epico Jerry che si scorda di votare. (8/10)
Boss. Stagione 2. Episodio 4.
4. La cosa che mi convince di più di questa serie è, senza dubbio, la sottile linea tra l’allucinazione e la realtà. Forse l’utilizzo è spesso strumentale, ma è utile a fare capire il dramma umano del protagonista. Questo cambio di visuale sta già portando i primi frutti ma la crisi di lucidità potrebbe infierire. Zajak, senza Kane, è inutile quanto Kitty e il giornalista perde mordente con quelle minuscole comparsate. Drammatica la scena del bagno ma noiosa la figlia e il suo boy nigga che, anche se ci regala la consueta dose di tette, resta un nigga disadattato esagerato. (8/10)
NTSF:SD:SUV::. Stagione 2. Episodio 5.
5. Ennesimo episodio assurdo. Le Time Angels sono fighe e, se davvero avranno uno spin-off, le amerò alla follia. I viaggi nel tempo vivono di paradossi estremizzati ed effetti speciali terribili. Fantastico. (9/10)

Musica
Jessie Ware – Devotion (2012)
Primo album, dopo tanto tempo, ascoltato a caso pescando dai Best New Music di Pitchfork. Qualche trovata interessante, ma assolutamente niente di maestoso. La cantante non è aiutata da una voce sì navigata, ma poco convolgente. Fa bene il compitino.
Wild Nothing – Nocturne (2012)
Classico disco dalle sonorità dream che cresce con gli ascolti. Masticando con gli incisivi il genere, qualche bella sviolinata resta in testa, ma manca il capolavoro capace di dare un tono e un punto di riferimento a suoni simili tra loro.

Alla prossima settimana,
Boss.

Settimana 116: 27/08 – 02/09

Serie TV
Breaking Bad
. Stagione 5. Episodio 7.
7. Mhh. Episodio maestoso e con un finale veramente toccante. Messo in mostra l’ennesimo omicidio, messo in atto dal vero protagonista della stagione: il delirio mentale di Walter White. Poco da dire su l’aspetto tecnico, ma l’aspetto transitorio e la forzatura di alcune scene indeboliscono un prodotto sempre e comunque esplosivo (8/10).
Battlestar Galactica. Stagione 2. Episodio 20Stagione 3. Episodi 1, 2, 3, 4.
20. Episodio dalla durata maggiore, chiude la questione New Caprica con le elezioni. Gaius vince e per la seconda volta mette in crisi il genere umano: un idolo indiscusso. Improvvisamente si salta di un anno in avanti e quello che si vede è davvero impressionante. Scelta coraggiosissima da parte degli autori, ma si dimostra essere una scelta saggia e sensata. La resa di Baltar e il salto della flotta sono un ottimo finale di stagione. (9/10)
1. Ci si trova spaesati, dato che le carte in tavola sono cambiate. Fronti di ribellione, le Battlestar lontane e un rapporto stretto con i Cylon nella vita di tutti i giorni. Finale amarissimo, ma l’idea che in futuro possano ammazzare Baltar mi esalta. Bisogna prendere confidenza. Starbuck si è infighita. (8/10)
2. Finale amarissimo con un colpo di scena non del tutto convincente. Punto a favore lo sviluppo del piano di salvataggio, punto a sfavore la storyline di Kara e della figlia. Si fa fatica ad abituarsi all’assenza della Battlestar e dello spazio. (7/10)
3. Inizia il piano di recupero. Numero tre inizia ad avere visioni oniriche che fanno storcere il naso ma anche chiudere un occhio. Sharon protagonista resta uno dei personaggi più interessanti e tutto si prepara ad esplodere di tensione. Premio comicità ad Apollo, goffamente ciccione. (7/10)
4. Diciamo addio alla Pegasus mentre diamo il bentornato alla vecchia flotta. In un episodio in cui l’azione la fa da padrona, alcune scelte semplificate non rovinano un grande episodio, ricco anche sotto l’aspetto sentimentale. Ora vedremo cosa riusciranno a combinare i protagonisti col nuovo assetto. Adama si è tagliato i baffi hip, Apollo riuscirà a dimagrire? (9/10)
Parks And Recreation. Stagione 4. Episodio 8, 9, 10, 11, 12.
8. Puccioso il finale, carino Ron che si preoccupa per Andy come ottimo Jerry vs. Tom. Peccato che Ann e Chris siano completamente fuori dalla serie e che le idee comiche scarseggino. (7/10)
9. Episodio gradevole che guadagna incredibili punti nel finale, quando si vede la testimonianza di Jerry. Finalmente si è chiuso, in maniera originale, il dramma amoroso tra Leslie e Ben: riusciremo ad andare avanti e parlare di altro? (8/10)
10. Che dire: un finale non epico, di più. Commozione allo stato puro in un episodio che trova facilmente i propri spazi comici. Un buon ritmo e la sistemazione del caso Ben-Leslie dà più respiro alla trama orizzontale delle elezioni. (10/10)
11. Primo comizio di Leslie GENIALE. Fa tutto così schifo in maniera così pucciosa che non riesco a smettere di ridere. Debole il segmento Chris-Ben, ma poi si scopre che Jerry fa tutto giusto quando deve sbagliare e il mondo si riempie di arcobaleni. (9/10)
12. Carino, sull’onda degli altri. Il livello comico e di pucciosità cala leggermente, anche se il marito di Phoebe è assurdo e gradevole. Bene il confronto Ben, che sembra tornare utile a qualcosa. (8/10)
Boss. Stagione 2. Episodio 3.
3. Dopo aver risolto il cliffangher alla fine del primo episodio, si torna a macinare politica e scendere nella vita di Tom Kane. Non male tutto l’impianto, in un episodio dai tratti chiaramente transitori. Straziante la figura di Meredith, spaesata la figlia, Groff continua a non cantare. Da segnalare il degrado della malattia e le ottime, seppur brevissime, comparsate di Ezra. Avanti così, finale non scontato. (8/10)
NTSF:SD:SUV::. Stagione 2. Episodio 4.
4. Solito delirio, ma trama che segue il solito schema. Ancora deciso il ricamo comico con ottimi rimandi esterni, ma dieci minuti leggermente confusi. (7/10)

Musica
Metric – Synthetica (2012)
È grazie a loro se ho un avatar su internet ed ogni nuovo lavoro mi incuriosisce profondamente. L’album assume spessore con gli ascolti, ma manca decisamente di qualità. Poca innovazione e soprattutto poca canticchiabilità: so che non è un metro di giudizio, ma la piattezza dei pezzi annoia. Quello con Lou Reed è un buco nell’acqua.

Alla prossima settimana,
Boss.


Rubriche

Comandamenti
Mai più senza:
- Armadio
Opere d'Arte:
- Scultura alle Selz Soda

TV

Classificone Televisivo 2012/2013
Classificone Televisivo 2013/2014
Classificone Televisivo 2014/2015
Classificone Televisivo 2015/2016

Al momento seguo:
Better Call Saul, Stagione 3
Fargo, Stagione 3
Girls, Stagione 6
Ink Master: Redemption, Stagione 3
Last Week Tonight With John Oliver, Stagione 4
Seinfeld, Stagione 5
Son Of Zorn, Stagione 1
Survivor, Stagione 34 (Game Changers)
The Handsmaid Tale, Stagione 1
The Last Man On Earth, Stagione 3
The Middle, Stagione 8
Z Nation, Stagione 3

Sul Kindle


Douglas Adams - Mostly Harmless


David Simon - Homicide: A Year On The Killing Streets

Musica

Ora sono in fissa con:

Frank Ocean - Blonde (2016)

Best of 2009
Best of 2010
Best of 2011

Visite