Settimana 107: 25/06 – 01/07

Serie TV
30 Rock
Stagione 6. Episodi 11, 12, 13, 14, 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22.
11. Altro eccellente episodio. Il cambio di lavoro di Kenneth influisce sulla qualità del personaggio, ma il baraccone in sé non ne risente. La storyline di Jack non è il massimo, anche se l’attrice ragazzina è un mostro di bravura. (7/10)
12. Puntata su San Patrizio. Sentire Litz che dice “ti amo” fa impressione ed è sicuramente la storyline più debole unita al ritorno di Denny. Jack e il gioco di ruolo è inutile mentre tiene alto il livello il litigio tra Jenna e Tracy, sedato da Kenneth sempre più fuori luogo. Top Lutz come sempre. (7/10)
13. Si vede che Kenneth sta male fuori luogo, si può dire che l’esperimento per ora è fallito. Se l’idea di Jenna sul film tv per sua moglie andasse in porto, sarebbe un bell’episodio di lancio. Altrimenti uno stand-alone non entusiasmante. (7/10)
14. Ecco che il film si fa concreto. L’attore che interpreta Jack è così stellare che mi lascia senza parole. Viva lui e viva la canzone di Jenna. Kenneth sempre più escluso. (7/10)
15. Episodio sconnesso che serve solo a far muovere in avanti la mente capitalista di Jack. Un turbine di demenza di contorno, anche prevedibile, degli altri personaggi. Kenneth fa davvero pena, gli scrittori non si vedono e Hazel non convince. (6/10)
16. Lutz fa il furbetto con Jenna, Pete se la vede con Jack e Tracy con Litz. Accoppiae giuste in un delirio scritto ottimamente. Tutto funziona e le trame sono collegate in maniera saggia. Si torna a salire. (8/10)
17. Ottimo l’innesto di Colleen e ottima ancora una volta la storyline. Non prettamente divertente, è interessante lo sviluppo della trama orizzontale. Tracy sugli scudi. (8/10)
18. La fabbrica dei divani prende piede e il delirio di Jenna è una delle cose più demenziali che io abbia mai visto. Genio allo stadio puro. Liz e l’adozione non mi convince. (8/10)
19. Eccomi al mio personale evento HYPE dell’anno. L’episodio live della stagione. Tra un nugolo di guest-star, la storia si dimena bene e mette in luce, per l’ennesima volta, la bravura di TUTTI gli attori. I venti minuti funzionano e il finale con Paul che canta Zou Bisou Bisou è una delle cose più mind-blowing MAI VISTE. (10/10)
20. Eccoci ancora al reality su Angie, la moglie di Tracy. Cambia il registro ma resta lo sviluppo orizzontale. Un buon cambio di direzione, pur essendo il cambio di genere difficile da digerire. (7/10)
21. Torna Avery, ma l’unico neo resta il non aver sentito il rap di Liz lungo un’ora. La ricerca di uno sponsor da parte di Jenna non è esaltante, ma l’hype il matrimonio è al massimo. (7/10)
22. Finale di stagione ben girato. Ogni personaggio ha un progetto per il futuro e, a parte Kenneth, sono tutti ben costruiti. Jack a piede libero è una mina vagante, Liz convince col moroso spuntato dal nulla, la casa di produzione di Tracy promette scintille… All’anno prossimo. (8/10)
The Good WifeStagione 3. Episodi 11, 12, 13, 14, 15, 16, 17, 18.
11. Allontanano Will da Alicia? Se il prezzo da pagare è l’avvicinamento a Dianne e Kalinda ci posso anche stare. La Carter non mi entusiasma, come non mi entusiasma il rigiro dell’indagine contro Will. Molto carino il caso, per l’ennesima volta visto da un punto diverso. Anche quando l’attenzione cala, il livello resta altissimo. (8/10)
12. Mr. Gardner, you’ve been served. BOOOM. Episodio decisamente legale, 100 % trama e ambientazioni relative alla causa contro lo studio. Alti e bassi: alti il ritorno della Tascioni e il suo rapporto con Will; bassi il tizio che va e viene per parlare o meno con Diane. Che fine ha fatto il pistolero? Cary strappalacrime. (7/10)
13. Il caso del giorno si aggira su delle questioni che non mi hanno entusiasmato. Kalinda torna a fare il suo lavoro ma la vera punta di diamante è la Tascioni alle prese col caso di Will. Fantastica. (7/10)
14. Eccoci di fronte al Grand Jury. La difesa Tascioni funziona, e Will riesce a figheggiare in maniera enorme. La risoluzione è troppo a favore del protagonista, mi aspettavo un po’ più di acidità. Si pone una provvisoria fine alla trama principale. (7/10)
15. No va beh, Will se ne deve andare per sei mesi. L’unica cosa che mi tranquillizza è il vederlo figheggiare fuori dallo studio (così posso imparare). Il caso è decisamente noioso e fatto male, con Groff che per fortuna non canta. Nubi sul futuro, ma scena finale da brividi. (7/10)
16. A parte che l’appartamento di Will probabilmente ha un ponte levatoio e una stalla per l’unicorno, le sorelle sono un riempitivo che fa storcere il naso. Primo episodio senza Will e l’assenza si sente: le carte e i personaggi per muovere le acque ci sono, bisogna però usarli. (7/10)
17. Will fuori dai giochi è un’assenza pesante. Il caso del giorno riguarda ancora Sweeny e francamente non oso più immaginare cosa gli metteranno contro per vederlo ancora in tribunale. La parte interessante resta quella di Cary, insieme alla situazione personale di Alicia. Ottimo l’addio di Caitlin. (7/10)
18. Michael J. Fox è sempre una gioia per gli occhi. Per un attimo ho anche creduto che Alicia potesse accettare. Will è sempre più fuori contesto mentre Diane, in questo caso, domina la scena a mani bassissime. (8/10)
It’s Always Sunny In PhiladelphiaStagione 5. Episodi 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12.
1. TANTA ROBA come al solito. Delirio maniacale ad altissimo livello. Quando pensi che Deandra sia rinsavita, si scopre che il suo livello di deficienza è addirittura aumentato. Charlie avvocato anche se è analfabeta. LOL (8/10)
2. La gang decide di partire per il Grand Canyon e, inutile dirlo, falliscono. Gli italiani scambiati per gipsy sono il TOP, ma anche Dee che tira dal finestrino un barattolo di piscio non scherza. EPICO. (8/10)
3. La storia dei soldi finti è geniale, quasi come i coltelli e l’aspirapolvere. Poi c’è Charlie che pesca granchi morti e si fa licenziare perché analfabeta… IDOLO. (8/10)
4. Un intero episodio passato ad organizzare e fare un intervention a Frank, al limite della schifezza umana. Il gruppo è all’apice del delirio mentale e il livello resta perciò altissimo. (8/10)
5. Torna a spuntare la waitress, il mio amore della serie. Lei è sempre bellissima e il fatto che si sposi ma che lo prenda in quel posto la rende tenerissima. L’appuntamento di Charlie è fantastico, così come la festa a casa di Dee. Genio puro. (9/10)
6. Puntata ambientata in tribunale, dove la gang cerca di non pagare una multa. Vedere Charlie in versione avvocato mi fa morire, ma qui spunta anche il greenman e tutto aumenta di bellezza. (8/10)
7. Trashman. Ho detto tutto. Vedere DeVito mangiare e sputare spazzatura dopo aver reciso l’aorta al prete intrippato vestito da terrorista, NON HA PREZZO. Episodio di una stupidità sconcertante. (9/10)
8. L’avvocato è protagonista quindi episodio leggermente sotto tono. Le idee di merchandising restano GENIALI e ho seriamente rischiato di comprare un “dick towel”. Col proiettile di tequila sono morto. (8/10)
9. Sì ok va bene ciao i gatti incastrati nel muro sono fantastici. Un po’ come Mac e Dannis che vivono in simbiosi. Questa stagione sta veramente trasudando genialità da ogni secondo. Denny DeVito all’apice della schifosità. (8/10)
10. Il D.E.N.N.I.S. system è una delle cose più maestose che io abbia mai visto. Anche se ho scoperto che la waitress è la moglie di Charlie Day, la sua presenza illumina l’episodio. È tutto fottutamente perfetto. (9/10)
11. Film dalla trama strabiliante, si torna sul vecchio tentativo di Dee di fare l’attrice. La demenza dei personaggi risalta quando questi si trovano ad aver a che fare con situazioni normali. Dee ricoperta di sangue è spettacolare. (8/10)
12. Solito delirio ma a parte i pantaloni hip di Frank, il resto non è un granché. La sfida a Flipadelphia entra nella leggenda, ma in un contesto scarso. (7/10)

Musica
Dave Matthews Band – Before These Crowded Streets (1998)

Non male, il terzo album è sempre sulla stessa onda dei precedenti. Suono americano, melodie strutturate brani non eccessivamente lunghi anche quando si passano i sette minuti. Niente spicca in diversità, ma l’orecchiabilità resta.

Alla prossima settimana,
Boss.

Annunci

0 Responses to “Settimana 107: 25/06 – 01/07”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Rubriche

Comandamenti
Mai più senza:
- Armadio
Opere d'Arte:
- Scultura alle Selz Soda

TV

Classificone Televisivo 2012/2013
Classificone Televisivo 2013/2014
Classificone Televisivo 2014/2015
Classificone Televisivo 2015/2016

Al momento seguo:
Better Call Saul, Stagione 3
Fargo, Stagione 3
Girls, Stagione 6
Ink Master: Redemption, Stagione 3
Last Week Tonight With John Oliver, Stagione 4
Seinfeld, Stagione 5
Son Of Zorn, Stagione 1
Survivor, Stagione 34 (Game Changers)
The Handsmaid Tale, Stagione 1
The Last Man On Earth, Stagione 3
The Middle, Stagione 8
Z Nation, Stagione 3

Sul Kindle


Douglas Adams - Mostly Harmless


David Simon - Homicide: A Year On The Killing Streets

Musica

Ora sono in fissa con:

Frank Ocean - Blonde (2016)

Best of 2009
Best of 2010
Best of 2011

Visite


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: