La minaccia

Ogni qual volta c’è una festività, gli asili chiudono. Questo significa che mia nipote, invece di arrivare a metà pomeriggio, viene a casa mia dalle OTTO di mattina. Dati i miei particolari ritmi sonno/veglia, ogni volta vengo svegliato in maniera truculenta da grida, urla, schiamazzi dopo poche ore di sonno. Questa volta ho deciso di mettere le mani avanti.
Prima che ieri sera andasse a casa, l’ho minacciata. “Nipote, se domani mattina ti azzardi a fare confusione e a svegliarmi, ti mangio il CULETTO”. Per far vedere che non scherzavo, ne ho assaggiato un pezzetto (un po’ insipido).

Stamattina non ha volato una mosca. Ho solo sentito in lontananza un “vai a svegliare il tato?” e la chiara risposta “no, oopo angia culetscio”.
Mi sento un ORCO.

Però sono un orco riposato.

Alla prossima minaccia,
Boss.

Annunci

0 Responses to “La minaccia”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...




Mi trovate anche qui

Sul Kindle


Ann Leckie – Ancillary Justice


David Simon – Homicide: A Year On The Killing Streets

Archivio

Visite

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: