Settimana 29: 27/12 – 02/01

Serie TV
30 Rock
. Stagione 2. Episodio 10.
10. Beh, episodio non particolarmente esaltante, mi aspettavo che la storia con Edie Falco finisse in maniera più pirotecnica. Tina Fey sotto tono, l’episodio si salva con un finale trash a livelli enormi. (7/10)
Mad Men. Stagione 4. Episodi 1, 2, 3, 4.
1. Che dire. Mi sono concesso dei mesi di attesa. Mi sono gustato l’immagine del momento in cui avrei iniziato a guardare questa stagione. L’attesa è valsa il gioco, dato che lo schiaffo iniziale è stato come sempre fortissimo. Ecco l’ennesimo cambio di dinamiche e situazioni da comprendere, subito inserite in una trama senza grinze, dove ogni scena, anche la più corta e silenziosa, ha qualcosa da dire. Seguirla (finalmente) in lingua originale mi costringerà, un giorno, ad un rewatching completo dell’intera opera. Non vedo l’ora. (8/10)
2. Episodio che mi ha lasciato l’amaro in bocca. Un Don Draper messo così male non si era mai visto, da uomo che si è fatto da solo è diventato l’uomo che si è distrutto da solo. Ho paura che stia cadendo in un baratro senza ritorno, anche se probabilmente tirerà fuori l’ennesimo coniglio dal cappello. Che ci scappi anche il problema d’alcol? Comunque voglio meno bimbo psicopatico e più January Jones psicopatica, mentre il mio amore per la Hendrix aumenta sempre più. (8/10)
3. Episodio che lascia, nella prima parte, l’amaro e la disperazione in bocca. Nella seconda un misto di incredulità e disagio dovuta alla presenza di personaggi dell’ufficio fuori dall’ufficio. Il tratto resta sempre ottimo, le migliori scene restano quelle con l’uso sapiente della penombra. (9/10)
4. Leggermente sotto-tono, sarà perché le vicende riguardano principalmente Pete, e lui con la sua faccia da eterno bimbo mi è sempre stato sulle balle, sia che facesse il bravo che facesse il monello (come in questo caso). Per il resto, il mondo di Don crolla sempre più e l’alcol lo si nota sempre più spesso. Memorabile la scena con la segretaria e l’arrivo della vecchia, solo per quello meriterebbe un dieci. (7/10)

Musica
These New Puritans – Beat Pyramid (2008)
Lo sapevo che non mi dovevo fidare delle buone critiche. Rispetto al secondo sembra un brodo diluito, vago e striminzito. Nettamente inferiore al successivo.

Film
Harry Potter And The Prisoner Of Azkaban
, Alfonso Cuaròn – 2004
Film che segue le indicazioni del libro, tutto sommato è anche ben fatto. La trama si inizia ad intricare e si nota già l’abbandono (almeno in parte) delle atmosfere da bambino. Non un capolavoro della cinematografia, ma decisamente in linea se non meglio dei precedenti.
Harry Potter And The Goblet Of Fire, Mike Newell – 2005
Ennesimo cambio di regia, ma la sostanza non cambia. Forse, assieme al terzo, è il libro migliore dei sette, ed è sicuramente uno dei più impegnativi (in lunghezza). Il film deve tagliare e lo fa ad una velocità imbarazzante, tagliando un sacco di cose e modificando la trama generale per dare un senso ai tagli. Resta comunque godibile e ben fatto.

Alla prossima settimana,
Boss

Annunci

0 Responses to “Settimana 29: 27/12 – 02/01”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...




Mi trovate anche qui

Sul Kindle


Ann Leckie – Ancillary Justice


David Simon – Homicide: A Year On The Killing Streets

Archivio

Visite

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: